domenica, Giugno 23, 2024
spot_img
spot_img

Random Post This Week

spot_img

Related Posts

Gunting e Guntang

Gunting e Guntang

Gunting e Guntang

Il gunting è un colpo a forbice tipico delle arti marziali filippine o FMA.

La tecnica base consiste nel deviare con la mano con un pawas (parata in deviazione) il colpo del tuo aggressore e contemporaneamente colpire con l’altra mano possibilmente armata o a mano nuda il bicipite dell’aggressore.

Una difesa attiva di paro e colpisco contemporaneamente ma da una distanza di “sicurezza” che ti permette di colpire l’arto allungato che attacca del tuo aggressore.

Il colpo può essere fatto di pugno con le nocche o con un oggetto che tengo nella mano o nella versione armata con un coltello o il bastone.

L’obiettivo è quello di danneggiare gli arti dell’avversario/aggressore distruggendo le sue armi impedendogli di usarle.

Solitamente il gunting viene tirato al bicipite (inside) o tricipite (outside / verticale) ma può anche essere diretto alla mano e all’avambraccio.

PS. Una cosa importante da considerare nei gunting è che se hai a disposizione un Kubotan, un Palm Stick, una chiave, una penna, ecc. l’effetto del gunting diventa ancora più devastante.

L’effetto distruttivo dei gunting ha la massima espressione utilizzando il coltello da mignolo ma la stessa tecnica la si può eseguire con un coltello classico e con il karambit.

Il “Gunting” è una tecnica avanzata delle arti marziali filippine (FMA) che coinvolge movimenti simili a quelli delle forbici.

La tecnica base del gunting comporta l’utilizzo di un movimento di parata chiamato “pawas” per deviare l’attacco dell’avversario, mentre con l’altra mano, armata o meno, si colpisce il bicipite dell’aggressore.

Questa azione simultanea di difesa e attacco crea una distanza di sicurezza, consentendo di colpire l’arto esteso dell’aggressore.

Il gunting può essere eseguito sia a mani nude sia con vari oggetti come un coltello, un bastone, o anche strumenti più piccoli come un Kubotan, un Palm Stick, una chiave, o una penna.

L’obiettivo è danneggiare gli arti dell’avversario per neutralizzare la sua capacità di attacco. Questi colpi possono essere mirati al bicipite (inside gunting) o al tricipite (outside o verticale gunting), ma anche alla mano o all’avambraccio.

La tecnica diventa particolarmente efficace quando utilizzata con strumenti come il coltello da mignolo, ma può essere efficacemente applicata anche con coltelli classici o il karambit.

L’idea principale dietro il gunting è quella di distruggere le “armi” dell’avversario, limitandone la capacità di utilizzarle ulteriormente nell’attacco.

Gunting e Guntang

La traiettoria del colpo sul bicipite/tricipite può essere:

La traiettoria del colpo nel gunting, quando mirato al bicipite o al tricipite, può essere eseguita in due modi principali:

  1. Traiettoria a Scendere (Diagonale): A scendere tipica del colpo di coltello con una traiettoria diagonale a scendere. In questo caso utilizzo le nocche delle dita per aumentare il danno al muscolo del bicipite. Questa tecnica è ispirata ai colpi di coltello che seguono una traiettoria diagonale verso il basso. In questa variante, si utilizzano le nocche delle dita per massimizzare l’impatto e il danno al muscolo del bicipite. La forza del colpo e l’angolo acuto della traiettoria mirano a creare un danno più profondo e focalizzato, potenzialmente compromettendo la funzionalità del muscolo colpito.
  2. Traiettoria Diretta (Orizzontale): Diretta con traiettoria orizzontale simile a un Hook per un impatto normale a bersaglio. Questo tipo di colpo è simile a un pugno “hook” in boxe, con una traiettoria orizzontale che mira a colpire direttamente il bersaglio. Questo approccio può essere utilizzato per un impatto solido e diretto, con l’obiettivo di disabilitare temporaneamente il braccio dell’avversario o di ridurre la sua capacità di reazione. Questo colpo si concentra sull’impatto e la forza piuttosto che sulla precisione del danno ai tessuti come nel caso della traiettoria a scendere.

Entrambe le tecniche sono volte a neutralizzare l’efficacia del braccio dell’avversario, limitando la sua capacità di attacco o di difesa.

La scelta tra queste due traiettorie dipende dalla situazione specifica, dalla posizione relativa degli avversari, e dalla strategia complessiva impiegata nella difesa o nell’attacco.

Distruzioni (guntings) alle braccia si possono fare in diversi modi e direzione:

  • Gunting o Guntang Interno
  • Gunting o Guntang Esterno
  • Gunting o Guntang Orizzontale
  • Gunting o Guntang Verticale
  • Gunting o Guntang Diagonale a scendere
  • Gunting o Guntang di Pugno su pugno
  • Gunting o Guntang di Gomito su pugno
  • Gunting o Guntang di Ginocchio su pugno
  • Gunting o Guntang di Calcio/Piede su pugno

Le variazioni del Gunting (o Guntang) nelle arti marziali filippine sono numerose e si differenziano in base alla direzione, all’arma (o parte del corpo) utilizzata, e al bersaglio.

Ecco una panoramica delle diverse varianti:

  1. Gunting Interno: Questa tecnica colpisce l’interno dell’arto dell’avversario, come il bicipite, utilizzando un movimento interno, spesso con una parata e un contrattacco simultanei.
  2. Gunting Esterno: Simile al gunting interno, ma colpisce l’esterno dell’arto, come il tricipite, utilizzando un movimento esterno.
  3. Gunting Orizzontale: Questa variante prevede un colpo orizzontale, mirato tipicamente a colpire braccia o mani dell’avversario in un movimento trasversale.
  4. Gunting Verticale: Si tratta di un colpo che segue una traiettoria verticale, mirato a colpire dall’alto verso il basso o viceversa, ad esempio lungo la lunghezza del braccio dell’avversario.
  5. Gunting Diagonale a Scendere: Questa tecnica utilizza un movimento diagonale verso il basso, imitando la traiettoria di un taglio con il coltello, per massimizzare il danno al muscolo.
  6. Gunting di Pugno su Pugno: Qui, un pugno viene utilizzato per colpire il pugno dell’avversario, con l’intento di danneggiare o distrarre.
  7. Gunting di Gomito su Pugno: In questa variazione, si usa il gomito per colpire il pugno dell’avversario, sfruttando la potenza e la durezza del gomito per un impatto efficace.
  8. Gunting di Ginocchio su Pugno: Un colpo di ginocchio viene diretto contro il pugno dell’avversario, unendo la forza del ginocchio con una traiettoria ascendente o discendente.
  9. Gunting di Calcio/Piede su Pugno: Infine, questa variazione impiega un calcio o un colpo di piede contro il pugno dell’avversario, sfruttando la forza e la portata delle gambe.

Ogni variante del gunting ha le sue specificità e può essere più o meno efficace a seconda del contesto, della posizione degli avversari e delle abilità del praticante.

Queste tecniche mirano a neutralizzare l’offensiva dell’avversario danneggiando i suoi arti, riducendo così la sua capacità di attacco e difesa.

 

Guntang

Guntang che è un colpo diretto quindi non a forbice ma con sempre l’obbiettivo di debilitare la funzione muscolare.

Il “Guntang” è una tecnica nelle arti marziali filippine che, a differenza del “Gunting” che ricorda un movimento a forbice, implica un colpo diretto.

L’obiettivo principale del Guntang rimane quello di debilitare la funzione muscolare dell’avversario.

Ecco alcuni aspetti chiave di questa tecnica:

  1. Colpo Diretto: A differenza del Gunting, che utilizza un movimento incrociato o a forbice, il Guntang impiega un colpo diretto. Questo significa che la forza del colpo è applicata direttamente sull’obiettivo senza movimenti incrociati o deviati.
  2. Targeting dei Muscoli: L’obiettivo principale del Guntang è quello di debilitare i muscoli dell’avversario. Questo può includere colpire i muscoli del braccio, della gamba, o altre parti del corpo per ridurre la loro funzionalità, limitando così l’efficacia degli attacchi o delle difese dell’avversario.
  3. Uso di Varie Parti del Corpo: Il Guntang può essere eseguito utilizzando diverse parti del corpo, come pugni, gomiti, ginocchia, o addirittura la testa. La scelta dipende dalla distanza dall’avversario e dal contesto specifico della situazione.
  4. Efficacia nel Combattimento Ravvicinato: Questa tecnica è particolarmente efficace nel combattimento a corto raggio, dove c’è meno spazio per movimenti ampi e la rapidità e la precisione del colpo diretto possono fare la differenza.
  5. Integrazione con Altre Tecniche: Il Guntang può essere combinato con altre tecniche delle arti marziali filippine, creando una serie di mosse che possono disorientare e sopraffare un avversario.
  6. Adattabilità: Anche se il Guntang è un colpo diretto, può essere adattato per essere usato con varie armi, come bastoni, coltelli, o anche oggetti improvvisati, a seconda della situazione e della disponibilità di tali strumenti.

Il Guntang è una tecnica potente e diretta che mira a ridurre la capacità dell’avversario di combattere efficacemente, attraverso l’impatto diretto sui muscoli.

Questa tecnica richiede precisione, tempismo e una buona comprensione della meccanica del corpo per essere eseguita correttamente.

Gunting e Guntang Fighting Tips - Street Fight Mentality & Fight Sport

Andiamo a analizzare nel dettaglio i gunting elencati:

  • Il gunting all’interno viene effettuato andando a colpire il bicipite dell’avversario/aggressore nella parte interna del braccio.
  • Il gunting all’esterno viene effettuato andando a colpire il tricipite dell’avversario/aggressore nella parte interna del braccio.

ll gunting orizzontale la mano devia e con la mano che colpisce effettua un movimento come se si tirasse un hook al bicipite/avambraccio/mano.

Si utilizza movimento a forbice con un colpo che va a colpire con le nocche con pugno verticale, ad hammer fist, ecc.

Dipende se si para con la mano sinistra o destra su un colpo di Jab o Cross.

Il gunting verticale la mano che va a colpire fa un movimento verso l’alto.

Spesso si vede eseguire questo colpo con il braccio disteso ma è un errore perché nel si rischia nel momento in cui l’aggressore sta ritirando il braccio dopo il colpo di colpire il suo gomito con il braccio facendomi un danno.

Nel gunting in verticale il braccio deve essere leggermente piegato e il pugno ruotato in su per evitare di colpire il gomito.

Il gunting diagonale a scendere questo movimento è derivato dall’uso del coltello e si tira il gunting andando a effettuare la parata che devia e con la mano che va a colpire un movimento discendente con il pugno, o con le nocche mediane delle dita effettuando un movimento discendente come se si volesse tagliare.

Questo gunting è tipico quando si ha una guardia molto alta.

Il gunting di gomito su pugno consiste nel direzionare il pugno dell’avversario verso il gomito guidando il pugno con un pawas verso il gomito piegato del braccio in verticale o orizzontale o in diagonale, questo dipende dalla posizione di guardia e del braccio.

La gomitata che va a colpire può essere:

  • Verticale
  • Orizzontale
  • Diagonale a scendere
  • Diagonale a salire

Le tecniche di gomitata e i tipi di Gunting di ginocchio e piede nelle arti marziali filippine rappresentano metodi efficaci per neutralizzare l’offensiva di un avversario.

Ecco una descrizione dettagliata di queste tecniche:

Tecniche di Gomitata

  1. Gomitata Verticale: Questa tecnica impiega un movimento verticale del gomito, colpendo dall’alto verso il basso o viceversa. È particolarmente efficace per colpire obiettivi come il volto o la clavicola dell’avversario.
  2. Gomitata Orizzontale: Si tratta di un colpo orizzontale eseguito con il gomito, simile a un hook nel pugilato, utile per colpire lateralmente, ad esempio alla testa o alle costole dell’avversario.
  3. Gomitata Diagonale a Scendere: Questo tipo di gomitata segue una traiettoria diagonale dall’alto verso il basso, permettendo di colpire efficacemente parti del corpo come la testa, il collo o la spalla dell’avversario.
  4. Gomitata Diagonale a Salire: In questa variante, il gomito segue un movimento diagonale ascendente, utile per colpire l’avversario al mento, al petto o all’addome.

 

Gunting di Ginocchio

Il gunting di ginocchio consiste nel colpire con il ginocchio del piede il pugno dell’aggressore abbassando il suo colpo di pugno per avvicinarlo al ginocchio.

Il Gunting di ginocchio è una tecnica che prevede di colpire con il ginocchio il pugno dell’avversario.

Questo si ottiene abbassando il colpo di pugno dell’avversario per avvicinarlo al ginocchio.

L’obiettivo è intercettare l’attacco dell’avversario e contrattaccare con un colpo di ginocchio, potenzialmente danneggiando la mano o il braccio dell’avversario e interrompendo la sua offensiva.

 

Gunting di Piede

Il gunting di piede consiste nel colpire con la punta del piede sotto il bicipite abbassando il colpo di pugno per avvicinarlo al colpo.

Il Gunting di piede coinvolge l’uso della punta del piede per colpire sotto il bicipite dell’avversario.

Anche in questo caso, si tratta di abbassare il colpo di pugno dell’avversario per avvicinarlo al piede, consentendo un contrattacco efficace.

Questa tecnica può essere utile per creare uno squilibrio nell’avversario o per danneggiare il suo braccio, riducendo così la sua capacità di lanciare ulteriori attacchi.

 

Queste tecniche richiedono una buona padronanza della distanza, del tempismo e della precisione, oltre a una comprensione approfondita del movimento e della meccanica del corpo, sia del praticante che dell’avversario.

In un contesto di combattimento reale, la capacità di adattarsi rapidamente e utilizzare queste tecniche in modo efficace può fare una grande differenza nell’esito di uno scontro.

Gunting

Guntang

Il guntang è un colpo di pugno diretto al polso o al bicipite diretto, quindi senza l’utilizzo della mano viva che incrocia parando e direzionando il colpo dell’avversario verso il mio pugno.

Questa è una variante senza utilizzare la mano opposta che devia.

Molto utile per tenere la distanza è creare danni alle mani e braccia dell’avversario.

Molto efficace se si ha un kubotan, un Palm Stick, una penna, delle chiavi, un oggetto duro, ecc.

Il “Guntang” è una tecnica specifica delle arti marziali filippine che si concentra sull’uso di un colpo di pugno diretto per colpire il polso o il bicipite dell’avversario.

Questa tecnica si distingue per alcune caratteristiche chiave:

  1. Colpo Diretto: A differenza di altre tecniche che possono richiedere l’uso di una mano “viva” per parare e deviare l’attacco dell’avversario, il Guntang si basa su un colpo di pugno diretto, senza l’assistenza di una mano opposta che devia l’attacco.
  2. Mantenimento della Distanza: Il Guntang è particolarmente utile per mantenere una distanza di sicurezza tra te e l’avversario. Colpendo il polso o il bicipite, si limita la capacità dell’avversario di avvicinarsi o di eseguire attacchi efficaci.
  3. Creazione di Danni: Questa tecnica mira a creare danni alle mani e ai bracci dell’avversario. Colpendo queste aree, si riduce la funzionalità degli arti dell’avversario, limitando così la sua capacità offensiva.
  4. Efficacia con Oggetti Portatili: Il Guntang diventa particolarmente efficace quando eseguito con oggetti come un Kubotan, un Palm Stick, una penna, delle chiavi o qualsiasi altro oggetto duro. L’uso di questi strumenti aumenta il potenziale di danno del colpo, rendendo la tecnica ancora più devastante.
  5. Semplice e Diretta: Essendo una tecnica che non richiede movimenti complessi o l’utilizzo di entrambe le mani, il Guntang può essere più semplice da eseguire rispetto ad altre tecniche più complesse, specialmente in situazioni di stress o quando si dispone di poco tempo per reagire.
  6. Applicabilità in Diverse Situazioni: Data la sua natura diretta e l’efficacia anche con piccoli oggetti portatili, il Guntang può essere un’utile tecnica di autodifesa in una varietà di situazioni, sia in ambienti chiusi sia in spazi aperti.

Il Guntang è una tecnica versatile e potente che può essere un’importante aggiunta al repertorio di qualsiasi praticante di arti marziali, soprattutto per coloro che cercano metodi efficaci per neutralizzare gli attacchi a breve distanza mantenendo un controllo sulla situazione.

Gunting e Guntang Fighting Tips - Street Fight Mentality & Fight Sport

I colpi dopo il Gunting

Una fase molto importante da non trascurare sono i colpi che seguono il gunting che possono essere diversi in base a quello che voglio fare come colpire, proiettare, scappare, ecc.

Dopo aver eseguito un Gunting nelle arti marziali filippine, è importante seguire con tecniche efficaci per sfruttare al meglio l’apertura creata.

I colpi successivi al Gunting possono variare a seconda delle intenzioni del praticante, che possono includere colpire, proiettare, neutralizzare o anche creare un’opportunità per allontanarsi.

I colpi che seguono il gunting sono molti ma voglio elencare alcuni:

  1. Colpi occhi con la mano sinistra o destra
  2. Backfist (Manrovescio)
  3. Elbow (Gomitata)
  4. Knee (Ginocchiata)
  5. Calcio sulla linea bassa
  6. Spazzare
  7. Lanciare

Ecco alcuni esempi di tecniche che possono essere impiegate dopo un Gunting:

  1. Colpi agli Occhi con la Mano Sinistra o Destra: Questi colpi mirano a disorientare o accecare temporaneamente l’avversario, riducendone la capacità di reazione e offrendo un vantaggio strategico.
  2. Backfist (Manrovescio): Il backfist è un colpo rapido e potente eseguito con il dorso della mano. È efficace per colpire l’avversario in modo inaspettato, sfruttando l’angolazione e la velocità del colpo.
  3. Elbow (Gomitata): Una gomitata può essere utilizzata per infliggere un danno significativo, specialmente a distanza ravvicinata. Può essere eseguita in varie direzioni, come orizzontale, verticale, o diagonale.
  4. Knee (Ginocchiata): La ginocchiata è un’ottima scelta per colpi a breve distanza e può essere mirata all’addome, all’inguine o alle gambe dell’avversario, a seconda della posizione relativa.
  5. Calcio sulla Linea Bassa: Questi calci mirano a zone come le ginocchia, le caviglie o le cosce, con l’obiettivo di ridurre la mobilità dell’avversario o causare dolore sufficiente a interrompere il suo attacco.
  6. Spazzare: Le spazzate sono tecniche volte a far perdere l’equilibrio all’avversario, spesso portandolo a terra. Questo può aprire ulteriori opportunità per colpi o per una fuga.
  7. Lanciare: Questa tecnica consiste nel proiettare l’avversario a terra, sfruttando la leva, l’equilibrio e la forza. Un lancio efficace può neutralizzare immediatamente l’avversario, permettendo al praticante di controllare la situazione o di allontanarsi.

La scelta di quale tecnica utilizzare dopo un Gunting dipende dalla situazione specifica, dalle capacità del praticante e dalla reazione dell’avversario.

L’importante è mantenere il controllo della situazione, sfruttare l’apertura creata dal Gunting e adattare rapidamente la propria strategia per massimizzare l’efficacia dell’attacco o della difesa.

 

Colpi agli occhi con la mano sinistra o destra.

Questo è un colpo molto efficace perchè riduce o toglie la visibilità all’avversario.

Può essere un colpo di punta o un colpo a graffiare gli occhi con il pollice.

Colpo di Pugno

Esempio: Dopo il Inside Gunting tiro un Hook stretto più altri due Hook in combinazione fulminea, poi afferrò la nuca e ginocchiata.

Volendo la combinazione può cambiare altezza come due hook al viso e uno al corpo oppure hook al viso e hook al corpo e poi di nuovo al viso.

Backfist (Manrovescio)

Esempio: Dopo il colpo di gunting con la mano che ha parato tiro un backfist sfruttando la rotazione del corpo

Elbow (Gomitata)

Proseguendo con la stessa mano che ha tirato il colpo e andando a colpire proseguendo in avanti con il gomito alla spalla, al costato sotto il braccio, al viso, allo sterno, ecc..

La tipologia di gomitata è una scelta, l’idea è quella di utilizzare il gomito

Esempio 1: Con gomitata diretta. Inside Gunting Dx + Elbow Dx alla spalla o al viso + Hammer sempre di Dx al viso + Elbow di Sx questa volta ma con la mano destra che afferra la nuca dell’avversario

Esempio 2: Con gomitata orizzontale girata. Dopo aver tirato un colpo di hook al bicibide sfrutto la rotazione dell’hook per proseguire con una gomitata girata orizzontale al viso

Knee (Ginocchiata)

Esempio 1: dopo il gunting tiro una ginocchiata diretta, oppure afferro in clinch e vado a colpire con una ginocchiata la gamba, i genitali, fegato o milza, lo sterno, al viso.

Esempio 2: dopo il gunting afferro in clinch e vado a colpire con una ginocchiata la gamba, i genitali, fegato o milza, lo sterno, al viso.

Calcio sulla linea bassa

Esempio 1: dopo il gunting tiro un calcio diretto ai genitali o sugli stinchi.

Esempio 2: dopo il gunting tiro un calcio diretto sugli stinchi.

Esempio 3: dopo il gunting tiro un calcio ai genitali a salire a uncino e tiro indietro la gamba (tecnica del silat indonesiano) e dopo con la stessa gamba vado a colpire il ginocchio andando a sbilanciare l’avversario/aggressore

Spazzare

Spingere con piede su piede dell’avversario/aggressore

Esempio: dopo il Gunting metto il mio piede sopra il piede dell’avversario e spingo a due mani tenendo il piede schiacciato andando a lesionare la caviglia dell’avversario.

Proiettare

Esempio su gunting su Jab: proseguo andando in avanti mettendo la gamba destra dietro la coscia dell’avversario e con il braccio destro come una lancia a tagliare lungo il viso e ruoto in senso orario e proietto.

Esempio 1: su gunting su Jab Cross. Dakup su Jab o Waslik su Jab e Inside Gunting su Cross, metto la mano che ha colpito direttamente sulla faccia proseguendo il movimento in avanti sbilanciando la testa indietro e proietto con un movimento circolare spingendo con con il piede la sua gamba in appoggio.

Esempio 2: su gunting su Jab, metto la mano che ha colpito direttamente sulla faccia proseguendo il movimento in avanti sbilanciando la testa indietro e proietto con un movimento circolare spingendo con con il piede la sua gamba in appoggio.

Testata

Esempio: dopo il gunting proseguo in avanti con la testa bassa a colpire il mento/naso dell’aggressore.

La testata è un colpo molto potente soprattutto chiudendo la distanza

Dumog

Dopo il gunting eseguo delle leve articolari.

Qui si aprono una serie di possibilità. Te ne illustro alcune, anche se ti rimando al capitolo sul dumog e sullo studio delle leve articolari per esplorare le possibilità.

Qui ti illustrerò con alcuni esempi le possibilità più comuni:

  • Esempio 1: Leva al gomito a V
  • Esempio 2: Leva al gomito da sotto con il gomito da fulcro e la mano che tira verso il basso

Ecc.

Ci sono molte varianti da poter fare come colpire con la testa, ecc.

Studiare eventuali altre possibilità

 

Esercizi per sviluppare il Gunting in una condizione reale

In una prima fase è necessario studiare le tecniche isolando le sequenze e inserire la prosecuzione dopo il Gunting dividendole in più fasi.

Isolando la tecnica e aggiungendo in seguito il colpo successivo o la sequenza di colpi successivi, o proiezioni, ecc. ma per sviluppare la capacità di eseguire i Gunting in una situazione reale è necessario adottare degli allenamenti mirati che obbligano a seguire la tecnica su un avversario non collaborativo ma protetto per non subire danni, e con il compagno di allenamento che tira realmente dei pugni per colpire.

  • Esercizio 1: Uno tira Jab e Cross e l’altro esegue i Gunting / Guntang che ha studiato. Iniziare lentamente e aumentare la velocità. Chi tira il gunting lo faccia con le mani aperte
  • Esercizio 2: Come prima ma dopo il gunting proseguire con una sequenza di colpi
  • Esercizio 3: Come prima ma dopo il gunting proiettare a terra

Gunting e Guntang Fighting Tips - Street Fight Mentality & Fight Sport

Aspetti di Autodifesa

Il Gunting, essendo una tecnica centrale nelle arti marziali filippine, ha un’importanza significativa non solo in termini di combattimento sportivo, ma anche nell’ambito dell’autodifesa.

La sua applicabilità in scenari di autodifesa reale risiede in diversi aspetti chiave:

Adattabilità a Situazioni Reali

  1. Versatilità: Il Gunting può essere adattato per difendersi da una vasta gamma di attacchi, inclusi colpi di pugno, attacchi con coltello, o altre forme di aggressione fisica. La sua flessibilità lo rende una tecnica preziosa in molteplici scenari di autodifesa.
  2. Distanza e Timing: Il Gunting insegna a gestire la distanza e il timing nell’affrontare un aggressore. Questo è fondamentale nell’autodifesa, dove mantenere una distanza di sicurezza e scegliere il momento giusto per reagire può fare la differenza tra neutralizzare un’aggressione e diventare vulnerabili.

Tecniche Specifiche per l’Autodifesa

  1. Intercettare e Neutralizzare: Il Gunting è efficace nell’intercettare gli attacchi dell’avversario e nel neutralizzarli rapidamente, che sia un colpo di pugno o un attacco con un’arma.
  2. Controattacchi: Dopo aver neutralizzato l’attacco iniziale, il Gunting permette di lanciare controattacchi mirati a parti sensibili del corpo dell’aggressore, come occhi, gola, o articolazioni.
  3. Utilizzo di Oggetti di Autodifesa: Il Gunting può essere efficacemente combinato con oggetti di autodifesa come penne tattiche, chiavi, o piccoli bastoni. Questo amplia il potenziale di difesa in situazioni in cui si potrebbe essere altrimenti disarmati.

Considerazioni Pratiche

  1. Legittima Difesa: È fondamentale considerare le leggi sulla legittima difesa nel proprio paese o regione quando si applicano tecniche di autodifesa. L’uso del Gunting dovrebbe essere proporzionato al livello di minaccia.
  2. Situazioni di Aggressione Reale: Nell’autodifesa, l’obiettivo principale è la sicurezza personale. Il Gunting può essere utilizzato per creare un’apertura per fuggire da una situazione pericolosa, non solo per neutralizzare l’aggressore.
  3. Allenamento e Preparazione Mentale: L’efficacia del Gunting in situazioni di autodifesa dipende dall’allenamento regolare e dalla preparazione mentale. Essere preparati mentalmente a reagire in modo calmo e deciso è tanto importante quanto la competenza tecnica.

Il Gunting offre un’ampia gamma di applicazioni nell’ambito dell’autodifesa.

La sua capacità di adattarsi a diverse situazioni, la sua enfasi sulla gestione della distanza e del timing, e la sua efficacia nell’intercettare e neutralizzare gli attacchi, lo rendono una componente vitale di qualsiasi programma di autodifesa.

Tuttavia, è essenziale abbinare l’allenamento tecnico con la consapevolezza delle leggi sulla legittima difesa e con una preparazione mentale adeguata.

 

Il Gunting, come elemento fondamentale delle arti marziali filippine

Il Gunting, come elemento fondamentale delle arti marziali filippine, offre numerosi vantaggi e competenze uniche a chi lo pratica.

Ecco alcuni aspetti chiave che sottolineano la sua importanza e i benefici che apporta:

Sviluppo dell’Uso Simultaneo delle Mani

  1. Coordinazione: Il Gunting richiede e sviluppa una coordinazione eccezionale tra le due mani. Questa abilità è cruciale nelle arti marziali, poiché permette di eseguire difese e attacchi contemporaneamente, aumentando l’efficacia in combattimento.
  2. Velocità e Fluidità: L’allenamento nel Gunting migliora la velocità e la fluidità dei movimenti. La capacità di cambiare rapidamente da un colpo all’altro o di combinare parate e attacchi rende un praticante molto più agile e imprevedibile.
  3. Ambidestria: Questa tecnica aiuta a sviluppare un’uguale competenza in entrambe le mani, rendendo il praticante meno prevedibile e più versatile nel combattimento.

Lavoro su Diverse Distanze e Principio del “Rompere il Dente del Serpente”

  1. Gestione della Distanza: Il Gunting insegna a gestire la distanza nel combattimento, permettendo di attaccare efficacemente senza esporsi a rischi eccessivi. La capacità di controllare la distanza è fondamentale in qualsiasi situazione di combattimento.
  2. Neutralizzazione dell’Avversario: Il concetto di “rompere il dente del serpente” si riferisce alla neutralizzazione dell’attacco dell’avversario. Nel contesto del Gunting, significa intercettare e danneggiare gli arti attaccanti dell’avversario, riducendo significativamente la sua capacità di infliggere danni.
  3. Prevenzione e Contr oattacco: Invece di attendere passivamente l’attacco, il Gunting consente di prendere l’iniziativa, interrompendo l’attacco dell’avversario e creando opportunità per un efficace contro attacco.

 

Consigli per l’Allenamento:

Per migliorare la tecnica del Gunting nelle arti marziali filippine, è essenziale un allenamento mirato e costante.

Ecco alcuni consigli e suggerimenti per la pratica che possono essere utili per praticanti di tutti i livelli:

1. Esercizi di Base per la Coordinazione

  • Allenamento a Coppie: Praticare il Gunting con un partner può aiutare a sviluppare tempismo e coordinazione. Iniziate con movimenti lenti e aumentate gradualmente la velocità man mano che migliorate.
  • Drill di Parata e Contrattacco: Eseguire sequenze ripetitive dove una persona attacca (ad esempio con un pugno) e l’altra applica il Gunting. Questo aiuta a sviluppare riflessi rapidi e una comprensione intuitiva della tecnica.

2. Migliorare la Precisione e la Velocità

  • Shadow Boxing con Elementi di Gunting: Praticare il Gunting nell’ombra (senza un partner) permette di concentrarsi sulla precisione del movimento, sulla postura e sulla fluidità.
  • Esercizi con un Sacco da Boxe: Colpire un sacco da boxe incorporando il Gunting può aiutare a sviluppare potenza e resistenza.

3. Uso di Attrezzature Specifiche

  • Focus Mitts e Thai Pads: Lavorare con queste attrezzature può migliorare la precisione e la potenza del Gunting, oltre a migliorare il tempismo e la distanza.

4. Allenamento della Forza e della Flessibilità

  • Esercizi di Forza: Esercizi di potenziamento per le braccia, le spalle e il nucleo centrale del corpo possono migliorare la potenza del Gunting.
  • Stretching e Flessibilità: Mantenere un buon livello di flessibilità aiuta a prevenire infortuni e a eseguire movimenti più fluidi e rapidi.

5. Allenamenti Specifici per le Arti Marziali

  • Drill di Reazione: Reagire a vari stimoli (come attacchi improvvisi) può aiutare a migliorare il tempismo e l’adattabilità del Gunting.
  • Sparring Controllato: La pratica dello sparring, sotto la supervisione di un istruttore qualificato, consente di applicare il Gunting in un contesto dinamico e realistico.

6. Studio e Analisi

  • Videoanalisi: Studiare video di esperti che eseguono il Gunting può offrire una comprensione più profonda della tecnica.
  • Feedback Costante: Ricevere e lavorare su feedback da istruttori o compagni di allenamento è cruciale per affinare la tecnica.

7. Consistenza e Pazienza

  • Pratica Regolare: La consistenza è la chiave per migliorare qualsiasi abilità nelle arti marziali, inclusa il Gunting.
  • Pazienza e Mentalità Positiva: Essere pazienti con il proprio progresso e mantenere un atteggiamento positivo e di apertura all’apprendimento.

Incorporare questi consigli nell’allenamento quotidiano può aiutare a migliorare significativamente la tecnica del Gunting.

È importante ricordare che il progresso richiede tempo e dedizione, e che la guida di un istruttore qualificato è sempre preziosa per un apprendimento efficace e sicuro.

 

Conclusioni

il Gunting non è solo una tecnica di combattimento; è una filosofia e una metodologia che trasforma il modo in cui un artista marziale approccia il combattimento.

Fornisce un quadro unico per comprendere la dinamica del combattimento, sviluppare riflessi rapidi, migliorare la coordinazione e diventare un combattente più completo e versatile.

La pratica regolare del Gunting può portare a un notevole miglioramento non solo nelle abilità specifiche di combattimento, ma anche nella comprensione generale della strategia e della tattica nelle arti marziali.

Il gunting è un elemento delle arti marziali filippine molto importante e che ti aiuta a sviluppare l’uso simultaneo delle due mani contemporaneamente.

Inoltre permette di lavorare a una distanza differente dei colpi andando a lavorare sul principio di rompere il dente del serpente.

 

Stay Tuned!

Street Fight Mentality & Fight Sport

Andrea

Andrea
Andreahttp://expertfightingtips.com
Con una passione per la difesa personale e gli sport da combattimento, mi distinguo come praticante e fervente cultore e ricercatore sulle metodologie di allenamento e strategie di combattimento. La mia esperienza abbraccia un vasto panorama di discipline: dal dinamismo del Boxing alla precisione del Muay Thai, dalla tecnica del Brazilian Jiu-Jitsu all'energia del Grappling, dal Combat Submission Wrestling (CSW) all'intensità del Mixed Martial Arts (MMA). Non solo insegno, ma vivo la filosofia di queste arti, affinando costantemente metodi e programmi di allenamento che trascendono il convenzionale. La mia essenza si riflette nell'autodifesa: Filipino Martial Arts (FMA), Dirty Boxing, Silat, l'efficacia del Jeet Kune Do & Kali, l'arte della scherma con coltelli e bastoni, e la tattica delle armi da fuoco. Incarno la filosofia "Street Fight Mentality", un approccio senza fronzoli, diretto e strategico, unito a un "State Of Love And Trust" che bilancia l'intensità con la serenità. Oltre al tatami, la mia curiosità e competenza si spingono verso orizzonti diversi: un blogger professionista con la penna sempre pronta, un bassista dal groove inconfondibile e un artigiano del coltello, dove ogni lama è un racconto di tradizione e innovazione. Questa sinfonia di abilità non solo definisce la mia identità professionale, ma dipinge il ritratto di un individuo che nella diversità trova la sua unica e inconfondibile voce e visione. Street Fight Mentality & Fight Sport! Andrea

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

SELF DEFENCE

FIGHT SPORT

Popular Articles

error: Content is protected !!