lunedì, Luglio 15, 2024
spot_img
spot_img

Random Post This Week

spot_img

Related Posts

I punti di controllo del corpo umano

I punti di controllo del corpo umano

I punti di controllo del corpo umano come i i principali bersagli del corpo umano per sapere dove colpire per essere efficaci e creare maggior danno al tuo aggressore/avversario sono degli elementi da conoscere.

Non farti manipolare!

Questi che sto per elencarti sono 10 punti di controllo del corpo umano che devi conoscere e integrare nella tua formazioni.

Alcuni di questi punti di controllo del corpo umano sicuramente già li conosci e li utilizzi!

Ti sarà capitato più volte su te stesso o di vedere amici che giocando qualcuno per indicare vai a quel paese spinge il gomito dell’amico verso il corpo facendogli muovere il piede e quindi sbilanciandolo perché il movimento gli serve per ristabilire l’equilibrio.

Oppure nella Muay Thai attraverso il Clinch che è basato sul controllo del collo dell’avversario per spostarlo e sbilanciarlo mentre gli vengono sferrate potenti ginocchiate o creare aperture per sferrare colpi di mano o gomitate.

I punti di controllo del corpo umano

Un amico che per giocare ti tiene per le dita e anche se non sa quello che fa tu sei costretto a seguirlo figuriamoci se conoscesse le tecniche di Chin Na.

Qinna (擒拿 afferrare e tenere) è un termine delle arti marziali cinesi che indica l’insieme di tecniche di presa e di controllo delle articolazioni, di colpi e di lussazioni.

Lungo il corso dei secoli si sono sommate numerosissime tecniche: le leve articolari (拿骨 Nagu), le prese alla gola, le prese ai muscoli ed ai tendini (拿筋 Najin) e la pressione dei punti vitali (拿穴 Naxue) o Dianxue (点穴).

Alcuni stili come l’Yingzhaoquan ed il Baguazhang sono particolarmente specializzati in queste tecniche.

L’utilizzo dei Qinna da parte dei corpi di polizia e dell’esercito ha contribuito a farne oggi una disciplina indipendente.

Particolarmente famoso per le sue conoscenze in questo campo fu il maestro Han Qingtang.

I punti di controllo del corpo umano

I punti di controllo del corpo umano

Questi sono i punti chiave del corpo umano che sono cruciali per il movimento e il controllo del corpo.

Questi punti sono spesso il fulcro di molte arti marziali e tecniche di autodifesa, non solo per applicare leve articolari, ma anche per controllare o limitare i movimenti dell’avversario.

Ecco una breve descrizione di come ciascuno di questi punti può influenzare il movimento e il controllo:

  1. Dita delle mani: Controllando le dita di una persona, puoi limitare la sua capacità di afferrare o colpire. Una presa o torsione alle dita può essere molto dolorosa.
  2. Dita del piede: Anche se non sono spesso il target principale nelle arti marziali, una lesione alle dita del piede può compromettere la mobilità.
  3. Polso: Molte tecniche di arti marziali si concentrano sul controllo del polso dell’avversario per limitare i suoi movimenti o portarlo al suolo.
  4. Gomito: Il gomito è un punto di snodo fondamentale per il braccio. Controllando o manipolando il gomito, si può limitare la funzionalità dell’intero braccio.
  5. Spalle: Muovendo o controllando le spalle di un avversario, si può influenzare la posizione del suo corpo e la sua capacità di bilanciarsi.
  6. Fianchi: I fianchi sono il centro di gravità del corpo. Controllando i fianchi, puoi controllare i movimenti dell’avversario e la sua posizione.
  7. Ginocchia: Le ginocchia sono cruciali per la mobilità. Una torsione o un colpo diretto alle ginocchia può immobilizzare un avversario.
  8. Caviglie: Come le ginocchia, le caviglie sono essenziali per il movimento. Una presa o torsione alle caviglie può causare una caduta.
  9. Spina dorsale: È la colonna portante del corpo. Una pressione o torsione sulla spina dorsale può causare dolore e limitare la mobilità.
  10. Collo: Il collo è un punto delicato e vulnerabile. Controllando il collo di una persona, puoi limitare la sua capacità di muoversi e respirare.

In molte arti marziali, la comprensione e la capacità di manipolare questi punti chiave sono essenziali per controllare e neutralizzare un avversario e mentre le tecniche specifiche variano, la conoscenza di questi punti è universale.

Come vedi corrispondono tutti agli elementi flessibili del corpo su cui puoi applicare leve articolari ma quello di cui ti sto parlando ora non sono delle leve o colpi in questi punti che hanno sicuramente una loro specifica efficacia ma sono vere e proprie azioni che controllano il corpo e i suoi movimenti.

I punti di controllo del corpo umano

I punti di controllo del corpo umano sono aree specifiche del corpo che possono essere utilizzate per applicare tecniche di controllo, immobilizzazione o dolore durante le arti marziali o le tecniche di autodifesa.

Questi punti di controllo possono variare a seconda dello stile e della disciplina specifica, ma ecco alcuni esempi comuni:

1. Articolazioni: Le articolazioni, come polsi, gomiti, spalle, ginocchia e caviglie, sono punti di controllo comuni. Applicando leva o pressione su queste articolazioni, è possibile immobilizzare o limitare il movimento dell’avversario.

2. Punti di pressione: Il corpo umano ha numerosi punti di pressione sensibili che possono essere stimolati per causare dolore o disorientamento. Alcuni esempi includono i punti di pressione sul collo, sul petto, sulle tempie e sull’addome.

3. Colonna vertebrale: La colonna vertebrale è una zona delicata del corpo che può essere sfruttata per controllare un avversario. Applicando pressione o eseguendo tecniche di torsione, è possibile immobilizzare o indurre dolore nella colonna vertebrale.

4. Nervi: I nervi sono punti sensibili del corpo che possono essere bersagliati per creare dolore o perdita di funzione. Alcuni esempi includono i nervi radiali sul braccio, i nervi sciatici sulle gambe o i nervi facciali.

5. Punti vulnerabili: Ci sono alcune aree del corpo particolarmente vulnerabili, come gli occhi, il naso, la gola, l’inguine o l’addome. Colpire o applicare pressione su queste zone può causare dolore, disagio o disorientamento.

6. Punti di pressione del viso: Il viso ha diversi punti di pressione sensibili, come le tempie, la mascella, il mento e il naso. Colpire o applicare pressione a queste aree può causare dolore e disorientamento.

7. Punti di controllo delle braccia: Le braccia offrono diverse opportunità di controllo. I punti di controllo delle braccia includono il polso, il gomito e l’articolazione della spalla, che possono essere sfruttati per immobilizzare l’avversario o limitarne i movimenti.

8. Punti di controllo delle gambe: Le gambe offrono punti di controllo come il ginocchio, la caviglia e l’anca. Applicando pressione o eseguendo leve su queste aree, è possibile limitare il movimento dell’avversario o farlo cadere a terra.

9. Punti di pressione del torace: Il torace ha punti sensibili come il plesso solare (sotto lo sterno) e le costole. Stimolare queste aree può causare dolore e difficoltà respiratorie.

10. Punti di controllo della testa: La testa offre punti di controllo come la base del cranio e la mascella. Applicando pressione o manipolando queste aree, è possibile controllare la posizione o la direzione dell’avversario.

11. Punti di controllo della colonna vertebrale: Oltre alle tecniche di leva, esistono anche punti specifici lungo la colonna vertebrale che possono essere sfruttati per il controllo. Questi includono il collo, la parte bassa della schiena e il coccige.

12. Punti di pressione delle mani e dei piedi: Le mani e i piedi contengono numerosi punti di pressione sensibili. Stimolare queste aree può causare dolore e indebolimento della presa o della stabilità.

13. Punti di pressione del collo: Il collo contiene punti di pressione sensibili come il giogo di Adamo, la gola e la base del cranio. Stimolare queste aree può causare dolore e limitare la mobilità dell’avversario.

14. Punti di controllo delle dita: Le dita delle mani e dei piedi possono essere soggette a tecniche di controllo, come torsioni o leva. Manipolare le dita può causare dolore e indebolire la presa dell’avversario.

15. Punti di pressione delle gambe: Le gambe offrono punti di pressione come il tendine d’Achille, il muscolo polpaccio e il muscolo quadricipite. Colpire o applicare pressione a queste aree può causare dolore e limitare la mobilità dell’avversario.

16. Punti di controllo del collo e delle spalle: Il collo e le spalle sono aree chiave per il controllo dell’avversario. Applicare leve o pressione su queste aree può influenzare il controllo del movimento e la stabilità dell’avversario.

17. Punti di pressione del petto: Il petto contiene punti di pressione sensibili come lo sterno e il plesso solare. Stimolare queste aree può causare dolore e difficoltà respiratorie.

18. Punti di controllo delle anche: Le anche possono essere sfruttate per il controllo utilizzando tecniche di leva, pressione o blocchi. Queste aree influiscono sulla stabilità e sulla mobilità dell’avversario.

19. Punti di pressione del viso e della testa: Oltre ai punti di pressione menzionati in precedenza, ci sono altri punti sensibili sul viso e sulla testa, come gli occhi, le tempie e la parte posteriore della testa. Stimolare queste aree può causare dolore e disorientamento.

20. Punti di controllo del polso e delle mani: I polsi e le mani possono essere sfruttati per il controllo attraverso prese o torsioni. Manipolare queste aree può limitare la presa e la capacità di attacco dell’avversario.

Ti ricordo che l’uso dei punti di controllo del corpo umano richiede competenza, pratica e attenzione alla sicurezza.

I punti di controllo del corpo umano

Conclusioni

Questi dieci punti di controllo rappresentano le aree fondamentali del corpo umano che, quando manipolate correttamente, possono influenzare o limitare i movimenti di un individuo.

La loro importanza va ben oltre la mera applicazione di leve articolari.

Questi punti rappresentano le chiavi per una comprensione profonda di come il corpo umano funzioni e reagisca sotto pressione, sforzo o attacco.

In termini di autodifesa o arti marziali, l’abilità di riconoscere e capitalizzare su questi punti può significare la differenza tra avere il controllo di una situazione e trovarsi in una posizione vulnerabile.

Ma, come con tutte le tecniche, la conoscenza di questi punti deve essere abbinata a una formazione appropriata.

Un errore nell’applicazione potrebbe non solo fallire nel controllare un avversario, ma potrebbe anche causare danni a noi stessi o agli altri.

Al di là del contesto delle arti marziali, una comprensione di questi punti può essere essenziale anche in altre discipline come la fisioterapia, l’ortopedia e la danza.

La biomeccanica del corpo umano è incredibilmente complessa, e questi punti sono nodi centrali in quella rete di movimento e funzionalità.

In conclusione, mentre questi punti di controllo sono strumenti potenti per manipolare e controllare il corpo umano, essi richiedono una profonda comprensione e rispetto.

L’addestramento corretto, la pratica continua e un approccio etico sono essenziali per utilizzare queste tecniche in modo efficace e sicuro.

La conoscenza di questi punti non è solo una questione di potenza, ma anche di responsabilità.

Assicurati di apprendere queste tecniche da un istruttore qualificato e di rispettare le regole e i principi delle arti marziali o della difesa personale.

È importante notare che l’uso di punti di controllo del corpo deve essere effettuato con attenzione e responsabilità, evitando di arrecare danni permanenti o di provocare lesioni gravi.

Ora non voglio entrare nel dettaglio ma se vuoi fare qualche cosa che controlla il corpo del tuo aggressore è su questi parti del corpo che devi agire.

Allenati a “giocare” con questi punti di controllo!

Stay Tuned!

Street Fight Mentality & Fight Sport

Andrea
Andreahttp://expertfightingtips.com
Con una passione per la difesa personale e gli sport da combattimento, mi distinguo come praticante e fervente cultore e ricercatore sulle metodologie di allenamento e strategie di combattimento. La mia esperienza abbraccia un vasto panorama di discipline: dal dinamismo del Boxing alla precisione del Muay Thai, dalla tecnica del Brazilian Jiu-Jitsu all'energia del Grappling, dal Combat Submission Wrestling (CSW) all'intensità del Mixed Martial Arts (MMA). Non solo insegno, ma vivo la filosofia di queste arti, affinando costantemente metodi e programmi di allenamento che trascendono il convenzionale. La mia essenza si riflette nell'autodifesa: Filipino Martial Arts (FMA), Dirty Boxing, Silat, l'efficacia del Jeet Kune Do & Kali, l'arte della scherma con coltelli e bastoni, e la tattica delle armi da fuoco. Incarno la filosofia "Street Fight Mentality", un approccio senza fronzoli, diretto e strategico, unito a un "State Of Love And Trust" che bilancia l'intensità con la serenità. Oltre al tatami, la mia curiosità e competenza si spingono verso orizzonti diversi: un blogger professionista con la penna sempre pronta, un bassista dal groove inconfondibile e un artigiano del coltello, dove ogni lama è un racconto di tradizione e innovazione. Questa sinfonia di abilità non solo definisce la mia identità professionale, ma dipinge il ritratto di un individuo che nella diversità trova la sua unica e inconfondibile voce e visione. Street Fight Mentality & Fight Sport! Andrea

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

SELF DEFENCE

FIGHT SPORT

Popular Articles

error: Content is protected !!