domenica, Maggio 19, 2024
spot_img
spot_img

Random Post This Week

spot_img

Related Posts

Pugno al mento

Pugno al mento

Pugno al mento, tieni giù il mento, non tenere il mento su

Basta tenere il mento su, eccoti la soluzione per soli 5 Euro

Tieni il mento giù.

Il mento fa parte dei bersagli primari del corpo umano, ed è infatti negli sport da combattimento uno dei bersagli cercati per spegnere il tuo avversario con un KO.

Per creare questo danno non serve neanche tantissima potenza ma è più importante la precisione ed è per questo che è necessario allenarsi a questa precisione sul colpo singolo e in combinazione.

Al contrario dal punto di vista posturale e difensivo è importante proteggere bene il mento sia in fase difensiva ma anche in fase di attacco dove si tende spesso a scomporsi abbandonando spesso le corrette posture e tra queste appunto esponendo il mento al tuo avversario che come sai bene non vede l’ora di colpirti duramente per metterti KO.

Spesso si vedono cattive abitudini come tenere il mento giù solo quando si è in guardia e quando si colpisce si alza magicamente come per dire eccomi perchè non mi metti KO.

Ora cattive abitudini ne abbiamo tutti e ce ne sono tante ma quella di tenere il mento su quando si combatte proprio non va bene.

Warning!. Pericolo!.

Lo so che sei tamarro ma il mento lo devi tenere giù.

Pugno al mento

Ma come puoi fare per togliere questo difetto ed evitare di prendere il pugno al mento?

Tranquillo ti costa poco solo 5 Euro.

Pugno al mento

Utilizza una banconota da 5 euro quando fai il sacco o i Pao tenendo la banconota tra il tuo mento e il petto.

Attenzione ogni volta che perdi i 5 Euro vanno in un fondo per la palestra per l’acquisto di nuove attrezzature, lo so che vuoi contribuire ma preferisco in questo caso che fai una donazione ma quella banconota la tieni bella fretta tra il tuo mento e il petto.

Ora lo so che hai aperto il portafoglio e che sei già lì che provi!.

Fai bene!.

Inizia subito.

Pugno al mento Fighting Tips - Street Fight Mentality & Fight Sport

Consigli pratici per tenere il mento giù

Eccoti una spiegazione più dettagliata su come eseguire l’esercizio della banconota da 5 euro per mantenere il mento basso durante l’allenamento:

Passaggio 1: Raccogli il necessario

Prima di iniziare l’esercizio, procurati una banconota da 5 euro (o una denominazione simile) e assicurati di essere in un ambiente adatto all’allenamento, come una palestra o un sacco da boxe.

Passaggio 2: Posiziona correttamente la banconota

Stai in piedi con una postura corretta da combattimento, con i piedi ben piantati a terra e le ginocchia leggermente piegate. Mantieni il busto dritto e il mento leggermente abbassato, proprio come dovresti fare durante un combattimento reale.

Prendi la banconota da 5 euro e posizionala tra il mento e il petto. Assicurati che sia ben salda e che non scivoli via facilmente.

Passaggio 3: Inizia l’allenamento

Ora puoi iniziare a colpire il sacco da boxe o a fare esercizi di combattimento come i Pao (Focus Pad) mentre tieni la banconota tra il mento e il petto. Concentrati sulla tua tecnica e sul mantenimento del mento basso durante tutto l’allenamento.

Passaggio 4: Monitora il mento

Durante l’allenamento, presta attenzione al posizionamento del mento. La banconota ti servirà da promemoria costante per mantenere il mento abbassato. Se noti che il mento inizia ad alzarsi, correggilo immediatamente e riporta la banconota nella posizione corretta.

Benefici dell’esercizio:

  • Migliora la consapevolezza: Questo esercizio ti aiuterà a sviluppare una maggiore consapevolezza della posizione del tuo mento durante il combattimento.
  • Migliora la difesa: Mantenendo il mento basso, riduci la vulnerabilità agli attacchi dell’avversario, migliorando così la tua difesa.
  • Sviluppa il riflesso: Con il tempo, questa pratica diventerà un riflesso naturale, il che significa che manterrai il mento basso anche senza la banconota.
  • Riduce il rischio di lesioni: Proteggendo il mento, riduci il rischio di subire danni o lesioni gravi durante il combattimento.

Continua a esercitarti regolarmente con questa tecnica e noterai un miglioramento significativo nella tua abilità di mantenere il mento basso durante gli allenamenti e i combattimenti reali.

Anche se sei convinto che tieni il mento giù verificalo se sempre effettivamente è così mentre fai il sacco pesante e mentre fai i Pao.

Per lo sparring diventa più complicato perchè sono spesso alcune accelerazioni o movimenti del tuo avversario che ti fanno aprire la guardia o alzare il mento ed è in qual momento che sfrutta la tua vulnerabilità per assestarti un colpo preciso, devi limitare queste condizioni che purtroppo accadono a tutti compresi i Pro.

Se è possibile fatti consigliare dal tuo allenatore o dai tuoi partner di allenamento mentre fai sparring quando perdi la posizione del mento o della guardia, se possibile filmati.

Basta tenere il mento su

Esempi di situazioni di combattimento

Ecco alcuni esempi di situazioni di combattimento in cui il mantenimento del mento basso è cruciale:

  1. Il diretto avversario: Durante uno scambio di colpi ravvicinati, il mantenimento del mento basso è essenziale per evitare di essere colpiti da diretti o ganci dell’avversario. Mantenendo il mento basso, riduci la superficie esposta e sei in grado di reagire rapidamente con la tua difesa o contro attacchi precisi.
  2. Clinch: Nelle situazioni in cui gli avversari si avvicinano per un clinch, il mento alto può diventare un bersaglio facile per gomitate o ginocchiate. Mantenendo il mento basso, puoi ridurre il rischio di subire danni significativi in queste fasi di combattimento ravvicinate.
  3. Il contrattacco: Nel momento in cui decidi di contrattaccare l’avversario, mantenere il mento basso può essere vantaggioso. Un avversario esperto potrebbe cercare di attirarti in una controffensiva aprendo il proprio mento. Mantenendo il tuo mento basso, sarai meno incline a cadere in queste trappole e potrai contrattaccare in modo più efficace.
  4. Il movimento laterale: Quando cerchi di sfuggire agli attacchi laterali dell’avversario o di creare angoli migliori per i tuoi colpi, il mento basso ti permette di mantenere una postura stabile e reattiva. Questo è particolarmente importante quando cerchi di schivare i colpi in arrivo.
  5. La guardia bassa: In alcune situazioni, potresti scegliere di adottare una guardia bassa per vari motivi strategici. Anche in questo caso, il mantenimento del mento basso è fondamentale per la tua sicurezza. Devi essere in grado di spostarti rapidamente e reagire a eventuali attacchi improvvisi.

In ogni situazione di combattimento, il mantenimento del mento basso non solo riduce il rischio di subire danni, ma ti dà anche un vantaggio tattico, consentendoti di essere più pronto a difenderti o ad attaccare in modo efficace.

La pratica costante di questa abilità è essenziale per diventare un combattente completo e sicuro sul ring o nel dojo.

Pugno al mento Fighting Tips - Street Fight Mentality & Fight Sport

Il mento su del tuo avversario a volte è una trappola

Attento che a volte il “mento su” del tuo avversario se è esperto è una finta o un invito perchè tu tiri un determinato colpo proprio dove è scoperto, non cadere se puoi in queste finte, ma quello che voglio dire che se tu lo fai con intenzione il fatto di aprire la guardia, tenere il mento su, un pochino lo puoi alzare ma lo stai facendo apposta per creare una reazione al tuo avversario, per anticiparlo con un TUO colpo, ma NON abusare di questo.

È vero che alcuni combattenti esperti possono utilizzare il “mento su” del loro avversario come una trappola per attirare un colpo specifico e sfruttare le opportunità che si presentano.

Questa è una strategia avanzata che richiede un alto livello di abilità e controllo nel combattimento.

Ecco alcune ulteriori considerazioni su questo concetto:

  1. Studio dell’avversario: È importante studiare il tuo avversario durante il combattimento per rilevare eventuali abitudini o debolezze nella sua difesa. Se noti che l’avversario tiene il mento in una posizione specifica o lo alza intenzionalmente, potresti sfruttare questa informazione in modo strategico.
  2. Mantenimento della guardia: Anche se si può utilizzare occasionalmente il “mento su” come parte di una tattica avanzata, è essenziale mantenere una guardia solida nella maggior parte del tempo. Una guardia solida ti protegge dagli attacchi avversari e ti rende meno prevedibile.
  3. Bilanciare l’audacia con la cautela: Se decidi di utilizzare il “mento su” come una finta per provocare una reazione dall’avversario, fallo con cautela e solo quando sei sicuro di poterlo fare in modo sicuro. L’audacia e l’anticipazione sono componenti importanti nel combattimento, ma devono essere bilanciate con la prudenza per evitare di mettersi in pericolo.
  4. Mantenere la varietà: Non diventare troppo prevedibile nelle tue azioni. Variare la tua strategia e la tua posizione del mento può confondere l’avversario e darti un vantaggio nel combattimento.

Mentre è importante imparare a mantenere il mento basso per la tua protezione, è altrettanto importante comprendere quando e come utilizzare tattiche avanzate come il “mento su” in modo strategico.

L’allenamento e l’esperienza ti aiuteranno a sviluppare la giusta intuizione per quando applicare queste strategie nel combattimento.

Tornando al tema della banconota da 5 €uro, con questo semplice esercizio puoi correggere un difetto che può compromettere molto del tuo combattimento.

Basta tenere il mento su

Già se fai questo esercizio al sacco e ai Pao o Focus Pad dovrebbe essere sufficiente, nello sparring è più complicato però sta a te valutare se ti rendi conto che proprio nello sparring per via della tensione, dello stress, abbandoni le tue posizioni fondamentali per fare da bersaglio al tuo avversario.

L’allenamento al sacco, ai Pao o ai Focus Pad è un buon punto di partenza per sviluppare la tecnica di mantenere il mento basso ma è altrettanto importante riconoscere che la situazione durante uno sparring è significativamente diversa, con elementi come la tensione, lo stress e la reazione istintiva che possono influenzare il tuo comportamento.

Ecco alcune considerazioni aggiuntive per migliorare il mantenimento del mento basso durante lo sparring:

  1. Simulare situazioni realistiche: Durante gli allenamenti di sparring, cerca di simulare situazioni il più possibile realistiche. Ciò ti aiuterà a sviluppare la consapevolezza della tua posizione del mento in condizioni di combattimento reali.
  2. Controllo dell’ansia da combattimento: Lo stress e l’ansia da combattimento possono portare a comportamenti impulsivi. Lavora sulla gestione dello stress attraverso la respirazione, la meditazione e la visualizzazione per mantenere una mente calma durante lo sparring.
  3. Feedback dall’allenatore: Richiedi feedback regolari al tuo allenatore o partner di allenamento. Chiedi loro di prestare attenzione alla tua posizione del mento durante lo sparring e di darti suggerimenti per migliorare.
  4. L’importanza della pratica costante: La pratica costante è fondamentale per sviluppare abitudini corrette. Continua ad allenarti regolarmente durante lo sparring per migliorare la tua capacità di mantenere il mento basso anche sotto pressione.
  5. L’esperienza conta: Con il tempo e l’esperienza, diventerai più sicuro di te stesso durante lo sparring. Imparerai a gestire meglio il livello di stress e ad adattarti alle situazioni di combattimento in modo più efficace.

Ricorda che il miglioramento nella tecnica richiede tempo e dedizione.

Con la pratica costante e l’attenzione agli aspetti specifici dello sparring, sarai in grado di mantenere il mento basso anche durante i combattimenti più intensi.

Pugno al mento Fighting Tips - Street Fight Mentality & Fight Sport

Quindi questo suggerimento utilizzalo in più occasioni finché non diventa qualcosa di strano non sentire il tuo mento a contatto un pò come ti capita ora quando non metti la cintura di sicurezza mentre guidi che ti senti strano, ecco questa è la tua cintura di sicurezza.

L’analogia con la cintura di sicurezza è molto efficace per sottolineare l’importanza del mantenimento del mento basso durante il combattimento.

Proprio come la cintura di sicurezza è fondamentale per la tua sicurezza quando guidi, il mantenimento del mento basso è fondamentale per la tua protezione durante il combattimento.

La sensazione di stranezza o di insicurezza quando non si segue questa pratica dovrebbe motivare ulteriormente gli atleti a lavorare sulla corretta posizione del mento e ad assicurarsi di mantenerlo basso in modo automatico.

Questo suggerimento è quindi un valido promemoria per gli atleti di non trascurare l’importanza di questa tecnica, anche quando la situazione diventa più intensa durante lo sparring o un combattimento reale.

La coerenza nell’allenamento e l’incanalamento dell’attenzione verso il mantenimento del mento basso possono aiutare a garantire una migliore protezione e ridurre il rischio di lesioni durante il combattimento.

Basta tenere il mento su

Citazioni di esperti

Alcune citazioni da esperti di arti marziali e allenatori che sottolineano l’importanza del mantenimento del mento basso nel combattimento:

  1. Bruce Lee: “Mantenere il mento basso è come avere una difesa naturale contro gli attacchi. Il tuo mento è il punto più vulnerabile del tuo corpo, quindi proteggilo sempre.”
  2. Mike Tyson: “Nel pugilato, il mento basso è come il fondamento di una casa solida. Senza di esso, tutto il resto collassa.”
  3. Sun Tzu (dall’Arte della Guerra): “Chi alza il mento nell’arte della guerra spesso trova la sconfitta. Chi mantiene il mento basso trova la vittoria.”
  4. Joe Lewis (Campione di karate): “La posizione del mento è l’elemento chiave della difesa. Un mento basso ti protegge dagli attacchi dell’avversario e ti permette di contrattaccare in modo più efficace.”
  5. Floyd Mayweather Jr.: “Il mento basso è la mia prima linea di difesa. Mi permette di evitare i colpi dell’avversario e di rimanere in controllo del combattimento.”
  6. Rener Gracie (Esperto di Brazilian Jiu-Jitsu): “Anche nel grappling, il mento basso è importante. Ti aiuta a evitare sottomissioni e posizioni di controllo dell’avversario.”
  7. Jack Dempsey: “Nel pugilato, la differenza tra una vittoria e una sconfitta può essere una frazione di secondo e una frazione di pollice. Il mento basso ti dà quella frazione di secondo in più.”
  8. Anderson Silva (Campione di MMA): “Il mantenimento del mento basso è una delle prime cose che impari nel combattimento. È fondamentale per la tua sicurezza e per avere successo nell’arte marziale che pratichi.”

Queste citazioni da esperti evidenziano l’importanza del mantenimento del mento basso nelle arti marziali e nel combattimento in generale.

Mostrano come questa pratica sia fondamentale per la protezione personale e il successo sul ring o nel dojo.

Pugno al mento Fighting Tips - Street Fight Mentality & Fight Sport

Conclusioni

La pratica costante del mantenimento del mento basso è una delle fondamenta cruciali per un combattimento efficace nelle arti marziali e nello sport da combattimento.

Come abbiamo visto, questo semplice esercizio, anche se può sembrare banale, può fare la differenza tra la vittoria e la sconfitta sul ring.

Ricorda che il mento rappresenta un bersaglio primario, e proteggerlo è essenziale per la tua sicurezza.

L’allenamento regolare, l’attenzione ai dettagli durante lo sparring e la consapevolezza della propria posizione del mento contribuiranno a sviluppare questa abilità in modo naturale.

Come una cintura di sicurezza quando guidi, il mantenimento del mento basso diventerà un’abitudine che non solo migliorerà la tua difesa ma ti darà anche fiducia nelle situazioni più intense.

Quindi, continua a lavorare su questa tecnica e rendila una parte integrante del tuo allenamento. Mantenere il mento basso è la chiave per un combattimento sicuro e vincente.

Tieni il mento giù, lotta con intelligenza e continua a perfezionare le tue abilità negli sport da combattimento e nelle arti marziali.

Tieni il mento giù fighter!!

Stay Tuned!

Street Fight Mentality & Fight Sport!

Andrea

Andrea
Andreahttps://expertfightingtips.com
Con una passione per la difesa personale e gli sport da combattimento, mi distinguo come praticante e fervente cultore e ricercatore sulle metodologie di allenamento e strategie di combattimento. La mia esperienza abbraccia un vasto panorama di discipline: dal dinamismo del Boxing alla precisione del Muay Thai, dalla tecnica del Brazilian Jiu-Jitsu all'energia del Grappling, dal Combat Submission Wrestling (CSW) all'intensità del Mixed Martial Arts (MMA). Non solo insegno, ma vivo la filosofia di queste arti, affinando costantemente metodi e programmi di allenamento che trascendono il convenzionale. La mia essenza si riflette nell'autodifesa: Filipino Martial Arts (FMA), Dirty Boxing, Silat, l'efficacia del Jeet Kune Do & Kali, l'arte della scherma con coltelli e bastoni, e la tattica delle armi da fuoco. Incarno la filosofia "Street Fight Mentality", un approccio senza fronzoli, diretto e strategico, unito a un "State Of Love And Trust" che bilancia l'intensità con la serenità. Oltre al tatami, la mia curiosità e competenza si spingono verso orizzonti diversi: un blogger professionista con la penna sempre pronta, un bassista dal groove inconfondibile e un artigiano del coltello, dove ogni lama è un racconto di tradizione e innovazione. Questa sinfonia di abilità non solo definisce la mia identità professionale, ma dipinge il ritratto di un individuo che nella diversità trova la sua unica e inconfondibile voce e visione. Street Fight Mentality & Fight Sport! Andrea

6 COMMENTS

  1. E’ da due orе che navigo e il tuo рost è la sola cosa attraente che ho letto.
    Realmente pregevole. Se tutte le persone che creano blog Ьаdasssero а fornire materiale intеressante comе questo il web sarebbe certamente molto più utile.

    Continua così!!!

  2. Olaa una mia amica mi hɑ sharato la url di questo blog е sono venuta a vedere com’è. Mi piɑce enormemente. L’ho messo tгa i preferiti.
    Magnifiсo blog e template splendido!!!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

SELF DEFENCE

FIGHT SPORT

Popular Articles

error: Content is protected !!