sabato, Aprile 13, 2024
spot_img
spot_img

Top 5 This Week

spot_img

Related Posts

Silat

Tigre

Il Silat è un’arte marziale originaria del Sud Est Asiatico, in particolare degli stati dell’Indonesia e della Malaysia, ma è praticato anche a Singapore, nel sud del Vietnam, nel Brunei e nella parte sud della Thailandia.

In Indonesia è chiamato Pentjak Silat o Pencak Silat, mentre nella Malesia ha il nome di Silat Melayu.

Pencak Silat è il nome ufficiale usato per riferirsi a circa 800 scuole e stili di arti marziali.

Tuttavia, in realtà è un nome complesso costituito da due termini usati in diverse regioni.

La parola penchak e i suoi derivati ​​dialettici, come pencha (West Java) e manchak (Madura e Bali), sono di solito usati in queste regioni, mentre il termine silat o silek è usato in Sumatra.

Ciò è dovuto alla diffusa prevalenza dell’arte in oltre 13.000 isole indonesiane e Malesia.

Il Silat prende ispirazione osservando la natura.

Sono infatti molti gli stili e le tecniche esistenti in questa disciplina che si ispirano agli animali, osservando i comportamenti di difesa di questi ultimi e sfruttandone la potenza applicandola al combattimento.

Tra le più conosciute “la tigre” Harimau, “il coccodrillo”, “il gatto”, “il gallo”, “l’aquila”, “la torpedine”, quella del ‘maiale’ e molti altri.

Diverse tecniche sono state prese in considerazione da molti esperti di sistemi di combattimento moderni e di difesa personale, ed è spesso appreso insieme al kali filippino.

Il Silat è stato inserito dall’UNESCO tra i Patrimoni orali e immateriali dell’umanità ed è perciò considerato “Patrimonio intangibile dell’Umanità” nel dicembre 2019.

Silat Fighting Tips - Street Fight Mentality & Fight Sport

Le origini

​​Non è facile rintracciare la storia della scuola, poiché le fonti scritte non sono state praticamente conservate e tutte le informazioni di base sono state trasmesse oralmente da insegnanti e maestri.

Ogni regione dell’arcipelago ha la sua versione dell’origine della scuola, che si basa su alcune tradizioni.

Secondo i miti malesi, l’arte marziale del Silat fu originariamente sviluppata da gruppi tribali nell’arcipelago nel processo di osservazione dei movimenti degli animali e dei fenomeni naturali.

Il suo obiettivo principale era la protezione dagli animali selvatici e la sopravvivenza.

Nel tempo, è diventato uno strumento per raggiungere lo status sociale durante le battaglie tra gruppi tribali, clan, comunità e, in un periodo successivo, regni.

Una persona con tali capacità era temuta e rispettata e il suo possesso forniva prestigio e una posizione privilegiata nella società. Il maestro potrebbe diventare il capo del clan o guidare l’esercito.

Nel corso del tempo, ci fu una sistematizzazione di metodi militari, fu sviluppata una forma generale di arte marziale, che si chiamava penchak silat.

Silat Fighting Tips - Street Fight Mentality & Fight Sport

Esistono due nemici, uno viene da fuori e l’altro da dentro.

(Proverbio del Silat Indonesiano)

 

Ruolo nella storia

Dall’era degli antichi regni indù-buddisti indonesiani come Sri Vijaya, Majapahit e Sunda Kingdom, il silat è stato utilizzato per l’addestramento dei guerrieri.

Prove archeologiche suggeriscono che nel VI secolo d.C. e. sistemi di combattimento formalizzati furono praticati nella regione di Sumatra e nella penisola malese.

I due regni, Sri Vijaya a Sumatra dal 7 ° al 14 ° secolo e Majapahit a Giava dal 13 ° al 16 ° secolo, usarono queste abilità di combattimento e furono in grado di espandere il loro dominio in gran parte di ciò che oggi è Indonesia, Malesia e Singapore.

Le principali funzioni dell’arte marziale erano la protezione, la conservazione o l’espansione del territorio.

Questa arte marziale non ha uno standard comune.

Ogni stile ha le sue caratteristiche di movimento, i metodi appositamente sviluppati e la logica tattica.

Consiste in molte tecniche di combattimento.

Gran parte della tecnica è una combinazione di prese e colpi.

La ricchezza dei termini riflette una grande varietà di stili e tecniche in diverse regioni a causa del fatto che il penchak silat è stato sviluppato da diversi maestri che hanno creato il proprio stile in conformità con le loro preferenze, condizioni fisiche e il contesto socio-culturale in cui vivevano.

 

L’organizzazione

Dopo la liberazione delle regioni dai coloni e l’emergere di paesi indipendenti, come Indonesia, Malesia, Singapore e Brunei Darussalam, lo sviluppo e la diffusione delle arti marziali in questi paesi accelerarono, apparvero grandi organizzazioni, vale a dire Ikatan Penchak Silat Indonesia (IPSI) o l’Associazione indonesiana dei predatori di Penkak , Persecutuan Silat Kebangsan Malaysia (PESAKA) o Malaysian National Silat Federation, Persekutuan Silat Singapore (PERSISI) o Singapore Silat Federation e Persekutuan Silat Brunei Darussalam (PERSIB) o Federation Silat Brunei Darussalam.

Tuttavia, la sua distribuzione non era limitata a queste sole regioni. Nuove scuole iniziarono ad apparire in altri paesi.

Nelle comunità internazionali, il nome “penchak silat” è diventato un termine ufficiale da quando l’organizzazione internazionale fondata a Jakarta nel 1980 è stata chiamata Persekutuan Penchak Antarabangsa, abbreviata in PERSILAT.

Il complesso Padepokan, progettato per studiare e insegnare questa zona, ha il nome completo Padepokan Penchak Silat. Ci sono 1000 club e 33 associazioni che sviluppano questo stile (IPSI) nel Padepokan.

Da quando PERSILAT (Federazione Internazionale di Silencas Penchak) è stata fondata nel 1980, è stata promossa come uno sport internazionale.

Silat

Tecniche

Sconosciuta agli occidentali fino al 1700, il Silat è caratterizzato da colpi devastanti, brutali, che sono efficaci e nello stesso tempo raffinati nella tecnica.

Vengono usati colpi di pugno, calcio, gomiti, ginocchia con moltissime varianti, ma quello che caratterizza questo tipo di combattimento è l’uso di tecniche di rottura articolari ad impatto (non per trazione o compressione, statiche, come in altre arti come ju-jitsu o Jūdō).

Nel Silat si assumono spesso posizioni di guardia apparentemente contorte, difficili da apprendere, ma che una volta diventate abituali permettono l’esecuzione di colpi rapidi e potenti.

Nel Silat vengono usate soprattutto le armi; tipica è la posizione accovacciata, detta anche seduta in depock, a cui spesso viene abbinato l’uso del caratteristico coltello (karambit) usato su linee basse per tagliare i tendini degli arti inferiori, rendendo l’avversario inoffensivo; altre armi spesso utilizzate nel Silat sono il machete, il kriss, la katana, la sciabola dao, i tee check (sai), e molte altre.

Kali Eskrima Silat Panantukan Stick Fighting

Elenco delle tecniche di attacco del Silat indonesiano

Il Silat, un’arte marziale tradizionale dell’Indonesia, comprende una varietà di tecniche di attacco che sono sia uniche che efficaci. Ecco un elenco delle tecniche comunemente praticate nel Silat:

  1. Pukulan: Questa è una tecnica di colpo di pugno. I praticanti del Silat usano diversi tipi di pugni, ciascuno con la sua specifica applicazione e potenza.
  2. Tendangan: Queste sono tecniche di calci. Il Silat include diversi tipi di calci, da quelli bassi a quelli alti, spesso mirati a punti vulnerabili dell’avversario.
  3. Sikut: Tecniche che coinvolgono l’uso del gomito. Queste mosse sono generalmente usate per colpire a breve distanza e possono essere molto potenti.
  4. Lutut: Queste sono tecniche di ginocchio, utilizzate principalmente in combattimenti ravvicinati. Possono essere impiegate per colpire lo stomaco, il petto o la testa dell’avversario.
  5. Bantingan: Tecniche di lancio e proiezione. Queste mosse mirano a sbilanciare e gettare l’avversario al suolo.
  6. Kuncian: Tecniche di bloccaggio e di leva articolare. Queste mosse sono progettate per immobilizzare o controllare l’avversario, spesso portando a una resa.
  7. Elakan: Movimenti evasivi e schivate. Il Silat pone grande enfasi sulla mobilità e sull’evitare gli attacchi dell’avversario.
  8. Harimau (Tigre): Tecniche che imitano i movimenti e gli attacchi di una tigre. Questi includono movimenti bassi e rapidi, spesso con attacchi improvvisi e potenti.
  9. Elang (Aquila): Tecniche che imitano il volo e gli attacchi di un’aquila. Questi movimenti sono fluidi e mirano a colpire dall’alto.
  10. Pisau (Coltello) e Keris (Daga): Tecniche di attacco che coinvolgono l’uso di armi tradizionali come coltelli e pugnali.

Queste tecniche mostrano la diversità e la ricchezza del Silat come arte marziale, che combina colpi, leve, prese, e movimenti evasivi in un sistema di combattimento altamente efficace.

Il Silat non si limita solo alle tecniche menzionate, ma include anche altri elementi che lo rendono un’arte marziale completa.

Ecco alcune ulteriori tecniche e principi del Silat:

  1. Penghadangan: Tecniche di intercettazione e contrattacco. Questi movimenti sono progettati per anticipare e neutralizzare gli attacchi dell’avversario prima che possano infliggere danno.
  2. Langkah (Passo): Le tecniche di movimento e posizionamento sono cruciali nel Silat. Questi includono varie forme di passi, scatti e movimenti fluidi per posizionarsi vantaggiosamente in combattimento.
  3. Grappling e Clinch: Tecniche di lotta che comprendono prese e controlli a breve distanza. Sono usate per dominare l’avversario in situazioni di combattimento ravvicinato.
  4. Teknik Pertahanan (Difesa): Oltre agli attacchi, il Silat pone grande enfasi sulla difesa. Questo include parate, bloccaggi e deviazioni per proteggersi dagli attacchi.
  5. Pernafasan (Respirazione): Il controllo della respirazione è fondamentale nel Silat, con tecniche specifiche per migliorare l’endurance e la concentrazione.
  6. Pemanasan (Riscaldamento): Esercizi di riscaldamento e stretching sono importanti per preparare il corpo al combattimento e prevenire infortuni.
  7. Strategia e Tattica di Combattimento: Il Silat non è solo una raccolta di tecniche fisiche, ma anche una disciplina che richiede astuzia, strategia e adattabilità. I praticanti imparano a leggere gli avversari e a modificare le loro tecniche di conseguenza.
  8. Meditazione e Aspetti Spirituali: Il Silat include anche un lato spirituale e meditativo, che aiuta a sviluppare la pace interiore, il focus mentale e una profonda connessione con le tradizioni culturali e spirituali dell’Indonesia.
  9. Forme e Kata: Come molte arti marziali, il Silat ha anche forme o kata, sequenze di movimenti che simulano un combattimento contro uno o più avversari immaginari.
  10. Adattabilità e Improvvisazione: Il Silat insegna ai suoi praticanti ad essere adattabili e a improvvisare in situazioni di combattimento, utilizzando l’ambiente circostante e qualsiasi strumento a disposizione come arma.

Questi aspetti mostrano come il Silat sia un sistema di combattimento completo che non solo insegna tecniche fisiche efficaci ma promuove anche lo sviluppo di abilità mentali, strategiche e spirituali.

Elenco delle tecniche di difesa del Silat indonesiano

Le tecniche di difesa nel Silat indonesiano sono altrettanto varie e sofisticate quanto le tecniche di attacco.

Ecco un elenco di alcune delle principali tecniche difensive praticate nel Silat:

  1. Elakan: Tecniche di schivata. Queste includono movimenti per evitare attacchi, spostandosi lateralmente o all’indietro, e sono fondamentali per mantenere la sicurezza in combattimento.
  2. Tangkisan: Tecniche di parata e blocco. Queste tecniche sono utilizzate per deviare o bloccare attacchi in arrivo, usando le mani, le braccia o altre parti del corpo.
  3. Penghadangan: Tecniche di intercettazione. Queste tecniche mirano a neutralizzare un attacco prima che raggiunga il suo obiettivo, intercettando l’avversario.
  4. Jurusan: Tecniche di contrattacco. Dopo aver bloccato o deviato un attacco, i praticanti del Silat spesso passano immediatamente a un contrattacco.
  5. Guling (Rotolamento): Tecniche di caduta e rotolamento per evitare attacchi o ridurre l’impatto di una proiezione o di una caduta.
  6. Kuncian (Bloccaggi Articolari): Anche se spesso usati come attacchi, i bloccaggi possono essere efficaci per difendersi, bloccando o controllando le articolazioni dell’avversario.
  7. Bantingan (Proiezioni): Utilizzare la forza o il movimento dell’avversario contro di lui, proiettandolo a terra. Questo non solo neutralizza l’attacco, ma può anche disorientare o danneggiare l’avversario.
  8. Langkah (Posizionamento e Movimento): Muoversi efficacemente in combattimento per mantenere una posizione vantaggiosa e per evitare attacchi.
  9. Maneuver Evasivi Combinati: Combinare schivate, parate, e movimenti per creare una difesa dinamica e difficile da penetrare.
  10. Pemanfaatan Lingkungan (Uso dell’Ambiente): Utilizzare l’ambiente circostante come parte della difesa, ad esempio spostandosi dietro ostacoli o usando oggetti come scudi.
  11. Kontrol Pernafasan (Controllo della Respirazione): Mantenere la calma e il controllo della respirazione per rimanere focalizzati e reattivi sotto pressione.
  12. Penggunaan Senjata (Uso di Armi): Nel Silat, l’uso di armi tradizionali come il Keris (daga) o il bastone può essere integrato nella difesa.
  13. Pengalihan (Deviazione): Deviare l’energia o l’attacco dell’avversario piuttosto che opporsi direttamente a esso.
  14. Aspetti Psicologici: Utilizzare la psicologia per intimidire o confondere l’avversario, ad esempio attraverso l’uso di finti o sguardi intimidatori.

Queste tecniche mostrano come il Silat sia una pratica complessa che richiede non solo abilità fisica ma anche acutezza mentale e strategica.

La difesa nel Silat non è mai passiva; è sempre una preparazione per una risposta efficace o un contrattacco.

Continuando con le tecniche di difesa nel Silat indonesiano, possiamo esplorare ulteriori aspetti che rendono questa arte marziale unica:

  1. Sensitivity Training (Allenamento della Sensibilità): Il Silat enfatizza la capacità di percepire e reagire agli attacchi anche prima che siano completamente eseguiti. Questo include allenamenti per migliorare la sensibilità al movimento e alle intenzioni dell’avversario.
  2. Teknik Refleks (Tecniche Riflessive): Sviluppare riflessi rapidi per rispondere in modo istintivo agli attacchi. Queste tecniche sono spesso perfezionate attraverso esercizi di coppia e simulazioni di combattimento.
  3. Teknik Penyerapan (Tecniche di Assorbimento): Imparare a assorbire o ridistribuire l’energia di un attacco, diminuendone l’impatto. Questo può includere l’uso di movimenti rotatori del corpo o di spostamenti laterali.
  4. Teknik Pengalihan (Deviazione): Tecniche che impiegano la deviazione, non solo fisica ma anche tattica, per disorientare o confondere l’avversario.
  5. Keseimbangan (Equilibrio): Mantenere e controllare il proprio equilibrio è fondamentale per eseguire efficacemente le tecniche difensive, specialmente contro attacchi che mirano a sbilanciare.
  6. Fleksibilitas (Flessibilità): La flessibilità fisica e la capacità di adattarsi rapidamente a situazioni inaspettate sono essenziali nella difesa del Silat.
  7. Kesadaran Situasional (Consapevolezza Situazionale): Essere consapevoli dell’ambiente e di eventuali fattori esterni che potrebbero influenzare il combattimento.
  8. Psikologi Pertahanan (Psicologia della Difesa): Utilizzare la psicologia per anticipare e neutralizzare gli attacchi. Questo può includere la lettura del linguaggio del corpo e delle intenzioni dell’avversario.
  9. Pertahanan Berlapis (Difesa Stratificata): Costruire una difesa a più livelli, combinando schivate, parate, e contrattacchi per creare una risposta complessa e difficile da superare.
  10. Teknik Pemulihan (Tecniche di Recupero): Capacità di recuperare rapidamente da una posizione svantaggiosa o dopo aver ricevuto un colpo.
  11. Principi di Non-Aggressione: Nel Silat, la difesa è spesso vista come preferibile all’attacco. Molte tecniche difensive sono progettate per neutralizzare la minaccia senza necessariamente infliggere danni seri all’avversario.
  12. Antisipasi (Anticipazione): Sviluppare la capacità di anticipare gli attacchi basandosi sui movimenti, la postura e i pattern comportamentali dell’avversario. Questa capacità aiuta a prepararsi e reagire in modo più efficace.
  13. Teknik Penutupan (Tecniche di Copertura): Utilizzare le braccia e le mani per proteggere parti vitali del corpo, come il viso e gli organi interni, dagli attacchi.
  14. Finti e Inganni: Impiegare finti e manovre ingannevoli per disorientare o indurre l’avversario a commettere errori, creando opportunità per una difesa efficace o per un contrattacco.
  15. Kombinasi Pertahanan-Serangan (Combinazioni Difesa-Attacco): Integrare le tecniche difensive con attacchi rapidi e precisi, permettendo una transizione fluida tra difesa e offesa.
  16. Teknik Pengekangan (Tecniche di Contenimento): Imparare a controllare e contenere l’avversario, limitando la sua capacità di attacco senza necessariamente passare a tecniche offensive.
  17. Koordinasi Tubuh (Coordinazione Corporea): Sviluppare un’eccellente coordinazione tra le varie parti del corpo per eseguire tecniche difensive complesse e dinamiche.
  18. Resistenza alla Fatica e alla Pressione: Allenamento fisico e mentale per mantenere la calma e la resistenza sotto pressione, assicurando che la difesa rimanga efficace anche in condizioni estreme o prolungate.
  19. Pemahaman Taktis (Comprensione Tattica): Approfondire la comprensione tattica del combattimento, imparando a riconoscere e sfruttare le debolezze dell’avversario.
  20. Pengendalian Nafas (Controllo del Respiro): Oltre alla fisicità, il controllo del respiro gioca un ruolo cruciale nel mantenere la concentrazione e l’equilibrio emotivo durante la difesa.
  21. Spiritualità e Intuizione: Nelle forme più tradizionali del Silat, viene data importanza all’aspetto spirituale e all’intuizione, che possono potenziare la percezione e la reattività in situazioni di combattimento.
  22. Adattabilità Ambientale: Essere in grado di adattare le tecniche di difesa a diversi ambienti e situazioni, sfruttando al meglio gli elementi circostanti.
  23. Principio di Efficienza: Le tecniche di difesa nel Silat spesso enfatizzano la minimizzazione dello sforzo, utilizzando la forza dell’avversario contro di lui e impiegando movimenti economici ma efficaci.
  24. Allenamento con Partner e Simulazioni: Praticare con partner diversi e in vari scenari di combattimento per affinare la capacità di reagire a diversi stili e tecniche di attacco.
  25. Esercizi di Flessibilità e Agilità: Mantenere il corpo agile e flessibile è fondamentale per eseguire movimenti difensivi rapidi e precisi.
  26. Autocontrollo e Disciplina: Al centro della difesa nel Silat c’è un forte senso di autocontrollo e disciplina, che aiuta a mantenere la lucidità e la calma in situazioni potenzialmente pericolose.

Il Silat è un’arte marziale olistica che integra aspetti fisici, mentali e spirituali nella sua pratica, con un’enfasi particolare sulla difesa intelligente e adattativa.

 

Stili e forme di Silat

Quattro stili sono sviluppati in Java (chimande, chikalong, timbangan e chikaret), oltre a scuole e tecniche dei Sundan.

Solo di recente, il silat ha iniziato a diffondersi qui come sport con le sue competizioni nazionali e regionali.

Bela diri (autodifesa) è una sezione piuttosto pericolosa del silat.

In precedenza, era tenuto segreto, in particolare la sua componente mistica, che veniva insegnata solo ai singoli studenti.

presenza arti marziali cinesi sulle isole della Malesia ricorda gli antichi contatti tra Cina e Sud-Est asiatico.

Alcuni ricercatori li considerano il più grande sistema organizzato di arti marziali indonesiane, anticipando l’allenamento strutturato del silat. Le culture di Torai, Batak e Dayak dimostrano l’influenza cinese e le armi cinesi sono spesso rappresentate nell’antica arte di Sumatra.

Alcuni templi cinesi pre-coloniali in Indonesia mostrano immagini marziali caratteristiche delle forme della Cina meridionale e molti metodi e armi del Silat sono di origine cinese.

Le influenze tra le varie aree geografiche è palpabile.

Kuntao silat combina le tecniche di silat e arti marziali cinesi (principalmente stili imitativi).

In Indonesia, in particolare, ogni comunità cinese aveva una qualche forma di kuntao, ma tradizionalmente lo teneva segreto.

Negli anni ’70, il kuntao veniva spesso usato di nascosto.

I suoi metodi non furono divulgati agli estranei, indipendentemente dalla nazionalità.

I cambiamenti avvennero alla fine del ventesimo secolo e Kuntao viene attualmente insegnato come una normale arte marziale.

Il Silat, una famosa arte marziale del Sud-Est asiatico, presenta una storia ricca e variegata, con influenze culturali diverse e stili unici sviluppati in diverse regioni, come l’Indonesia e la Malaysia. Esaminiamo alcuni aspetti chiave di questa disciplina:

Stili e Forme in Java

  • Chimande, Chikalong, Timbangan, e Chikaret: Questi quattro stili si sono sviluppati sull’isola di Java. Ognuno di questi stili possiede caratteristiche uniche, riflettendo la diversità culturale e marziale dell’isola.
  • Scuole dei Sundan: Rappresentano un altro aspetto importante del silat, con tecniche che differiscono dalle altre scuole javanesi.

Espansione e Sportizzazione

  • Competizioni Nazionali e Regionali: Recentemente, il silat ha guadagnato popolarità come sport, con la nascita di competizioni a livello nazionale e regionale.

Bela Diri (Autodifesa)

  • Componente Pericolosa: La sezione di autodifesa del silat è considerata particolarmente pericolosa, con tecniche efficaci in situazioni reali.
  • Aspetti Mistici: In passato, gli aspetti mistici del silat erano tenuti segreti e insegnati solo a studenti selezionati.

Influenze Culturali

  • Arte Marziale Cinese nel Sud-Est Asiatico: La presenza di arti marziali cinesi nelle isole della Malesia indica antichi contatti tra Cina e Sud-Est asiatico.
  • Templi Cinesi e Immagini Marziali: Alcuni templi pre-coloniali in Indonesia mostrano immagini marziali tipiche delle forme della Cina meridionale, suggerendo un’influenza cinese nelle tecniche e nelle armi del silat.

Kuntao Silat

  • Combinazione di Silat e Arti Marziali Cinesi: Il Kuntao silat fonde le tecniche del silat con quelle delle arti marziali cinesi, in particolare gli stili imitativi.
  • Tradizioni Segrete: Tradizionalmente, ogni comunità cinese in Indonesia aveva una forma di kuntao, mantenuta segreta fino agli anni ’70.
  • Divulgazione e Insegnamento Moderno: Verso la fine del ventesimo secolo, il kuntao ha iniziato ad essere insegnato come un’arte marziale normale, perdendo parte del suo carattere segreto.

Il Silat è un esempio affascinante di come le arti marziali possano riflettere e integrare la diversità culturale e storica delle regioni in cui si sviluppano.

La sua evoluzione dallo status di arte segreta a quello di sport competitivo e disciplina di autodifesa mostra la sua capacità di adattarsi e persistere nel tempo.

Tra gli stili originari dell’Indonesia facenti parte del Pencak Silat troviamo le seguenti forme:

  • Bakti Negara
  • Inti Ombak Pencak Silat
  • Perisai Diri
  • Cimande
  • Harimau
  • Serak

Tra gli stili originari della Malesia facenti parte del Silat Melayu troviamo le seguenti forme:

  • Lian padukan
  • Seni Gayung Fatani
  • Silat Pattani
  • seni Gayong|Silat Seni Gayong

Il Pencak Silat in Indonesia e il Silat Melayu in Malaysia sono due tradizioni ricche e diversificate di arti marziali nel Sud-Est asiatico.

Ognuna di queste tradizioni ha sviluppato diversi stili unici, rispecchiando la cultura e la storia delle loro rispettive regioni.

Ecco un riepilogo degli stili menzionati:

Stili Originari del Pencak Silat in Indonesia

  1. Bakti Negara: Uno stile che enfatizza sia l’aspetto fisico sia quello spirituale, con tecniche che riflettono una filosofia di difesa e protezione.
  2. Inti Ombak Pencak Silat: Caratterizzato da movimenti fluidi e ondulatori, simili alle onde, questo stile enfatizza la grazia e la flessibilità.
  3. Perisai Diri: Uno stile che combina velocità e agilità con tecniche di difesa, focalizzato sull’efficienza e l’efficacia.
  4. Cimande: Uno dei più antichi e rispettati stili di Pencak Silat, noto per i suoi movimenti fluidi e potenti.
  5. Harimau (Tigre): Questo stile imita i movimenti del tigre, mettendo in risalto agilità, velocità e potenza.
  6. Serak: Uno stile che si concentra su angolazioni precise e tecniche di bloccaggio, con un’enfasi sull’efficienza in combattimento.

Stili Originari del Silat Melayu in Malesia

  1. Lian Padukan: Un amalgama di diverse tecniche di silat, noto per la sua versatilità e adattabilità.
  2. Seni Gayung Fatani: Uno stile che si concentra sulla fluidità dei movimenti e l’efficacia delle tecniche di colpo.
  3. Silat Pattani: Uno stile distintivo influenzato dalla cultura e dalla storia della regione di Pattani.
  4. Seni Gayong/Silat Seni Gayong: Uno dei più famosi stili di Silat Melayu, noto per la sua enfasi sulla disciplina, l’etica e le tecniche di autodifesa.

Ciascuno di questi stili rappresenta un aspetto unico delle tradizioni marziali del Sud-Est asiatico, con un ricco patrimonio culturale e una filosofia profonda che trascende la pura applicazione fisica.

La varietà degli stili testimonia la ricchezza e la complessità del Silat come forma d’arte e come sistema di combattimento.

Le armi principali del Silat

L’arma principale dei popoli indonesiani era una spada unilaterale, scudo e lancia.

le armi più comuni utilizzate nell’arte marziale Silat sono chris, spear, machete, stick, karambit, falce e sarong.

Le armi corte sono quelle usate più spesso, ma anche il bastone e il “pareo” sono popolari e sono usati per autodifesa.

Il Silat, sia nelle sue forme indonesiane (Pencak Silat) sia in quelle malesi (Silat Melayu), incorpora un’ampia varietà di armi tradizionali nel suo repertorio.

Queste armi riflettono non solo la ricca cultura marziale della regione, ma anche la storia e le tradizioni delle popolazioni locali.

Ecco una panoramica delle principali armi utilizzate nel Silat:

Armi Tradizionali

  1. Kris (Keris): Un’arma distintiva del Sud-Est asiatico, il Kris è una daga con una lama ondulata, considerata sia un’arma che un oggetto spirituale.
  2. Lancia: Utilizzata per combattimenti a lunga distanza, la lancia nel Silat spesso presenta tecniche che integrano movimenti agili e rapidi.
  3. Machete: Simile alla parang o golok, questa grossa lama corta è utilizzata per colpi potenti e taglienti.
  4. Bastone (Stick): Il bastone, di varie lunghezze, è usato per tecniche di leva, colpi e difesa, dimostrando l’adattabilità del Silat a oggetti quotidiani.
  5. Karambit: Una piccola lama a forma di artiglio, il karambit è noto per la sua efficacia nel combattimento ravvicinato e nelle tecniche di taglio e trattenuta.
  6. Falce: Questo attrezzo agricolo è stato adattato come arma nel Silat, utilizzando la sua lama curva per tecniche di taglio e aggancio uniche.
  7. Sarong: Non solo un indumento, ma anche un’arma improvvisata nel Silat. Il sarong può essere usato per bloccare attacchi, intrappolare l’avversario, o anche per colpire.

Utilizzo delle Armi nel Silat

  • Armi Corte: Sono le più comunemente usate nel Silat, permettendo rapidità e agilità nel combattimento ravvicinato.
  • Bastone e Sarong: Anche se non tradizionalmente considerati armi, questi oggetti sono popolari per l’autodifesa nel Silat, dimostrando la filosofia del Silat di utilizzare qualsiasi oggetto a disposizione come mezzo di difesa.

La pratica delle armi nel Silat non è solo una dimostrazione di abilità fisica, ma anche un’espressione della storia culturale e del patrimonio del Sud-Est asiatico.

L’addestramento con queste armi nel Silat enfatizza l’importanza della precisione, del controllo e della comprensione spirituale, oltre alla pura abilità fisica.

Maphilindo Silat Silat l’arte marziale di Guro Dan Inosanto

Maphilindo Silat Silat l'arte marziale di Guro Dan Inosanto

Il più grande arcipelago della terra si estende dalla Malesia alla Nuova Guinea, composto da oltre 13.000 isole, dove è stata sviluppata la letale arte marziale Pentjak Silat.

In quest’area geografica attraverso guerre, scambi commerciali, migrazioni di popolazione e mescolanza di elementi culturali l’arte di Silat si è sviluppata e mutata dal IV al XX secolo d.C., le influenze sono forti da vari sistemi di combattimento e provengono da Cina, India, Nepal, Arabia e Filippine.

Esistono letteralmente centinaia di stili artistici in Indonesia, Malesia, Sumatra, Bali e Giava, attualmente considerati i più notevoli e diffusi:

  • Maphilindo Silat ,
  • Haka Kuntao Silat DeThouars , Bukti Negara,
  • Silat Lincah,
  • Mande Muda,
  • Bersilat e
  • Pukulan Serak.

Pentjak significa movimento fisico e Silat significa battaglia, l’espressione ha il significato di battaglia usando tecniche di autodifesa.

Ci sono numerosi stili e sistemi di arti marziali in Indonesia, Malesia, Sumatra, Bali e Giava, ed è interessante notare che hai menzionato alcune delle scuole e degli stili più notevoli e diffusi.

Ciascuno di questi ha le sue caratteristiche distintive, tradizioni e approcci al combattimento.

Ecco alcune informazioni aggiuntive su alcuni di questi stili:

  1. Maphilindo Silat: Questo stile è associato al famoso esperto di arti marziali Dan Inosanto, ed è una fusione di diverse arti marziali filippine, indonesiane e malese. Maphilindo Silat si concentra sulla praticità e sull’adattabilità in situazioni di combattimento.
  2. Haka Kuntao Silat DeThouars: Questo stile è noto per la sua combinazione di elementi di Kuntao (un’arte marziale cinese) e Silat. È stato sviluppato da Willem de Thouars e si concentra sulla fluidità dei movimenti e sulla capacità di rispondere agli attacchi in modo naturale.
  3. Bukti Negara: Questo è uno stile di Silat sviluppato in Malesia da Bob Orlando. Combina elementi di Silat, Kali (articolazione filippina) e altre arti marziali. La sua filosofia è basata sulla “scienza della lotta” e sull’uso efficiente del corpo in combattimento.
  4. Silat Lincah: Questo stile è noto per la sua enfasi sulla velocità e la mobilità. “Lincah” significa “agile” in malese, e gli stili di Silat Lincah sono caratterizzati da movimenti rapidi e agili.
  5. Mande Muda: Questo è uno stile tradizionale di Silat originario dell’isola di Sumatra. Si concentra su una vasta gamma di tecniche di combattimento, inclusi colpi, prese, proiezioni e armi.
  6. Bersilat: Il termine “bersilat” è spesso utilizzato in modo generico per riferirsi alle arti marziali malese e indonesiane in generale. Tuttavia, ci sono molte varianti e stili specifici di Bersilat in tutta la regione.
  7. Pukulan Serak: Questo stile è noto per i suoi movimenti circolari e l’uso efficace del corpo nella lotta a mani nude. È stato influenzato da diverse tradizioni di arti marziali e difesa personale.

Ogni uno di questi stili ha la sua comunità di praticanti e insegnanti dedicati, e contribuisce alla ricca diversità delle arti marziali in questa regione dell’Asia.

Ogni stile ha le sue tecniche, filosofie e approcci specifici, offrendo una vasta gamma di opzioni per chi desidera studiare le arti marziali in Indonesia, Malesia e le aree circostanti.

Pentjak Silat ha 3 aree di combattimento:

  • Pentjak Silat (difesa personale)
  • Penjang Gulat (wrestling)
  • Ujungan (armi)

Nella prima zona il praticante impara Djurus (in alto a torso movimenti e le tecniche di mano), Langkas (stimolazione), Sambuts (due uomini esercizi), Kembangan (libero, non definito ombra-boxing), di Sikap (posture), di Gerak (movimenti)) e Serangan (attacco).

Il Pentjak Silat è un arte marziale tradizionale dell’Indonesia, e ha effettivamente diverse aree di combattimento.

Tuttavia, le aree di combattimento tradizionali possono variare a seconda delle scuole e delle tradizioni specifiche all’interno del Pentjak Silat.

Le tre aree di combattimento menzionate sono comuni in alcune scuole di Pentjak Silat, ma potrebbero non essere riconosciute o insegnate in altre.

  1. Pentjak Silat (Difesa Personale): Questa è l’area principale del Pentjak Silat, che si concentra sulla difesa personale e sull’uso efficace delle tecniche di combattimento per proteggersi da attacchi. Questa parte include movimenti di calci, pugni, prese, proiezioni e blocchi, nonché l’allenamento per sviluppare la reattività e la consapevolezza durante gli scontri.
  2. Penjang Gulat (Wrestling): Questa è un’area che si concentra sul combattimento a contatto ravvicinato, simile alla lotta. Nelle scuole di Pentjak Silat che insegnano il Penjang Gulat, vengono sviluppate competenze nella lotta a terra, nelle prese e nelle leve, nonché nelle tecniche di proiezione. Questo aspetto può essere utile quando un combattente si trova in una situazione in cui è necessario affrontare un avversario corpo a corpo.
  3. Ujungan (Armi): Questa area riguarda l’uso e la difesa contro le armi. Nel Pentjak Silat, ci sono molte armi tradizionali coinvolte, come coltelli, bastoni, spade e altri oggetti affilati o contundenti. Gli studenti apprendono come maneggiare queste armi in modo sicuro ed efficace, nonché come difendersi da attacchi con armi.

È importante notare che queste tre aree di combattimento rappresentano solo una parte del Pentjak Silat e che ci possono essere molte variazioni all’interno di questa arte marziale, a seconda della scuola o del maestro.

Ogni scuola può enfatizzare diverse aspetti del Pentjak Silat a seconda delle tradizioni e degli obiettivi specifici di insegnamento.

Le posture dei movimenti hanno flusso, armonia, esplosività ei movimenti imitano vari animali come:

  • Monyet Monkey,
  • Kera Monkey,
  • Harimau Tiger,
  • Pamacan Panther,
  • Ular Senduk Cobra,
  • Ular Sawa Python e
  • Blekok Heron.

Nella seconda area il praticante impara a lottare, lanciare, controllare il corpo dell’avversario con una combinazione di rapidi colpi distruttivi, si tiene sempre conto che un attacco può essere massiccio quindi il praticante impara a combattere e combattere molti attaccanti con rilascio rapido.

Nella terza area il tirocinante impara ad utilizzare varie armi come: coltello Pisau , spada Pedang, tridente Cabang, bastone , asta Toya, Kerambit , manuale Keris, Sarong (tessuto), corda ecc. Mentre impara a usare vari oggetti dall’ambiente come armi in situazioni di autodifesa.

In Pentjak Silat, il praticante impara prima il combattimento a mani nude e poi le armi, in contrasto con i sistemi di combattimento filippini dove di solito impara prima le armi e poi il combattimento a mani nude.

L’uso di posture e movimenti fluidi, armoniosi ed esplosivi che imitano vari animali è un aspetto distintivo e affascinante del Pentjak Silat.

Ogni animale ha caratteristiche uniche nei suoi movimenti, nella sua agilità e nella sua forza, e queste caratteristiche vengono incorporate nelle tecniche del Pentjak Silat per aumentare l’efficacia e la versatilità del combattimento.

Ecco alcune brevi descrizioni di come questi animali influenzano il movimento nel Pentjak Silat:

  1. Monyet (Scimmia): Le tecniche di movimento ispirate alle scimmie possono includere agilità, agilità e rapidi cambi di direzione.
  2. Kera (Scimmia): Anche le scimmie Kera possono essere fonte di ispirazione per movimenti agili e rapidi, con un’enfasi sulla flessibilità.
  3. Harimau (Tigre): I movimenti del tigre possono essere utilizzati per incorporare la forza, la potenza e la ferocia nei colpi e nelle prese.
  4. Pamacan (Pantera): Le pantere sono conosciute per la loro agilità e il loro movimento silenzioso, che può essere incorporato nelle tecniche di stalking e attacco sorpresa.
  5. Ular Senduk (Cobra): Il movimento del cobra può essere utilizzato per enfatizzare le tecniche di attacco veloci e precisi, con movimenti simili a un colpo di serpente.
  6. Ular Sawa (Python): I movimenti del pitone possono essere incorporati nelle prese e nelle immobilizzazioni, sfruttando la forza e la costrizione del serpente.
  7. Blekok (Airone): I movimenti dell’airone possono essere usati per enfatizzare la grazia e la precisione nei movimenti, come un colpo di becco preciso.

L’uso di queste ispirazioni animali aggiunge profondità e diversità alle tecniche del Pentjak Silat, consentendo ai praticanti di adattarsi a una vasta gamma di situazioni e stili di combattimento.

Contribuisce all’estetica e all’arte del Pentjak Silat, rendendolo un’arte marziale unica e affascinante.

Sebbene ogni stile Pentjak Silat differisca da altri stili simili in termini di terminologia, stile e forma, tutti gli stili Pentjak Silat hanno i seguenti punti e principi in comune:

1. Kerojok , è la preparazione del combattente nella risposta efficace a più combattenti, attacchi di massa e l’uso di tecniche mortali per neutralizzarli.

2. Sepok Depok , sono calci eseguiti quando il praticante è a terra. Per lo più tali tecniche sono presentate in grande stile da Sumatra, in quest’area geografica la pioggia è molto intensa e il terreno è sempre scivoloso e fangoso con conseguente tutti gli scontri che finiscono al suolo. Con questo in mente, i combattenti di Pentjak Silat preferiscono essere a terra e calciare l’avversario in modo catastrofico piuttosto che in uno stato di combattimento.

3. Le tecniche di utilizzo di gomito, testa, palmo, palmo, pugno, intrappolamento del piede, lancio e bloccaggio sono presentate in stile Java.

4. Il sarong , un tessuto tradizionale di Bali e indossato intorno alla vita da tutti i praticanti del Pentjak Silat, viene utilizzato nelle tecniche di disarmo, annegamento, fissaggio e controllo.

5. Hit-Trapping , controllo istantaneo degli arti dell’avversario (intrappolamento di mani e piedi) per prepararsi a colpi forti, i praticanti usano due esercizi di base per ottenere questo controllo: Kilet (mani appiccicose) e Kaki Nempel (piedi appiccicosi).

6. Rotazione giroscopica , è il movimento e la rotazione del corpo dell’avversario per causare la perdita di equilibrio e il lancio, i principi della meccanica del corpo vengono utilizzati per raggiungere questo obiettivo.

7. Flusso continuo , flusso ininterrotto di battiti e movimento fisico. Il praticante impara a non riposizionare le sue armi (braccia, gambe, coltello) in una posizione di partenza dopo aver completato un attacco iniziale, ma a continuare a colpire e respingere diverse linee di attacco.

8. Distruzioni , il praticante impara a distruggere usando il gomito, l’avambraccio, il pugno e il palmo tagliato di qualsiasi colpo in arrivo dall’avversario. Questo riduce la capacità di combattimento dell’avversario e crea un’apertura per un contrattacco.

9. Eliminazione del rischio , il praticante impara per la sua fuga sicura da uno scontro per assicurarsi che l’avversario sia efficacemente neutralizzato, in modo che sia incapace di un contrattacco diretto.

Oltre al lato combattivo di Pentjak Silat chiamato Bela Diri (autodifesa), c’è anche il lato combattivo dell’arte chiamato Olah Raga che riguarda l’organizzazione di tornei dimostrativi di abilità e partite di combattimento.

Gli allenamenti sono solitamente condotti in abiti tradizionali e al suono della musica tradizionale Gamelan Gendang per rispettare e continuare la tradizione.

L’arte di Pentjak Silat è fiorente in Europa, principalmente nei Paesi Bassi, dove ci sono dozzine di scuole e stili, così come in Belgio, Inghilterra, Francia e Germania.

 

Terminologia del Silat

  • Adat: Rules of conduct: “Adat” rappresenta le regole di condotta, le consuetudini e le tradizioni sociali e culturali di una comunità o di un gruppo. Nelle arti marziali, seguire l’adat può essere parte integrante della pratica.

 

  • Balik Hadap: Questo termine significa “Girati.” Potrebbe riferirsi a un movimento o una tecnica che comporta il girarsi per affrontare un avversario o cambiare la tua orientazione durante il combattimento.
  • Bantingan: “Lanciare l’avversario.” Questo probabilmente si riferisce a tecniche o movimenti che coinvolgono il lancio o il getto di un avversario in un contesto di arti marziali.
  • Bapak / Pak: “Letteralmente padre, è un termine di rispetto usato per uomini più anziani di te.” In molte culture, compresa l’Indonesia, titoli di rispetto come “Bapak” o “Pak” sono comunemente usati per rivolgersi agli anziani o a individui in posizioni di autorità.
  • Bela Diri: “Autodifesa.” Questo termine indica la pratica e le tecniche utilizzate per l’autodifesa nelle arti marziali.
  • Beset: “Sgambetto posteriore o ostacolo da triplicare.” “Beset” sembra fare riferimento a una manovra di spazzamento o triplice nelle arti marziali, specialmente quando eseguita da dietro l’avversario.
  • Beset Dalem: “Spazzata interna.” Questo è probabilmente un tipo specifico di tecnica di spazzamento che coinvolge lo spazzare la gamba o le gambe di un avversario dall’interno.
  • Beset Luar: “Spazzata esterna.” Questo è un altro tipo di tecnica di spazzamento che coinvolge lo spazzare la gamba o le gambe di un avversario dall’esterno.
  • Blok: “Blocco.” Nelle arti marziali, il blocco si riferisce all’uso delle braccia o delle gambe per intercettare o deviare l’attacco di un avversario per proteggersi.
  • Buah: “Letteralmente significa ‘Frutto’.” Il termine “Buah” potrebbe essere usato in modo metaforico nelle arti marziali per riferirsi a tecniche o sequenze di movimenti.
  • Buang: “Lanciare via.” Nelle arti marziali, ciò potrebbe fare riferimento a tecniche che comportano il lancio di un avversario lontano da te o la rimozione di un ostacolo o una minaccia.
  • Buka: “Apertura.” Questo termine potrebbe essere usato per descrivere la creazione di un’opportunità o di un’apertura nella difesa del tuo avversario per eseguire un attacco o una tecnica.

 

  • Dalem: “Dentro.” Questo termine indica la posizione o la direzione verso l’interno o il centro.
  • Dasar Pasan: “Fluire con l’intero corpo.” Questo suggerisce che l’azione o il movimento coinvolge l’intero corpo in modo fluido e armonico.
  • Dekok: “Letteralmente fossato, fare parte del tuo corpo vuoto o vuoto.” Questo termine potrebbe riferirsi a tecniche che coinvolgono la creazione di un vuoto o uno spazio vuoto nella tua difesa o nella tua posizione per evitare un attacco.
  • Dempok: “Posizione seduta sulla schiena, con le gambe incrociate.” Questa è una posizione comune in molte culture asiatiche, spesso utilizzata per la meditazione o come posizione di riposo.
  • Depan: “Gomito verticale in aumento.” Questo termine potrebbe riferirsi a una tecnica che coinvolge l’uso del gomito in una posizione verticale in un movimento di aumento.
  • Djurus: “Letteralmente direzione o passi, si riferisce a una sequenza di movimenti come Kata nelle arti giapponesi.” Questo termine è simile al concetto di “Kata” nelle arti marziali giapponesi ed è una sequenza prestabilita di movimenti che possono essere praticati per scopi di addestramento.
  • Djurusan: “Tecniche dal Djurus.” Questo potrebbe riferirsi alle tecniche o ai movimenti specifici che sono parte di una sequenza di Djurus.
  • Dongkari: “Gomito verticale in discesa.” Questo termine potrebbe riferirsi a una tecnica che coinvolge l’uso del gomito in una posizione verticale in un movimento discendente.
  • Duduk: “Posizione seduta.” Questo termine indica una posizione in cui il praticante è seduto. La posizione può variare da una posizione sul pavimento a una posizione su una sedia o su una panca.
Silat Fighting Tips - Street Fight Mentality & Fight Sport
  • Ekos: “Fuga, evitare.” Questo termine si riferisce all’azione di sfuggire a una situazione o di evitare un attacco.
  • Garis: “Linea.” Questo termine indica una linea o un percorso, che potrebbe essere importante per il posizionamento, il movimento o l’attacco nelle arti marziali.
  • Gedor: “Schiaffo all’indietro.” Questo è un termine che potrebbe riferirsi a una tecnica che coinvolge l’uso del dorso della mano per colpire.
  • Gerakan: “Movimento.” Questo termine si riferisce all’azione di muoversi o eseguire un movimento specifico, che è fondamentale nelle arti marziali.
  • Goyong: “Scuotere.” Questo termine potrebbe essere utilizzato per descrivere un movimento di scuotimento o oscillazione in una tecnica o un movimento specifico.
  • Guar: “Colpire con il bordo (interno o esterno) della mano.” Questo indica l’uso del bordo della mano, sia l’interno che l’esterno, per colpire un obiettivo.
  • Gunting: “Forbici.” Questo termine potrebbe riferirsi all’atto di tagliare, schiacciare, intrappolare o eseguire colpi specchio, simili all’azione delle forbici.
  • Guru: “Insegnante.” Questo termine è utilizzato per riferirsi all’insegnante che conduce una lezione nelle arti marziali ed è anche un termine di rispetto nei confronti dell’insegnante.
  • Guru Muda: “Insegnante giovane.” Questo termine potrebbe riferirsi a un insegnante più giovane o meno esperto, rispetto a un “Guru” più anziano o più esperto.
  • Hormat: “Rispetto, lealtà, gratitudine.” Questo termine rappresenta il rispetto, la lealtà o il senso di gratitudine, che sono spesso valori fondamentali nelle arti marziali.
  • Jalur: “Linea retta.” Questo termine indica una linea retta, che può essere rilevante per la direzione e il movimento durante la pratica delle arti marziali.
  • Kailat: Questo termine può riferirsi all’intrusione in un’area aperta durante il combattimento o all’avvicinamento al bersaglio per eseguire una tecnica.
  • Kaisin: “Aprire e chiudere il cuore” può rappresentare una tecnica o un concetto in cui si manipola l’avversario aprendo e chiudendo il suo cuore metaforicamente, spesso coinvolgendo tecniche di blocco e colpi.
  • Kaki: Questo termine semplicemente significa “gamba” o “piede” ed è utilizzato per descrivere le parti inferiori degli arti del corpo utilizzate nelle tecniche di combattimento.
  • Kaki Besi Kanan: “Girare il piede a destra (calcio)” indica un movimento specifico in cui il praticante gira il piede destro per eseguire un calcio o per posizionarsi in modo appropriato.
  • Kaki Besi Kirie: “Girare il piede a sinistra (calcio)” è simile al termine precedente, ma si riferisce al movimento del piede sinistro per eseguire un calcio o per posizionarsi in modo specifico.
  • Kanan: Questo termine significa “destra” ed è utilizzato per indicare la direzione o lato destro durante le tecniche di combattimento.
  • Kedutan: “Palmo della mano” è una parte del corpo utilizzata per colpire o bloccare durante il combattimento.
  • Kelid: Questo termine rappresenta tecniche di schivata o movimenti per evitare un attacco da parte dell’avversario.
  • Kembangan: La “Danza dei fiori” è una sequenza coreografica di movimenti stilizzati utilizzata per l’allenamento nel combattimento ombra e la fluidità dei movimenti.
  • Kendang: Si riferisce a una sala di allenamento o a una scuola dedicata alla pratica delle arti marziali, in questo caso, il Silat.
  • Kilap: “Tuono” è uno stile di colpi mirati ai centri nervosi dell’avversario, progettato per disabilitare l’avversario in modo efficace.
  • Kilat: Questo termine si riferisce alla velocità di esecuzione precisa delle tecniche, dove la rapidità e la precisione sono fondamentali per il successo nel combattimento.
  • Kinjit: Si tratta di una tecnica di lancio specifica che mira al gomito dell’avversario per sottometterlo o disabilitarlo.
  • Kiri: “Sinistra” è utilizzato per indicare la direzione o lato sinistro durante le tecniche di combattimento.
Silat Fighting Tips - Street Fight Mentality & Fight Sport
  • Kuda-Kuda: Posizione (letteralmente cavallo-cavallo), si riferisce alle posizioni fondamentali utilizzate nelle arti marziali, spesso chiamate “stance” in inglese.
  • Kuda-Kuda Depan: Posizione frontale, una posizione in cui il praticante è rivolto verso l’avversario con entrambi i piedi in avanti.
  • Kuda-Kuda Belakang: Posizione posteriore, il praticante è rivolto lontano dall’avversario con un piede in avanti e uno indietro.
  • Kuda-Kuda Tengah: Posizione centrale (spesso chiamata posizione a cavalluccio in molte altre arti marziali), in cui il peso è distribuito uniformemente su entrambe le gambe e i piedi sono posizionati alla larghezza delle spalle.
  • Kuda-Kuda Samping: Posizione laterale, simile alla posizione frontale ma con il corpo rivolto lateralmente all’avversario, come se il praticante stesse affrontando un lato.
  • Kuda-Kuda Rendah: Posizione bassa, in cui il praticante abbassa il corpo in modo significativo mantenendo una posizione stabile.
Silat Fighting Tips - Street Fight Mentality & Fight Sport
  • Kunci: Bloccaggi, si riferisce alle tecniche di immobilizzazione o controllo delle articolazioni dell’avversario, spesso utilizzate per sottometterlo o disabilitarlo.
  • Kuncian: Il processo di esecuzione di blocchi o immobilizzazioni, ossia il blocco o il controllo delle articolazioni dell’avversario.
  • Kuntao: Inizialmente un’arte cinese, significa “La via della mano o del piede.” Questo termine potrebbe riferirsi all’influenza cinese sul Silat o all’integrazione di tecniche cinesi nelle pratiche di Silat.
  • Langkah: Passo e movimento dei piedi, fondamentale per la mobilità e il posizionamento durante il combattimento.
  • Langkah Lurus: Passo lineare, un tipo di movimento dei piedi in avanti o all’indietro in linea retta, spesso utilizzato per avanzare o ritirarsi.
  • Langkah Persegitiga: Passo triangolare, un tipo di movimento dei piedi che coinvolge passi angolati in modo da formare una figura triangolare, utile per cambiare angolazione o posizione rispetto all’avversario.
  • Langkah Persigiempat: Passo quadrato, simile al passo triangolare ma coinvolge movimenti in una figura quadrata, contribuendo a mantenere la stabilità e la posizione.
  • Langkah Bintang: Passo a stella, coinvolge movimenti dei piedi che formano una forma a stella, spesso utilizzato per variare rapidamente la posizione rispetto all’avversario.
  • Langkah Sigsag: Passo a zigzag, coinvolge movimenti irregolari e angolati dei piedi per confondere l’avversario o evitare gli attacchi in modo imprevedibile.
Silat Fighting Tips - Street Fight Mentality & Fight Sport
  • Latihan: Pratica, si riferisce all’allenamento e alla pratica delle tecniche di Silat per migliorare le abilità marziali.
  • Lompat: Saltare, indica l’atto di sollevare il corpo dall’area di combattimento, spesso utilizzato per evitare gli attacchi avversari o per eseguire tecniche di attacco.
  • Luar: Fuori, si riferisce all’esterno o a posizioni esterne rispetto al combattimento. Potrebbe anche riferirsi a tecniche o movimenti che coinvolgono l’uso dell’esterno del corpo o delle articolazioni.

 

  • Maha Guru: Insegnante senior, un riconoscimento per un maestro altamente qualificato e esperto nel Silat, spesso considerato un’autorità nelle arti marziali.
  • Maju: Avanzare, muoversi in avanti, un comando per spingere avanti o per avanzare durante il combattimento o l’allenamento.
  • Mundur: Indietreggiare, retrocedere, il contrario di “Maju,” indica il movimento per allontanarsi dall’avversario o per ritirarsi.
  • Murid: Studente di base o discepolo, si riferisce a chi sta apprendendo il Silat sotto la guida di un istruttore o di un maestro più esperto.
  • Paneges: Tagliare la base dell’avversario, potrebbe riferirsi a una tecnica che mira a destabilizzare l’avversario o a colpirlo alle gambe per farlo cadere.
  • Pantjar: Piattaforma geometrica sul pavimento, che potrebbe essere utilizzata come riferimento per il posizionamento o l’addestramento nelle arti marziali.
  • Pasang: Posizione di prontezza, posizione di combattimento, la posizione in cui il praticante si prepara per affrontare l’avversario.
  • Patahan: Rompere, indica l’atto di spezzare o fratturare qualcosa, potrebbe riferirsi a tecniche di rottura utilizzate nelle arti marziali.
  • Pentjak: L’arte del movimento ritmico concepito per l’autodifesa, indica il carattere ritmico e coordinato delle tecniche di Silat.
  • Pendekar: Un maestro delle arti marziali, un riconoscimento per un esperto altamente qualificato e rispettato nel Silat.
  • Pentjakkers: Persone che praticano il Pentjak Silat, ovvero gli appassionati e gli studenti delle arti marziali.
  • Pombas Mian: Uccidere l’avversario, un termine che potrebbe riferirsi a tecniche mortali o letali utilizzate solo in situazioni estreme di autodifesa.
  • Pukul: Pugno, colpo, si riferisce all’atto di colpire o pugnalare l’avversario con un pugno.
  • Pukul Ayer Terjun: Pugno cascata d’acqua, un termine che potrebbe riferirsi a una tecnica di pugno che ricorda il flusso dell’acqua o il suo movimento.
  • Pukul Lurus Tangan: Pugno dritto con la mano, una tecnica di pugno diretto e lineare.
  • Pukul Membalekan: Pugno invertito, un tipo di pugno che coinvolge un movimento inverso o un colpo non convenzionale.
  • Pukulan: Pugilato, colpire, rappresenta l’azione generale di pugilato e colpire nell’ambito del Silat.
  • Puter Kepala: Letteralmente “girare la testa,” indica l’atto di gettare una persona girando o torsionando la sua testa, una tecnica di proiezione.
  • Sabit: Calcio con l’area anteriore del piede, calciando da un lato all’altro. Questo termine può indicare calci eseguiti con la parte anteriore del piede, spesso utilizzati per attaccare da diverse angolazioni.
  • Sabit Tumit: Calci con il tallone. Questa tecnica coinvolge l’uso del tallone per colpire l’avversario.
  • Salamat: Ringraziare, esprimere gratitudine o apprezzamento.
  • Sambut: Modalità di allenamento per sviluppare il flusso. Durante questo tipo di allenamento, si passa da una tecnica all’altra senza che il partner si sposti o controbatti, sebbene possa offrire resistenza.
  • Sambutan: Modalità di allenamento per sviluppare il flusso in cui il partner si sposta dalla tua “essenza tecnica” e tu segui verso la successiva. Letteralmente significa “ricezione.”
  • Sapu: Scivolata alla caviglia, una tecnica di spazzata alla caviglia spesso utilizzata per ricollocare o disorientare l’avversario.
  • Sapu Luar: Scivolata interna, una tecnica di spazzata eseguita all’interno delle gambe dell’avversario.
  • Sapu Dalem: Scivolata esterna, una tecnica di spazzata eseguita all’esterno delle gambe dell’avversario.
  • Sekurum: Segno di croce o segno di addizione “+”.
  • Seliwa / Slewah: Mezza luna, si riferisce a una posizione che assomiglia alla posizione anteriore, ma con la gamba posteriore piegata.
  • Sempok: Posizione seduta anteriore, con le gambe incrociate. Può essere una posizione utilizzata durante l’allenamento o la pratica.
  • Sepah: Calcio, un termine generico per indicare un calcio.
  • Serangan: Attacco, l’azione di attaccare l’avversario.
  • Siap: Pronto, indica che uno è pronto per affrontare una situazione o un avversario.
  • Sikap: Posizione o postura del corpo, spesso si riferisce alla posizione di combattimento o alla postura utilizzata nelle arti marziali.
  • Sikut: Gomito orizzontale, un colpo eseguito con il gomito in una posizione orizzontale.
  • Sila / Siloh: Posizione seduta a croce, le due posizioni/movimenti di Sempok e Depok sono conosciute collettivamente come Siloh.
  • Silat: Abilità per la lotta, le arti marziali stesse.
  • Simur: Gomito di spinta, un colpo eseguito con il gomito in una maniera di spinta.
  • Sliwa: Schema di movimento a piedi quadrati utilizzato per insegnare l’inganno e l’evasione.
  • Sumbutan: Combattimento.
  • Susulan: Calcio inverso o calcio ad uncino.
  • Tameng: Scudo, un dispositivo utilizzato per la difesa, comunemente usato nelle arti marziali per bloccare gli attacchi avversari.
  • Tangan: Mano, parte del corpo spesso utilizzata nelle arti marziali per colpire o bloccare gli attacchi.
  • Tangkis: Bloccare o parare un colpo, una tecnica utilizzata per difendersi dagli attacchi avversari.
  • Tangkisan: Azione di blocco, l’atto di bloccare o parare un attacco.
  • Tebasan: Spazzare, l’azione di spazzare o pulire un’area, spesso utilizzata per disorientare l’avversario.
  • Teke: Pugno piatto o colpo di cobra, un tipo di pugno che può assomigliare alla testa di un cobra.
  • Tempiling: Schiaffo duro, un colpo eseguito con forza con la mano aperta.
  • Tendang: Calcio, l’azione di calciare l’avversario.
  • Tendangan: Calci, l’azione di effettuare calci, inclusi vari tipi di calci.
  • Tewak: Afferrare, l’azione di afferrare o prendere qualcosa o qualcuno.
  • Tewekan: Pugno a dito spinto, un tipo di pugno che coinvolge l’uso di dita per colpire.
  • Tiga: Triangolo, potrebbe riferirsi a una forma o una posizione che ricorda un triangolo.
  • Tileup: Deviazione circolare con il gomito, una tecnica di deviazione che coinvolge il gomito in un movimento circolare.

 

Numeri nel Silat

  1. Satu: Uno
  2. Dua: Due
  3. Tiga: Tre
  4. Empat: Quattro
  5. Lima: Cinque
  6. Enam: Sei
  7. Tujuh: Sette
  8. Delapan: Otto
  9. Sembilan: Nove
  10. Sepuluh: Dieci

Forme di ringraziamento

  • Selamat pagi: Buon mattino.
  • Selamat siang: Buon giorno.
  • Selamat sore: Buon pomeriggio.
  • Selamat malam: Buona sera.
  • Selamat tidur: Buona notte.
  • Selamat jalan: Addio.
  • Selamat tinggal: Addio (in senso più permanente, come un’addio a qualcuno che sta partendo per un lungo periodo).
  • Terima kasih: Grazie.
  • Sama-sama: Prego (come risposta a “grazie”).
  • Sampai bertemu lagi: Arrivederci (letteralmente “Fino a quando ci incontreremo di nuovo”).
  • Apa kabar?: Come va? / Come stai?

Terminologie varie usate nel Silat

Ecco una lista di terminologie in indonesiano legate alle arti marziali, insieme alle loro traduzioni in italiano e una breve spiegazione:

  1. BastoneTongkat: Un bastone, spesso utilizzato come arma o supporto nelle arti marziali.
  2. CerbottanaSumpitan: Una cerbottana, uno strumento per sparare dardi o proiettili.
  3. ColpirePukul: L’azione di colpire o colpire con forza.
  4. ColpoPukulan: Un colpo o un colpo inflitto durante un combattimento.
  5. ColtelloPisau: Un coltello, un’arma affilata utilizzata nelle arti marziali.
  6. CombinazioneKombinasi: Una sequenza di movimenti o colpi combinati in una tecnica o in un combattimento.
  7. CombattimentoTempuran: L’atto di combattere o scontrarsi con un avversario.
  8. DisarmarePerlucutan senjata: L’azione di privare l’avversario delle armi che sta utilizzando.
  9. EquilibrioKeseimbangan: La capacità di mantenere il proprio equilibrio durante una situazione di combattimento o durante un movimento.
  10. FalceSabit-arit: Una falce, un’arma affilata a forma curva.
  11. FondamentoDasar: I principi fondamentali o le basi delle arti marziali.
  12. ForbiciGunting: Le forbici, strumenti taglienti utilizzati in alcune tecniche marziali.
  13. FrustaPecut: Una frusta, uno strumento flessibile utilizzato come arma o per colpire.
  14. GomitoSiku: La parte del corpo corrispondente al gomito, spesso utilizzata per colpire o bloccare.
  15. InsegnanteGuru: L’insegnante che guida la pratica e l’apprendimento nelle arti marziali.
  16. KrissKeris: Un kriss, un tipo di pugnale tradizionale indonesiano con una lama ondulata.
  17. LampoKilat: Un lampo, una scarica luminosa.
  18. LanciaTombak: Una lancia, un’arma lunga utilizzata per attacchi a distanza.
  19. Lotta(malese) Pencak Silat: Un termine generico per la lotta o le arti marziali in Indonesia.
  20. MaestroGuru: Un maestro esperto nelle arti marziali.
  21. OrchestraGamelan: Un’orchestra tradizionale indonesiana composta principalmente da percussioni.
  22. PremereTekan: L’azione di spingere o premere contro un avversario.
  23. PressioneTekanan: La forza o la pressione esercitata durante una tecnica o un movimento.
  24. PugilatoTinju: Il pugilato o il combattimento a mani nude.
  25. PuntaPuncak: La punta o l’apice di un movimento o di una tecnica.
  26. RattanRoten: Il rattan, un materiale naturale utilizzato nella costruzione di armi come bastoni.
  27. RegolamentoPeraturan: Le regole o le norme che governano una competizione o una pratica sportiva.
  28. RespingereTolak: L’azione di respingere o allontanare un attacco avversario.
  29. RespirazionePernapasan: Il processo di inspirazione ed espirazione durante l’allenamento o il combattimento.
  30. RitmoIrama: Il ritmo o la sequenza temporale dei movimenti nelle arti marziali.
  31. SaltareMelompat: L’azione di saltare in aria o sopra un ostacolo.
  32. SarongSerung: Il sarong, un indumento tradizionale indonesiano, talvolta utilizzato nelle arti marziali.
  33. SchermaRencana: La scherma o l’arte di difendersi o attaccare con armi bianche.
  34. SciabolaPedang: Una sciabola, un tipo di spada utilizzata nelle arti marziali.
  35. SciamanoDukun: Uno sciamano o guaritore tradizionale indonesiano.
  36. ScudoPerisai: Uno scudo, uno strumento difensivo utilizzato per proteggersi dagli attacchi.
  37. ScureKapak: Un’ascia, un’arma affilata utilizzata per il combattimento.
  38. SfidaTantangan: Una sfida o un invito a combattere o dimostrare abilità.
  39. SportOlahraga: Uno sport o un’attività fisica competitiva.
  40. StrategiaSiasat: Una strategia o un piano di azione nelle arti marziali.
  41. TagliarePotong: L’azione di tagliare o dividere con un’arma affilata.
  42. TatticaSiasat: Tattiche o manovre utilizzate in combattimento o pratica.
  43. TestaKepala: La testa o la parte superiore del corpo.
  44. TirareTarik: L’azione di tirare o spostare qualcosa con forza.
  45. TorneoTurnamen: Un torneo o una competizione organizzata nelle arti marziali o in altri sport.

Questi termini sono spesso utilizzati nelle arti marziali indonesiane e possono essere utili per comprendere meglio il contesto e la terminologia di queste discipline.

 

Elenco degli stili di Silat Indonesiano

    1. Buaya (Coccodrillo) – Stile che imita le tecniche di attacco e difesa del coccodrillo, caratterizzate dalla potenza e dalla forza.
    2. Garuda (Aquila) – Questo stile si ispira all’aquila, simboleggiando la maestà, la vista acuta e la capacità di attaccare rapidamente dall’alto.
    3. Sendok – Non corrisponde al termine per “Cobra” in Indonesiano. Potrebbe essere un errore o una variazione dialettale.
    4. Naga (Drago) – Il drago, nella cultura indonesiana, è un simbolo di forza e saggezza. Lo stile Naga si ispira a questi attributi.
    5. Burung Elang (Falco) – Questo stile imita la velocità, l’agilità e la precisione del falco.
    6. Kucing (Gatto) – Caratterizzato dalla sua agilità e furtività, questo stile imita le caratteristiche di un gatto.
    7. Kilat (Lampo) – Simboleggia la velocità e l’imprevedibilità, come un lampo.
    8. Macan Tutul (Leopardo) – Ispirato al leopardo, questo stile enfatizza la velocità e l’agilità.
    9. Harimau (Tigre) – Uno degli stili più conosciuti, che imita la potenza, la ferocia e l’agilità della tigre.
    10. Kalong (Pipistrello) – Questo stile imita il volo e l’agilità dei pipistrelli, con movimenti che possono essere sia rapidi sia imprevedibili.
    11. Ular (Serpente/Pitone) – Rappresenta la fluidità e la flessibilità, imitando i movimenti sinuosi di un serpente.
    12. Tupai (Scoiattolo) – Questo stile si concentra sulla velocità e l’agilità, simili a quelle di uno scoiattolo.
    13. Kala Jengking (Scorpione) – Imita la natura difensiva e l’attacco pungente dello scorpione.
    14. Kura Kura (Tartaruga) – Si concentra sulla difesa e sulla resistenza, imitando la corazza di una tartaruga.
    15. Macan (potrebbe essere un termine generico per “grande felino”) – In generale, potrebbe riferirsi a stili ispirati ai grandi felini, come la tigre o il leopardo.
    16. Monyet (Scimmia) – Questo stile imita i movimenti agili e spesso giocosi delle scimmie.

 

Altre terminologie usate nel Silat Indonesiano:

    1. Usik Cikalong – “Movimento Totale”: Questo termine si riferisce a un tipo di movimento completo o complesso nel Silat, che potrebbe includere una combinazione di diverse tecniche.
    2. Batekan – “Energia Interna”: In molte arti marziali, l’energia interna si riferisce alla forza o potenza generata non solo fisicamente, ma anche mentalmente e spiritualmente.
    3. Parieu/Purilit – “Leva”: Questo termine indica una tecnica di leva, utilizzata per manipolare o controllare l’avversario sfruttando la meccanica del corpo.
    4. Pariesan-Tante Leve – Questo termine potrebbe riferirsi a una serie di tecniche di leva, o a una tecnica specifica che coinvolge l’uso di più leve.
    5. Rikesan Cikalong – “Tante Leve”: Similmente a “Pariesan”, questo termine indica l’uso di molteplici leve in una sequenza di tecniche.
    6. Tendang – “Calcio”: Questa è una tecnica di calcio, un elemento comune in molte arti marziali, inclusi vari stili di Silat.
    7. Tendangsan – “Tanti Calci”: Indica una serie di calci, forse in una combinazione o sequenza.
    8. Taok – “Afferrare”: Una tecnica fondamentale in molte arti marziali, l’atto di afferrare è essenziale per controllare l’avversario.
    9. Ganda – “Dimostrazione”: Questo termine potrebbe riferirsi a una dimostrazione o esibizione di tecniche di Silat, spesso usata per l’insegnamento o la presentazione delle competenze.

 

Conclusioni

Personalmente ho studiato due stili di Silat, Harimau e il Bela Diri, dove ho studiato il Silat Suffian Bela Diri del Brunei diffuso da Maule Mornie che è uno stile di Silat che trovo molto integrato e con aspetti comuni con il mio approccio e il mio percorso marziale e di studi di Kali Filippino.

Chi pratica sport da combattimento può trarre grandissimo giovamento nell’ampliare i propri orizzonti marziali/sportivi nello studio del Silat e del Kali o anche solo del Panantukan (la boxe filippina che è intrisa di dirty boxing o se vuoi illegal boxing), si può apprendere nuovi angoli di attacco, imparare posizioni in cui si diventa bersagli difficili e l’uso di combinazioni di colpi non conosciute dai più, cambi di ritmo continui e imprevedibili, tutti elementi che se combinati con un’altra arte marziale, arricchiscono enormemente un combattente.

Apprendere l’uso delle armi nel Silat e nel Kali da la possibilità di sapere come difendere, in caso di aggressione anche con un piccolo bastone, un ombrello, un giornale arrotolato, o qualsiasi altro oggetto simile.

Se le forze dell’ordine e i corpi militari in diverse parti del mondo studiano queste tecniche è per l’efficacia rilevata sul campo e non per una moda del momento.

Studiare Silat e il Kali filippino nelle loro forme tradizionali può essere una esperienza culturale che arricchisce oltre che estremamente interessante proprio come percorso marziale e di autodifesa che può durare per tutta la vita.

Lo studio di tutte le forme e le danze, che si ricollegano al contempo alle origini tribali, ai kung fu cinesi e alle arti indiane, non ha prezzo.

Studiando queste arti ci approcceremo a dei sistemi marziali completi: movimenti, gestione delle distanze, uso delle armi, studio dei punti deboli del corpo, studio della respirazione e delle energie interiori, colpi di pugno, di calcio, testate, gomitate, ginocchiate, colpi di spalla.

Ancora, anche atterramenti, proiezioni, sottomissioni e strangolamenti.

Niente è lasciato al caso.

Stay Tuned!

Street Fight Mentality

Andrea
Andreahttps://expertfightingtips.com
Con una passione per la difesa personale e gli sport da combattimento, mi distinguo come praticante e fervente cultore e ricercatore sulle metodologie di allenamento e strategie di combattimento. La mia esperienza abbraccia un vasto panorama di discipline: dal dinamismo del Boxing alla precisione del Muay Thai, dalla tecnica del Brazilian Jiu-Jitsu all'energia del Grappling, dal Combat Submission Wrestling (CSW) all'intensità del Mixed Martial Arts (MMA). Non solo insegno, ma vivo la filosofia di queste arti, affinando costantemente metodi e programmi di allenamento che trascendono il convenzionale. La mia essenza si riflette nell'autodifesa: Filipino Martial Arts (FMA), Dirty Boxing, Silat, l'efficacia del Jeet Kune Do & Kali, l'arte della scherma con coltelli e bastoni, e la tattica delle armi da fuoco. Incarno la filosofia "Street Fight Mentality", un approccio senza fronzoli, diretto e strategico, unito a un "State Of Love And Trust" che bilancia l'intensità con la serenità. Oltre al tatami, la mia curiosità e competenza si spingono verso orizzonti diversi: un blogger professionista con la penna sempre pronta, un bassista dal groove inconfondibile e un artigiano del coltello, dove ogni lama è un racconto di tradizione e innovazione. Questa sinfonia di abilità non solo definisce la mia identità professionale, ma dipinge il ritratto di un individuo che nella diversità trova la sua unica e inconfondibile voce e visione. Street Fight Mentality & Fight Sport! Andrea

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

SELF DEFENCE

FIGHT SPORT

Popular Articles

error: Content is protected !!