in

L’esperimento di Abramovich

Rhythm 0

esperimento di AbramovichL’esperimento di Abramovich

Negli anni ’70, l’artista serba Marina Abramovich condusse un esperimento: rimase ferma in uno dei centri espositivi, con vari oggetti sdraiati accanto a lei – da un martello e una pistola ai colori ad acquerello.

Allo stesso tempo, le persone potevano prendere uno qualsiasi di questi oggetti e fare quello che volevano con Marina.

Autorità innegabile nel mondo dell’arte moderna, Marina Abramovich è definita la nonna della performance art.

Le sue esibizioni continuano a essere discusse decenni dopo.

Uno dei suoi eventi più famosi si chiamava “Ritmo 0” ed è stato organizzato nel 1974 a Napoli.

L’idea per la performance di Rhythm 0 era molto semplice: Abramovich doveva stare fermo per sei ore mentre le persone che venivano a vederla potevano fare quello che volevano con lei usando uno qualsiasi dei 72 oggetti che poteva e metterlo sul tavolo accanto a me.esperimento di Abramovich

Abramovich era in piedi al centro della stanza con una targa sul petto che diceva: “Istruzioni: ci sono 72 oggetti sul tavolo che puoi usare a tuo piacimento”.

Prestazione. Sono un oggetto.

Mi assumo la piena responsabilità durante questo periodo. Durata: 6 ore (20:00 – 2:00).

Sul tavolo c’erano “oggetti per il piacere” e “oggetti da distruggere”.

Fiori e piume erano tra gli oggetti innocui.

Tra i pericolosi ci sono un coltello, lame di rasoio e una pistola carica.

All’inizio, il pubblico era timido, la guardava, le dava delle rose e la baciava.

Ma poi diviso, dipinto e persino tagliato.

Qualcuno l’ha avvolta attorno a una vespa.

Qualcuno ha alzato le mani.

Un uomo ha usato una lama per tagliarle il collo.

Il pubblico ha cambiato la posizione del corpo dell’artista.

Alcune persone gli hanno attaccato oggetti diversi.

Alcuni uomini la stavano spogliando e leccandola.

E hanno accompagnato le loro azioni con le risate.

Lo spettacolo è stato interrotto dalla sicurezza dell’edificio quando uno dei visitatori ha preso una pistola.

Alla terza ora le tagliarono tutti i vestiti con le lame.

Alla quarta ora iniziarono a esaminare la sua pelle con le stesse lame.

È stata sottoposta a tutti i tipi di molestie.

Qualcuno le faccia puntare una pistola contro se stessa.

Era così concentrata sulla performance che non poteva resistere a nulla.

Le stesse impressioni di Abramovich su ciò che le persone le stavano facendo erano ancora più orribili.

L’esperimento di Abramovich

L’artista ricorda che durante l’esperimento di Abramovich:

“All’inizio, il pubblico voleva davvero suonare con me. Poi sono diventati sempre più aggressivi, sono state sei ore di puro orrore. Mi hanno tagliato i capelli, mi hanno infilato spine di rosa nel corpo, mi hanno tagliato la pelle del collo e poi metti un cerotto sulla mia ferita.

Dopo sei ore di esibizione, sono andato nudo verso il pubblico con le lacrime agli occhi, quindi sono letteralmente corsi fuori dalla stanza, quando si sono resi conto che mi ero “rianimato” – ho smesso di essere il loro giocattolo e hanno iniziato a gestire il mio stesso corpo.

Ricordo che quando sono arrivata in albergo quella sera e mi sono guardata allo specchio, ho trovato una ciocca di capelli grigi…

Questo lavoro rivela qualcosa di terribile sull’umanità.

Mostra quanto velocemente una persona può farti del male nelle giuste circostanze. Mostra quanto sia facile diffamare una persona che non reagisce, che non si protegge.

Dimostra che, se date le circostanze appropriate, la maggior parte delle persone “normali” può ovviamente diventare molto violenta…”

La cosa più sorprendete succede a fine performance, quando l’artista torna ad essere una persona e i presenti non riescono più a guardarla negli occhi. Tutti fuggono via, non vogliono confrontarsi con lei.

C’è da dire che su tutta l’opera ci sono anche dichiarazioni contrastanti: si dice che si fossero creati due gruppi, uno di “aggressori” e un altro ” a protezione” dell’artista.

Quando le era stata puntata l’arma contro, si racconta che fosse addirittura scoppiata una rissa.

L’esperimento di Abramovich

Area dell’esperimento

In una stanza della galleria erano stati posti su di un tavolo vari oggetti come una rosa, del pane, un profumo, una bottiglia di vino, un bicchiere, delle catene e delle forbici: alcuni potevano essere strumenti di piacere, altri di dolore e vi era anche una pistola con un proiettile, possibile oggetto di morte.

Insieme agli oggetti erano appoggiate sul tavolo le istruzioni:

  • Ci sono 72 oggetti sul tavolo che possono essere usati su di me nel modo in cui desiderate
  • Io sono l’oggetto
  • Mi assumo completamente la responsabilità di quello che faccio
  • Durata: 6 ore (dalle 20:00 alle 2:00)

Abramović dichiarò che il pubblico avrebbe potuto ucciderla, si pose come oggetto nelle mani delle persone presenti, che potevano decidere come e se interagire con lei.

Durante tutta la durata della performance l’artista stette passivamente immobile, accettando senza opporsi qualsiasi cosa le venisse fatta.

Elenco degli oggetti disponibili durante l’esperimento:

  • Acqua
  • Ago
  • Alcool
  • Ascia
  • Bastone
  • Benda
  • Bicchiere
  • Campana
  • Candela
  • Cappello
  • Cappotto
  • Catene
  • Cerotto
  • Coltello da cucina
  • Coltello tascabile
  • Cotone
  • Cucchiaio
  • Dolce
  • Fazzoletto
  • Fiammiferi
  • Filo
  • Fiori
  • Flauto
  • Foglio bianco di carta
  • Forbici
  • Forchetta
  • Forcina
  • Frusta
  • Giornale
  • Gomitolo
  • Libro
  • Macchina fotografica Polaroid
  • Martello
  • Medaglia
  • Mela
  • Miele
  • Olio di oliva
  • Osso di agnello
  • Pane
  • Penna
  • Pennacchio
  • Pettine
  • Pezzo di legno
  • Piatto
  • Pistola
  • Profumo
  • Proiettile
  • Punta metallica
  • Ramo di rosmarino
  • Rosa
  • Rossetto
  • Sale
  • Saponetta
  • Scalpello
  • Scarpe
  • Sciarpa
  • Sedia
  • Sega
  • Spazzola
  • Specchio
  • Spillone
  • Stringhe di pelle
  • Tubo metallico
  • Unghie
  • Uva
  • Vernice bianca
  • Vernice blu
  • Vernice rossa
  • Vino
  • Zolfo
  • Zucchero

«Quello che ho imparato è che se ti affidi e ti abbandoni al pubblico, loro possono arrivare a ucciderti. Mi sono sentita davvero violata, qualcuno mi ha infilato le spine della rosa nello stomaco. Si è creata un’atmosfera aggressiva. Dopo sei ore (come pianificato), mi alzai e iniziai a camminare verso la gente. Tutti scapparono via per sfuggire il confronto vero e proprio. È stata la pièce più pesante che abbia mai fatto, perché ero totalmente fuori controllo» (Marina Abramović)

Conclusioni

Gli esperimenti di Marina Abramovich cercano di esplorare la relazione tra l’artista e il pubblico, oltre i limiti del corpo e della mente umana, ma questa volta il risultato ha davvero fatto emergere un risvolto dell’essere umano raccapricciante.

Gli assemblaggi artistici più importanti della Abramović sono stati i Rhythm (ritmo), tra il 1973 e il 1974. Secondo l’artista, le parole che meglio descrivevano queste esibizioni erano suono e tempo, coscienza e incoscienza.

Rhythm 0 è stata l’ultima performance di questa serie; la più importante e la più sperimentale tra tutte.  Aveva lo scopo di mettere alla prova i limiti sociali e il libero arbitrio.

Sia l’artista che gli spettatori non avrebbero mai immaginato l’esito di questo esperimento. Vediamo di cosa si tratta.

L’esperimento di Abramovich dimostra di come l’uomo abbia un lato oscuro, profondamente oscuro in assenza di limiti sociali.

Come una performance di Marina Abdamović dimostrò  che l’essere umano è per natura crudele e violento.

Quanto successo deve indurre a una riflessione sulla:

  • libertà,
  • responsabilità,
  • autorità e
  • rispetto.

Fino a che punto ti lasci trascinare dai tuoi desideri e interessi personali?

Cosa puoi arrivare a fare quando senti di avere l’autorità e non hai nessun limite?

L’esperimento di Marina Abramović ha dimostrato quanto può essere facile per alcune persone mostrare una condotta violenta verso chi è indifeso.

L’artista è stata umiliata e deumanizzata dai suoi spettatori.

Ora non bisogna stupirsi ma sapere che esiste questo lato oscuro da cui bisogna difendersi.

“Sapevo bene di correre un rischio. Ero disposta a morire durante l’esibizione.” (Marina Abramović)

A conclusione della performance dichiarò che i risultati l’avevano colta di sorpresa e che lasciare il controllo nelle mani del pubblico può degenerare in esperienze pericolose al punto da esservi la possibilità di morire.

“Questo lavoro fa emergere una realtà sconvolgente: mostra quanto sia facile per qualcuno fare del male all’altro se le circostanze sono favorevoli. Si vede come venga totalmente disumanizzato qualcuno chi reagisce. Persone ‘normali’ possono diventare violente se viene dato loro il modo”. (Marina Abramović)

Stay Tuned!

Street Fight Mentality

What do you think?

Written by Andrea

Instructor and enthusiast of Self Defence and Fight Sport.

# Boxing / Muay Thai / Brazilian Jiu Jitsu / Grappling / CSW / MMA / Method & Training.
# Self Defence / FMA / Dirty Boxing / Silat / Jeet Kune Do & Kali / Fencing Knife / Stick Fighting / Weapons / Firearms / Strategy.

Street Fight Mentality & Fight Sport!

State Of Love And Trust!

Other: Engineer / Professional Blogger / Bass Player / Knifemaker

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *