Savate Self Defence

Savate Self Defence

Savate Self Defence

Come sai una delle differenze tra la strada e il ring a meno che tu non sia sulla spiaggia è che non indossi scarpe.

Quindi una prima differenza tra per esempio l’ottagono UFC e la tua strada piena di tamarri è che difficilmente tu o chi ti aggredisce è scalzo.

Per le strade, la maggior parte delle persone indossano scarpe.

Il tipo di scarpe che indossi può davvero cambiare il gioco in maniera sorprendente perché può quasi essere un’arma da difesa personale.

Nella difesa personale non ti devi allenare scalzo, la tua formazione deve essere con le scarpe perché è così che è probabile che vai in strada.

Allo stesso modo chi ti attacca probabilmente ha delle scarpe di conseguenza devi fare molto attenzione alla tipologia di scarpa perché può essere molto pericolosa.

Vedilo come un tirapugni perché certe scarpe hanno punte spesse indurite rinforzate fino ad  arrivare a inserire volutamente come delinquenti del sud est asiatico ma anche nostrani dove inseriscono elementi sporgenti o taglierini per creare danni come taglierini, chiodi, ecc.

Puoi ben immaginare i danni che possono creare.

Gli atleti del Savate sono esperti a tirare i calci con le scarpe, si hai capito bene con le scarpe perché sul ring non salgono scalzi.

La differenza tra la pratica del Savate (uno sport di combattimento francese che utilizza i calci e i pugni) e la realtà delle situazioni di difesa personale in strada, soprattutto considerando l’importanza delle scarpe nelle situazioni reali. Ecco alcune considerazioni:

  1. Scarpe come arma potenziale: È vero che le scarpe possono diventare armi improvvise se usate in modo aggressivo durante una situazione di autodifesa. Calci o colpi con scarpe pesanti e appuntite possono infliggere danni significativi. Tuttavia, è importante notare che l’uso eccessivo della forza può avere conseguenze legali.
  2. Allenamento con le scarpe: È saggio integrare l’allenamento di autodifesa con l’uso di scarpe, poiché questa è la realtà della vita quotidiana. Gli atleti del Savate, come hai menzionato, sono esperti nell’usare i calci con le scarpe, il che può essere utile in situazioni di pericolo. Tuttavia, l’allenamento dovrebbe anche considerare la giusta etica e le leggi sulla legittima difesa per evitare problemi legali.
  3. Conoscenza dell’ambiente circostante: Oltre alle scarpe, è essenziale avere consapevolezza dell’ambiente circostante e delle possibili risorse o ostacoli che possono essere utilizzati per la difesa personale in una situazione di emergenza.
  4. Controllo e autodifesa responsabile: La difesa personale dovrebbe essere utilizzata solo come ultima risorsa quando non c’è altra opzione e solo per proteggere la tua incolumità o quella di altri. L’obiettivo principale dovrebbe essere la fuga e la sicurezza, se possibile, anziché l’aggressione.

L’allenamento di autodifesa dovrebbe tener conto delle condizioni reali delle strade e includere la considerazione delle scarpe come potenziale risorsa o minaccia ma è essenziale adottare un approccio responsabile e legale alla difesa personale e cercare di evitare situazioni pericolose quando possibile.

Savate Self Defence

Lista di alcune tecniche di Savate:

  1. Front kick (coup de pied frontal): È un calcio diretto in avanti con la parte superiore del piede, mirando generalmente al tronco o alla testa dell’avversario.
  2. Roundhouse kick (coup de pieds latéral): Questo calcio viene eseguito con una rotazione del corpo e mira a colpire l’avversario con il collo del piede lateralmente.
  3. Sidekick (coup de pieds fouetté): È un calcio laterale veloce e potente con la pianta del piede, di solito puntato all’addome o alla testa dell’avversario.
  4. Back kick (coup de pieds retourné): Un calcio all’indietro eseguito girando il corpo per colpire l’avversario con il tallone o il collo del piede.
  5. Hook kick (coup de pieds croche): Questo calcio coinvolge una rotazione del piede attorno all’arto, con l’obiettivo di colpire l’avversario con il tallone o la parte interna del piede.
  6. Spinning heel kick (coup de pieds tournoyant): È un calcio rotante eseguito con il tallone, spesso in una mossa di rotazione rapida per sorprendere l’avversario.
  7. Axe kick (coup de pieds hache): Questo calcio scende dall’alto verso il basso, simulando il movimento di un’ascia, e può mirare alla testa o ad altre parti del corpo.
  8. Jumping front kick (coup de pieds sauté frontal): Un calcio frontale eseguito mentre si è in aria dopo un salto.
  9. Jumping roundhouse kick (coup de pieds sauté latéral): Simile al precedente, ma con un calcio laterale eseguito in aria.
  10. Low kick (coup de pieds bas): Un calcio basso mirante alle gambe dell’avversario per indebolire la loro base.
  11. Jumping hook kick (coup de pieds sauté croche): Un calcio laterale eseguito in aria dopo un salto.
  12. Crescent kick (coup de pieds scorpion): Questo calcio segue un arco curvo, spesso utilizzato per colpire il volto o il collo dell’avversario.
  13. Front sweep (balayage frontal): Una tecnica per spazzare via la gamba dell’avversario frontalmente per farlo cadere.
  14. Inside sweep (balayage intérieur): Un movimento per spazzare via la gamba interna dell’avversario.
  15. Outside sweep (balayage extérieur): Simile all’interno della spazzata, ma mira alla gamba esterna dell’avversario.
  16. Jabs (directs): Colpi diretti con il pugno dominante, mirati al volto o al corpo dell’avversario.
  17. Cross punches (crochets): Pugni incrociati con potenza, spesso colpendo il volto dell’avversario.
  18. Uppercuts (uppercuts): Pugni diretti verso l’alto, mirando solitamente al mento o all’addome dell’avversario.
  19. Spinning backfist (coup de poing-marteau): Un pugno rotante eseguito con il dorso della mano, utilizzato per colpire l’avversario mentre ci si gira.
  20. Elbow strikes (coudes): Colpi di gomito, spesso utilizzati nelle distanze ravvicinate per colpire l’avversario.

Questi sono solo alcuni esempi, poiché ci sono molte varianti e combinazioni che possono essere utilizzate in Savate.

Savate Self Defence

Ogni tecnica ha le sue applicazioni uniche e può essere utilizzata in diverse situazioni.

Ricorda di esercitarti sempre sotto la guida di un istruttore qualificato per perfezionare le tue tecniche e di utilizzare attrezzature di sicurezza adeguate quando ti alleni con i partner.

Tieni presente che l’efficacia di qualsiasi arte marziale non deriva dalle tecniche stesse, ma dal metodo e la qualità dell’allenamento, di come ti dedichi con costanza e mirato e focalizzato a quello che fai , al tuo obiettivo e al contesto dove le tecniche devono funzionare ed essere efficaci .

La pratica di qualsiasi arte marziale, compresa il Savate, richiede un impegno costante, una guida adeguata da parte di un istruttore qualificato e l’uso di attrezzature di sicurezza per garantire che l’allenamento sia efficace e sicuro. L’efficacia delle tecniche marziali dipende da molti fattori, tra cui:

  1. Allenamento costante: La pratica regolare e costante è fondamentale per migliorare le tue abilità e mantenere la forma fisica necessaria per applicare efficacemente le tecniche.
  2. Istruzione qualificata: Un istruttore esperto può guidarti nella corretta esecuzione delle tecniche, correggere errori e insegnarti strategie di combattimento.
  3. Adattamento al contesto: È importante comprendere che le tecniche devono essere adattate al contesto in cui vengono utilizzate, che sia un combattimento sportivo, la difesa personale o una situazione di emergenza.
  4. Sicurezza: L’uso di attrezzature di sicurezza, come guantoni e parastinchi, durante l’allenamento previene lesioni e ti permette di esercitarti in modo più efficace.
  5. Mentalità focalizzata: La mentalità è un aspetto cruciale dell’arte marziale. Deve esserci una mente focalizzata, disciplina e rispetto per gli altri durante l’allenamento.
  6. Obiettivi chiari: Definire i tuoi obiettivi, che siano il miglioramento delle abilità di autodifesa, il successo nel combattimento sportivo o il mantenimento della salute fisica e mentale, è essenziale per guidare il tuo allenamento.
  7. Consapevolezza delle leggi e dell’etica: Nelle situazioni di difesa personale, è fondamentale essere consapevoli delle leggi locali sulla legittima difesa e adottare un approccio etico al combattimento.

L’arte marziale è molto più di una serie di mosse; è un percorso di sviluppo personale che richiede dedizione, disciplina e rispetto.

Con la pratica diligente e l’attenzione ai dettagli, puoi migliorare la tua abilità nel Savate o in qualsiasi altra disciplina marziale e applicarla in modo efficace quando necessario.

Savate Self Defence
Se si proviene da un background di Muay Thai o MMA e non hai mai fatto sparring con una buona Savate Player, probabilmente non hai idea di cosa sto parlando.

Mi sono allenato sia di Muay Thai che con praticanti di Savate e ho visto come l’approccio difensivi agli stessi colpi cambi se si hanno le scarpe o si è scalzi.

Difese utilizzate contro un Kick Shin spesso non funzionano così bene contro una kick con la scarpa.

Nel Savate, dove gli atleti indossano scarpe, i calci possono essere più affilati e precisi rispetto ai calci nudi della Muay Thai.

Questo può richiedere un’adattamento nelle tecniche di difesa. Gli atleti di Savate sono spesso molto bravi a utilizzare le loro scarpe in modo offensivo, il che può rendere più difficile per gli avversari abituati a combattere scalzi.

È importante riconoscere queste differenze e adattarsi di conseguenza quando si affrontano stili di combattimento diversi. Il miglioramento delle abilità di difesa contro calci con scarpe può richiedere un periodo di adattamento e allenamento specifico per affrontare le sfide uniche presentate dal Savate.

In generale, avere una varietà di esperienze di allenamento e confrontarsi con praticanti di diverse discipline può arricchire le tue abilità di combattimento e migliorare la tua preparazione per situazioni diverse. Tuttavia, è importante farlo in modo responsabile e sotto la guida di istruttori esperti per garantire una pratica sicura ed efficace.

Savate Self Defence

Allenarsi con e senza scarpe

È importante allenarsi con e senza scarpe in modo da sapere come ci si sente a ruotare sul piede perno e calciare con le scarpe, perché è molto diverso.

Nella strade, stivali e scarponi con la punta in acciaio o in altro modo, sono armi pericolose.

Sicuramente non vuoi essere portato a terra da qualcuno e con un secondo aggressore suo amico che viene a tirarti i calci in testa.

Guarda che scarpe indossa ma prima di salutarti voglio che tu veda questa foto credo che tu riconosca qualcuno.

Dan Inosanto ha anche studiato il Savate Self Defence.

Ecco un’espansione di questo concetto:

  1. Adattamento alle condizioni reali: Le situazioni di autodifesa in strada possono presentare una serie di variabili impreviste, tra cui il terreno, l’ambiente circostante e, come hai menzionato, le scarpe indossate dagli aggressori. L’allenamento con scarpe e senza scarpe aiuta a sviluppare la capacità di adattarsi rapidamente a queste condizioni mutevoli.
  2. Scarpe come armi o ostacoli: Come hai sottolineato, le scarpe possono essere sia armi pericolose nelle mani di un aggressore che ostacoli nella tua capacità di difenderti. Stivali con punte in acciaio o scarponi robusti possono causare danni significativi, quindi è essenziale essere consapevoli di ciò che l’aggressore sta indossando e prendere precauzioni.
  3. Prevenzione di situazioni di pericolo: L’addestramento a riconoscere le potenziali minacce in base alle calzature e all’atteggiamento degli aggressori può aiutarti a prevenire situazioni pericolose e a evitare il coinvolgimento in conflitti non necessari.
  4. Gestione delle situazioni multi-aggressore: Come hai menzionato, dover affrontare più aggressori è estremamente difficile e pericoloso. La conoscenza di come proteggersi e cercare di prevenire tattiche di gruppo può essere vitale per la tua sicurezza.
  5. Allenamento completo: Per un allenamento completo e ben bilanciato, è importante esplorare e adattarsi alle diverse situazioni che potresti incontrare. Questo non solo migliora le tue abilità di autodifesa, ma anche la tua sicurezza personale.

In definitiva, la formazione in autodifesa dovrebbe riflettere le condizioni reali che potresti affrontare nella vita quotidiana.

L’allenamento con e senza scarpe è solo uno degli aspetti di questa preparazione.

È importante combinare la conoscenza tecnica con l’adattabilità mentale e la consapevolezza dell’ambiente per essere pronti a fronteggiare le sfide che potrebbero sorgere in situazioni di autodifesa nella vita reale.

Savate Self Defence

Se non hai le scarpe le tecniche vanno riadattate, come vedi anche nell’ottagono dell’UFC vengono tirati colpi diretti alle ginocchia.

Una cosa che devi considerare è il tuo condizionamento perché avendo utilizzato le scarpe sin da bambino la tua struttura ossea non è uguale a chi per anni ha camminato scalzo per mesi o anni.

Ecco un’espansione su questo concetto:

  1. Riadattamento delle tecniche: L’uso delle scarpe può influenzare notevolmente la dinamica delle tecniche di combattimento. Per chi è abituato a combattere scalzo, doversi adattare all’uso delle scarpe può richiedere un periodo di aggiustamento. È fondamentale essere in grado di modificare le tue tecniche in modo da sfruttare al massimo le scarpe o affrontare le sfide che possono sorgere quando le si indossa.
  2. Colpi alle ginocchia: Come hai sottolineato, l’UFC e altre discipline di arti marziali miste tengono conto del fatto che i partecipanti indossano scarpe. Questo può influenzare le strategie di combattimento, compresi i colpi diretti alle ginocchia, che possono essere più efficaci quando l’avversario indossa scarpe che coprono quest’area.
  3. Struttura ossea e condizionamento: È vero che la struttura ossea e il condizionamento delle gambe possono variare tra chi ha indossato scarpe sin da bambino e chi ha camminato scalzo per lunghi periodi. Chi è cresciuto camminando scalzo può sviluppare una diversa resistenza e una maggiore robustezza dei piedi e delle gambe. È importante essere consapevoli di queste differenze e considerarle nell’allenamento e nella preparazione fisica.
  4. Protezione adeguata: Quando si combatte o si pratica l’allenamento con scarpe, è importante indossare protezioni adeguate per prevenire infortuni alle gambe e ai piedi. Parastinchi, scarpe da combattimento o altri dispositivi protettivi possono aiutare a ridurre il rischio di lesioni.
  5. Adattabilità mentale: Oltre all’adattamento fisico, è fondamentale sviluppare l’adattabilità mentale per affrontare situazioni diverse. Questo include la capacità di valutare rapidamente il contesto, riconoscere le opportunità e adattare le tue strategie di conseguenza.

La consapevolezza delle differenze tra combattere scalzi e con scarpe è fondamentale per un allenamento efficace in arti marziali o autodifesa.

L’adattabilità, la comprensione delle sfide specifiche e il condizionamento adeguato sono chiavi per sviluppare abilità di combattimento versatili e prepararsi per varie situazioni.

Savate Self Defence

Ma per tornare sull’aspetto della difesa personale devi sapere che i delinquenti che rispetto a te si aspettano sempre di finire in situazioni “strane” o che andando a rompere le scatole alla gente qualcuno reagisca alcuni mettono oggetti contundenti che sporgono dalle scarpe sulla punta e nel tacco.

Oppure i filippini ma in generale nel sud-est asiatico dove la malavita ha l’abitudine di inserire taglierini nelle suole per creare danni profondi nelle ossa quando calciano o tagliare i legamenti per stroncare la mobilità dell’avversario.

I bersagli quando indossi le scarpe possono essere essere diversi ma focalizzandoci su colpi da difesa personale puoi colpire in diversi modi ma te ne voglio indicare alcuni importanti.

Frontalmente di punta:

  • I genitali (attenzione che non serve un colpo potente ma preciso devi sfruttare la velocità).
  • Le ginocchia – un colpo preciso può debilitare la capacità di movimenti e ti permette di scappare o colpire un aggressore che si muove poco. Tira un colpo secco alla rotula.
  • Gli stinchi – è un colpo molto doloroso che ti permette di avere un margine di tempo per colpire o scappare.

Oppure di tacco:

  • Appoggiare il tacco agli stinchi e schiacciare come sul pedale per accendere una moto.
  • Sul collo del piede per rompere.
  • Sulla punta delle dita.

La scelta dei colpi dipende dalla distanza dall’aggressore.

Una cosa importante !!! NON GUARDARE DOVE VUOI TIRARE PERCHÉ SI VEDE.

Savate Self Defence
Se l’aggressore è dietro di te sono utili i colpi di tacco agli stinchi e al collo e dita del piede.

Una valutazione che devi fare quando indossi la scarpa è che in base al tipo di scarpe che indossi ti può dare dei vantaggi e degli svantaggi in base a delle caratteristiche come il tacco, la suola, la forma, ecc.

La scapa da difesa personale

Quindi se vuoi una scarpa adatta alla difesa personale devi essere attento ad alcune caratteristiche sulla scelta della tua scarpa.

  • La suola non liscia e di gomma morbida,
  • La punta rivestita e dura,
  • Comoda per muoversi e fare scatti,
  • Solida nel piede,
  • Con i lacci spessi che potresti utilizzarli per legare un aggressore (ti spiego qui come legare un aggressore in attesa che arrivi la polizia).

Ecco una spiegazione più dettagliata delle caratteristiche desiderate nelle scarpe per la difesa personale:

  1. Suola non liscia e di gomma morbida: Una suola antiscivolo e morbida offre una migliore trazione su diverse superfici e può aiutare a prevenire scivolate o cadute durante una situazione di autodifesa. Questa caratteristica è particolarmente importante se dovessi correre o spostarti rapidamente.
  2. Punta rivestita e dura: Una punta rivestita e dura protegge i tuoi piedi da possibili danni e può essere utilizzata per colpire l’avversario in una situazione di emergenza. Questo offre una forma aggiuntiva di difesa personale.
  3. Comoda per muoversi e fare scatti: Le scarpe dovrebbero essere comode e permettere una buona mobilità. Dovresti essere in grado di muoverti agilmente, compiere scatti o cambi di direzione rapidi senza sentirle restrittive.
  4. Solida nel piede: La scarpa dovrebbe avere una costruzione solida che fornisce un buon supporto per i tuoi piedi e le caviglie. Questo può aiutare a prevenire infortuni durante situazioni di combattimento o di autodifesa.
  5. Lacci spessi: Lacci spessi e resistenti non solo mantengono le scarpe saldamente al tuo piede, ma possono anche essere utilizzati come strumento di difesa. Se necessario, puoi usare i lacci per immobilizzare un aggressore o legare temporaneamente le mani o i polsi.

La scelta delle scarpe per la difesa personale dovrebbe riflettere la tua preparazione e le tue esigenze specifiche.

Prima di acquistare una coppia, prenditi del tempo per provarle e assicurarti che soddisfino queste importanti caratteristiche. Inoltre, cerca di ottenere consigli da istruttori esperti o professionisti della sicurezza per aiutarti nella tua scelta.               Savate Self Defence Fighting Tips - Street Fight Mentality & Fight Sport

Conclusioni

Il Savate Self Defence è una disciplina di arti marziali che si concentra sulla preparazione per situazioni di difesa personale nella vita reale.

Un aspetto cruciale di questa preparazione è la consapevolezza delle condizioni ambientali, tra cui l’uso delle scarpe, che possono influenzare significativamente il combattimento e la difesa.

Le scarpe possono essere sia un vantaggio che una minaccia, e quindi la scelta delle scarpe giuste è fondamentale.

Per una difesa personale efficace, le scarpe dovrebbero avere una suola antiscivolo, una punta rivestita e dura, essere comode per consentire agilità e movimento rapido, avere una costruzione solida per il supporto e lacci spessi che possono servire anche come strumento di difesa.

Inoltre, l’adattamento mentale e fisico è essenziale per affrontare situazioni impreviste.

La pratica costante e l’allenamento sotto la guida di istruttori qualificati sono fondamentali per sviluppare abilità di autodifesa versatili. In definitiva, la preparazione adeguata e la consapevolezza delle sfide specifiche delle situazioni di autodifesa possono essere determinanti per garantire la tua sicurezza personale nelle situazioni della vita reale.

Però scegli una bella scarpa !!! Savate Self Defence.

Stay Tuned! Savate Self Defence.

Street Fight mentality & Fight Sport!

Andrea

Andrea
Andreahttps://expertfightingtips.com
Con una passione per la difesa personale e gli sport da combattimento, mi distinguo come praticante e fervente cultore e ricercatore sulle metodologie di allenamento e strategie di combattimento. La mia esperienza abbraccia un vasto panorama di discipline: dal dinamismo del Boxing alla precisione del Muay Thai, dalla tecnica del Brazilian Jiu-Jitsu all'energia del Grappling, dal Combat Submission Wrestling (CSW) all'intensità del Mixed Martial Arts (MMA). Non solo insegno, ma vivo la filosofia di queste arti, affinando costantemente metodi e programmi di allenamento che trascendono il convenzionale. La mia essenza si riflette nell'autodifesa: Filipino Martial Arts (FMA), Dirty Boxing, Silat, l'efficacia del Jeet Kune Do & Kali, l'arte della scherma con coltelli e bastoni, e la tattica delle armi da fuoco. Incarno la filosofia "Street Fight Mentality", un approccio senza fronzoli, diretto e strategico, unito a un "State Of Love And Trust" che bilancia l'intensità con la serenità. Oltre al tatami, la mia curiosità e competenza si spingono verso orizzonti diversi: un blogger professionista con la penna sempre pronta, un bassista dal groove inconfondibile e un artigiano del coltello, dove ogni lama è un racconto di tradizione e innovazione. Questa sinfonia di abilità non solo definisce la mia identità professionale, ma dipinge il ritratto di un individuo che nella diversità trova la sua unica e inconfondibile voce e visione. Street Fight Mentality & Fight Sport! Andrea
RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments

Maurizio Vita on Keysi Fighting Method
Maurizio Vita on Keysi Fighting Method
Angus Balboa on CorBag
Tor Carbone CrossFit on Crossfit per le arti marziali?
Andrea Resta on La ruota per addominali
Felicia Slivka on Kino Mutai
Vilfredo on Chin Na
Lorenzo Zulian on Chin Na
Lorenzo Zulian on Chin Na
Maurizio Vorzitelli on La geografia delle arti marziali
Roberto on Plastic Knuckle
dolore al ginocchio on L’igiene personale nel BJJ
corrado cobianchi on NiteCore Titanium 120 dB
The Who on Karambit
Eliza on Karambit
Giovanni on Karambit
Graciela on Karambit
Thako Jiu Jiutsu on Famosi Kimono per il BJJ
dolore al ginocchio on Pugno al mento
Adrianna on Pugno al mento
Medical center on Pugno al mento
error: Content is protected !!