in , , ,

Plastic Knuckle

Il portachiavi plastico da self defence

Lingua: Italiano Inglese

plastic-knuckle-self-defence Plastic Knuckle

Plastic Knuckle, il portachiavi plastico da self defence.

Ultra leggero il portachiavi da difesa personale è uno degli ultimi strumenti compatti di autodifesa uscito in questi ultimi anni negli USA .

È stato progettato per essere trasportato in ogni momento.

Incredibilmente facile da usare, la stinger può essere implementato ovunque.

La punta dello strumento è in grado di moltiplicare in modo significativo la forza che ci metti dentro, allineandosi con il braccio per un colpo potente.

Lo puoi trasportare in maniera discreta e può  stare in una tasca, legato alle chiavi, o nella borsa.

Il Plastic Knuckle è un portachiavi da autodifesa tattico, una attrezzatura per la sicurezza personale come protezione individuale.

Un dispositivo da combattimento e sopravvivenza per le ragazze e le donne ma chiaramente anche da un uomo.

plastic-knuckle-self-defence-2 Plastic Knuckle

Le caratteristiche e i dettagli del prodotto:

  • compatto e ultra portatile.
  • punta del naso efficacemente si concentra e moltiplica il proprio forza.
  • facile da trasportare e la posizione in modo efficace.
  • dimensioni : 6 x 4 x 1 cm
  • realizzato in materiale plastico composito ad alta resistenza (non metallo).
  • Colori: nero / bianco / blu / caffè / rosso ( scegliere o casuale )
  • Peso : ( 30 g )

plastic-knuckle-self-defence-4 Plastic Knuckle

Questo portachiavi per la difesa personale è un amplificatore di dolore che devi legare alle chiavi di casa, le chiavi della macchina, la chiavetta del caffè, al telecomando del garage, ecc.

Questi sono strumenti che devono essere sempre disponibili all’uso, buttati dentro una borsa non servono a nulla.

self-defence-tools-2 Plastic Knuckle

Il prezzo molto contenuto permette un acquisto multiplo per poterlo regalare a più persone e soprattutto poterlo avere con più oggetti che hai sempre con te per averlo sempre pronto all’uso.

Attenzione che non è ben chiaro se sia realmente trasportabile legalmente con la legislatura italiana, quindi il rischio è di prendere una denuncia.

Stay Tuned!

Street Fight Mentality

Andrea

Ps. Se ti servono scrivimi una mail.

Lingua: Italiano Inglese

What do you think?

Written by Andrea

Istruttore e appassionato di arti marziali del Sud Est Asiatico e Fight Sport.

AM Praticate: Boxing, Kali, Muay Thai, Silat, Jeet Kune Do, BJJ, CSW, MMA, Self Defence, Fencing Knife, Stick Fighting.

Street Fight Mentality & Fight Sport!

State Of Love And Trust!

Comments

Leave a Reply
  1. Ho trovato molto interessante il tuo articolo e lo condivido al 90%.
    Pratico il Wing Chun da qualche anno ed essendomi trovato in una situazione di pericolo, ho risolto brillantemente la situazione neutralizzando efficacemente tre avversari veramente poco raccomandabili.
    Cmq è vero, l’aspetto psicologico in certe situazioni influisce moltissimo.
    Io in certe situazioni divento freddo, ma capisco che non è così per tutti.
    Lo sparring aiuta, ma la situazione reale è sempre un’altra cosa.
    Soprattutto devi mettere in pratica delle tecniche che non puoi certo utilizzare nello sparring, perché tendenzialmente letali.
    Le arti msarziali dovrebbero aiutarti a formare la tua concentrazione e la determinazione necessaria da adottare in certi casi.
    Le arti marziali che hai citato sono molto efficaci, pur avendo qualche dubbio sul Krav Maga.
    Se uno mi punta una pistola o un coltello, io gli consegno il portafogli e tutto quello che lui desidera, e se ne ho la possibilità me la svigno a gambe levate.
    Non è vigliaccheria, bensì intelligenza, perché sai bene che non esiste nessuna arte marziale che t’insegna ad essere più veloce di un proiettile e più efficace di un coltello.
    Ovviamente in guerra è tutta un’altra cosa…ti difendi pur sapendo che cmq sei morto.

    • Ciao Roberto, mi fa piacere che trovi degli spunti interessanti per il tuo percorso marziale.

      In diversi articoli ho parlato dell’analisi del contesto e dell’aspetto psicologico sotto stress, sicuramente la reazione sotto minaccia di armi è qualcosa che richiede una grande abilità e soprattutto è qualcosa da fare se non vedi una via di uscita ma queste sono cose ormai risapute e l’obiettivo è sempre quello di torare a casa con le proprie gambe e non dimostrare che sei forte o coraggioso.

      Una sitauzione reale è molto diversa rispetto a quello che avviene in un ambiente controllato come la palestra anche se ripeto quello è l’ambiete in cui devi allenarti.

      Per quanto riguarda il tuo dubbio sul Krav Maga è un dibattito aperto da molto tempo ma avendo a che fare con professionisti ho spesso incontri con istruttori di Krav Maga e il lavoro che fanno sulla prevenzione, sull’analisi del contesto, De-Escalation dei conflitti, sono tematiche che non vengono praticate in molte altre arti, come anche il maneggio delle armi da fuoco.

      Parlo sempre nei miei articoli di specializzazioni e credo che sia corretto riconoscere il lavoro che viene fatto nei propri ambiti di competenza.

      Ps. In ogni arte marziale ci sono dei ciarlatani e dei truffatori, ultimamente ho scritto anche un articolo a riguardo proprio con un focus sulla difesa personale perchè è proprio quello un ambito preoccupante perchè si possono mettere a rischio le vite delle persone.

      Considera che il mio approccio (a meno di vedere delle stupidaggini) non è mai prevenuto nei confronti delle arti o dei sistemi, perchè è l’uomo che fa la differenza, non l’arte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0
Varie

La comunicazione non verbale nella difesa personale

image

Posa il bicchiere di acqua