giovedì, Maggio 23, 2024
spot_img
spot_img

Random Post This Week

spot_img

Related Posts

Il principio dietro alle tecniche

Il principio dietro alle tecniche

Il principio dietro alle tecniche

Il principio dietro alle tecniche è la vera strada per evolvere.

Ogni tecnica che impari è basata su dei principi, che si tratta di un colpo di pugno, un calcio, una leva, ecc. sempre sono costruite rispettando dei principi legati al movimento umano (bio meccanica) messi in relazione con il tempo, lo spazio e il tuo avversario.

Se conosci i principi del movimento e le reazioni del corpo a determinati stimoli puoi fare evolvere la tua tecnica andando a costruire decine e decine di varianti sullo stesso colpo, sulla stessa leva, ecc.

Imparare una tecnica senza comprendere i concetti di quella posizione avrai imparato solo una tecnica e basterà una piccola variazioni e sentirai in te un vuoto incredibile, una incapacità di eseguirla.

La comprensione dei concetti ti permette di trasferirli ad altre aree tecniche che siano tecniche di striking o di lotta, questo approccio ti permette di esplorare nuove posizioni da cui eseguire la stessa tecnica e svilupparne di nuove.

Questo significa che non stai studiano una tecnica ma la stai creando su di te!

Imitare la tecnica non è comprendere la tecnica

Se ti concentri sulla tecnica significa che non la stai comprendendo ma la stai solo imitando ma non è così che funziona, perchè è difficile insegnare una sola tecnica che vada bene per tutti perché ognuno ha abilità differenti, forze differenti, esplosività differenti, sensibilità differenti, il corpo è differente.

Immagina quanta gente fa i movimenti di Bruce Lee perchè lì ha visti fare nei film, li imita anche bene ma se avessi davanti un avversario non saprebbe cosa farne di questi movimenti.

Il principio dietro alle tecniche

Un brava maestro deve concentrarsi sui concetti che stanno dietro la tecnica in modo che l’allievo può e impara ad adattare al proprio corpo le tecniche che apprende attraverso i principi, non si può forzare una tecnica perché vada bene per tutti.

Per imparare una tecnica occorre ripetere dei movimenti migliaia di volte ma per capirli occorre sapere su quali principi si basano (biomeccanica, timing, e in relazione all’avversario).

Il principio dietro alle tecniche

Ecco alcune citazioni da considerare, attribuibili a figure note nell’ambito delle arti marziali e della scienza dello sport, che sono di ispirazione per questo concetto legato ai principi:

  1. Bruce Lee (fondatore del Jeet Kune Do):
    • “Non temere l’opponente che ha praticato 10.000 calci una volta, ma temi colui che ha praticato un calcio 10.000 volte.” Questa citazione sottolinea l’importanza della maestria e della profondità della comprensione in un singolo movimento o tecnica.
  2. Morihei Ueshiba (fondatore dell’Aikido):
    • “L’arte vera non è una mera applicazione di tecniche, ma si manifesta quando il corpo è libero e lo spirito è al comando.” Con questa frase, Ueshiba evidenzia l’importanza di comprendere e integrare mente, corpo e spirito nelle arti marziali.
  3. Helio Gracie (co-fondatore del Brazilian Jiu-Jitsu):
    • “L’efficienza è la chiave per il successo nelle arti marziali. La comprensione dei principi biomeccanici è essenziale per applicare la minima forza necessaria per il massimo risultato.” Questo pensiero potrebbe essere utilizzato per illustrare come la biomeccanica sia fondamentale nello sviluppo di tecniche efficaci.
  4. Dr. Romanov (creatore del Pose Method, esperto di biomeccanica):
    • “La comprensione del movimento è fondamentale. Ogni azione sportiva può essere migliorata isolando i suoi principi fondamentali di movimento.” Questa è una visione diretta sull’importanza dei principi biomeccanici nell’ottimizzazione della performance atletica.
  5. Ippon Seoi Nage (esperto di judo):
    • “In judo, ogni tecnica si basa sulla comprensione del bilanciamento del proprio corpo e di quello dell’avversario. Questa conoscenza permette di sfruttare la forza dell’avversario contro di lui.” Questa frase riflette l’importanza di comprendere e manipolare la dinamica del corpo nel contesto del combattimento.

Usando citazioni come queste, puoi infondere autenticità e credibilità al tuo messaggio, evidenziando come anche i maestri e gli esperti sostengano la necessità di un profondo rispetto e comprensione dei principi oltre la mera esecuzione delle tecniche.

Il principio dietro alle tecniche Fighting Tips - Street Fight Mentality & Fight Sport

Il primo tassello è la tecnica

La tecnica in sè è solo il primo tassello e poi va messo in relazione con tutto il resto per farlo “incastrare” diversamente.

E’ come se hai una palla in mano e c’è un buco che si sposta sempre, la palla attraversa il buco ma solo se la tiri nel giusto momento con la giusta forza, dalla giusta distanza, con la giusta precisione, ecc.

La tecnica è tirare la palla ma all’interno di un insieme di principi che permettono di raggiungere l’obiettivo.

Conoscere i principi ti permette di creare andando al di là della tecnica diversamente stai imitando il tuo maestro o un atleta che ti piace senza “sentire” tutto l’insieme.

Con il tempo come puoi ricordare tutte le tecniche, devi avere davvero una buona memoria può ricordarle tutta ma se padroneggi i principi sei n grado di improvvisare durante la lotta e creare in allenamento tecniche nuove o e adatte al tuo corpo.

I principi non sono solo le fondamenta biomeccaniche o fisiche, ma includono anche la psicologia, la strategia, e la filosofia dietro l’azione. Questi principi formano le leggi non scritte che governano l’efficacia di ogni tecnica.

Esempi di Principi Universali

  1. Equilibrio: Tutte le arti marziali e gli sport da combattimento enfatizzano l’importanza dell’equilibrio. Mostra come il mantenimento dell’equilibrio influenzi la capacità di eseguire tecniche efficaci e come la perdita di equilibrio possa essere sfruttata.
  2. Leva: Illustra come le leve meccaniche create dal corpo umano possono essere utilizzate per massimizzare la forza contro avversari più forti o più grandi.
  3. Distanza e Timing: Spiega come la distanza ottimale e il timing perfetto siano cruciali per applicare le tecniche correttamente, paragonando questo principio al lancio di una palla attraverso un buco in movimento.

Applicazioni Pratiche dei Principi

Elabora su come i principi possano essere adattati per sviluppare nuove tecniche o modificare quelle esistenti in base alle circostanze del combattimento o alle caratteristiche fisiche dell’atleta. Questo potrebbe includere:

  • Adattamento: Come un lottatore può modificare una presa o un colpo a seconda della reazione dell’avversario.
  • Creazione: Esempi di come i combattenti hanno sviluppato nuove mosse o strategie basandosi sulla comprensione profonda dei principi piuttosto che sulla mera imitazione di tecniche viste.

Il Ruolo dell’Insegnante

Rifletti sul ruolo dell’insegnante nel trasmettere questi principi. Un vero maestro non insegna solo tecniche, ma insegna a “pensare in movimento”, permettendo agli studenti di adattare ciò che hanno imparato a situazioni in continua evoluzione.

Conclusioni

La maestria nell’arte marziale o in qualsiasi disciplina sportiva non si raggiunge solo attraverso la ripetizione meccanica delle tecniche, ma attraverso una profonda comprensione e applicazione dei principi che le sottendono.

Come abbiamo visto, conoscere i principi fondamentali come l’equilibrio, la leva, la distanza e il timing non solo arricchisce la nostra pratica, ma ci trasforma in veri innovatori sul campo o sul tatami.

Ogni tecnica che impariamo è come un tassello di un mosaico più grande. Senza la visione completa del disegno, potremmo posizionare i pezzi correttamente, ma non saremo mai veri artisti del nostro craft.

È solo quando iniziamo a vedere le connessioni tra i pezzi, quando comprendiamo come e perché funzionano insieme, che possiamo davvero adattare, modificare e, infine, creare.

Questo è il viaggio dal sapere al comprendere, dal fare al creare. È un percorso che richiede pazienza, dedizione, e una mente aperta, pronta a mettere in discussione e a superare i propri limiti. In questo processo, l’insegnante gioca un ruolo cruciale non solo come guida tecnica, ma come mentore che incita alla riflessione, alla sperimentazione e all’auto-superamento.

Invito all’Azione

Ti incoraggio a non fermarti alla superficie delle tecniche che pratichi. Approfondisci, sperimenta e connetti. La prossima volta che ti alleni, poni una domanda fondamentale: “Perché questa tecnica funziona in questo modo?” e “Come posso adattarla meglio alle mie caratteristiche uniche o alla situazione specifica?”.

Partecipa a seminari, leggi libri, guarda video di esperti, e soprattutto, dialoga con i tuoi compagni di allenamento e i tuoi istruttori. Condividi le tue scoperte e discuti apertamente delle tue difficoltà e dei tuoi successi. L’apprendimento collaborativo è spesso il più profondo e duraturo.

Ricorda che ogni grande maestro è stato una volta un principiante che ha scelto di vedere oltre le tecniche, esplorando il vasto mondo dei principi che formano l’arte.

Ecco a te l’opportunità di seguire quel percorso, di non solo imparare, ma anche di creare e di lasciare il tuo segno nel mondo delle arti marziali.

Il principio dietro alle tecniche, questa è l’evoluzione della tecnica.

Stay Tuned! e comprendi il principio dietro alle tecniche.

Street Fight Mentality & Fight Sport

Andrea
Andreahttps://expertfightingtips.com
Con una passione per la difesa personale e gli sport da combattimento, mi distinguo come praticante e fervente cultore e ricercatore sulle metodologie di allenamento e strategie di combattimento. La mia esperienza abbraccia un vasto panorama di discipline: dal dinamismo del Boxing alla precisione del Muay Thai, dalla tecnica del Brazilian Jiu-Jitsu all'energia del Grappling, dal Combat Submission Wrestling (CSW) all'intensità del Mixed Martial Arts (MMA). Non solo insegno, ma vivo la filosofia di queste arti, affinando costantemente metodi e programmi di allenamento che trascendono il convenzionale. La mia essenza si riflette nell'autodifesa: Filipino Martial Arts (FMA), Dirty Boxing, Silat, l'efficacia del Jeet Kune Do & Kali, l'arte della scherma con coltelli e bastoni, e la tattica delle armi da fuoco. Incarno la filosofia "Street Fight Mentality", un approccio senza fronzoli, diretto e strategico, unito a un "State Of Love And Trust" che bilancia l'intensità con la serenità. Oltre al tatami, la mia curiosità e competenza si spingono verso orizzonti diversi: un blogger professionista con la penna sempre pronta, un bassista dal groove inconfondibile e un artigiano del coltello, dove ogni lama è un racconto di tradizione e innovazione. Questa sinfonia di abilità non solo definisce la mia identità professionale, ma dipinge il ritratto di un individuo che nella diversità trova la sua unica e inconfondibile voce e visione. Street Fight Mentality & Fight Sport! Andrea

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

SELF DEFENCE

FIGHT SPORT

Popular Articles

error: Content is protected !!