HomeSelf DefenceDifesa personale femminileCome aiutare una donna maltrattata

Come aiutare una donna maltrattata

donna maltrattata

Come aiutare una donna maltrattata.

La violenza domestica è purtroppo uno dei fenomeni più diffusi ed è per questo utile che tu conosca qualche suggerimento per capire se questo avviene a persone vicino a te e su come aiutare una donna maltrattata:

Molte donne maltrattate non sanno a chi rivolgersi per ottenere aiuto. Come aiutare una donna maltrattata Fighting Tips - Street Fight Mentality & Fight Sport

Non girarti mai dall’altra parte, un giorno potresti essere tu, tua sorella, una cara amica, ecc. e il tuo aiuto è importante, ma occorre essere preparati per affrontare una situazione di maltrattamento per offrire il tipo di aiuto adeguato.

Ci sono diversi segnali che indicano la violenza domestica, se sai riconoscerli ti aiuterà a identificare le donne maltrattate e a capire meglio la loro esperienza nella terribile drammaticità e a non sottovalutare nessun aspetto.

Chi fa violenza sulle donne è un vigliacco.

donna maltrattata

Gli effetti della violenza domestica su una donna maltrattata possono emergere in molti modi diversi:

Lesioni fisiche visibili di una donna maltrattata

  • Contusioni, lacerazioni, bruciature, segni di morsi e fratture – specialmente nella zona degli occhi, naso, denti e mascelle
  • Ferite durante la gravidanza, aborti “spontanei”, nascite premature
  • Inspiegabile ritardo nel cercare assistenza medica per ferite
  • Ferite multiple a diversi stadi di guarigione
  • Malattie che possono insorgere in situazioni di maltrattamento
  • Malattie da stress come mal di testa, mal di schiena, dolori cronici, disordini gastrointestinali, disordini del sonno, disordini alimentari e affaticamento
  • Condizioni legate a stati d’ansia: come palpitazioni cardiache, iperventilazione e attacchi di panico.
  • Meno frequentemente: depressione, pensieri e tentativi di suicidio, uso di alcool e altre droghe

donna maltrattata donna maltrattata

Effetti sul posto di lavoro di una donna maltrattata

  • Perdita di produttività, assenteismo cronico o ritardi molto frequenti, eccessive richieste di tempo libero
  • Incursioni e molestie sul lavoro da parte del maltrattante, di persona o per telefono
  • Cambio frequente di mansioni nel curriculum lavorativo della donna, o perdita dei lavori precedenti
  • Richieste di aiuto
  • Per problemi di “coppia” o “familiari”
  • Per dipendenza da alcool e da droghe
  • Per consulenze legali
  • Per problemi relativi alla “salute mentale”Molte richieste di aiuto mascherano in realtà problemi di violenza domestica.Come faccio a sapere se una donna viene maltrattata?

L’unico modo di sapere se una donna viene maltrattata è CHIEDERE.

Come aiutare una donna maltrattata Fighting Tips - Street Fight Mentality & Fight Sport

Non è vero che le donne maltrattate non vogliono parlare della loro situazione. Molte nascondono i maltrattamenti perché temono il compagno; il loro stato psicofisico ha le difese abbassate perché temono ripercussioni, di sentirsi a disagio, di essere colpevolizzate o di non essere credute.

Per comunicarle il tuo desidero di aiutarla e sostenerla, puoi:

  • Chiedere a lei in modo semplice e diretto, IN PRIVATO,
  • Avere un atteggiamento NON giudicante,
  • Non spingerla a fare niente,
  • Non pretendere che abbia subito FIDUCIA totale in te
  • Se ci sono dei fatti che ti hanno insospettito puoi dire:“Ho notato che … e mi preoccupo per te. Posso fare qualcosa per aiutarti?”. Oppure “Mi sembra che tu sia sotto pressione e infelice. Se hai bisogno di qualcuno con cui parlarne io sono sempre a disposizione, sarà una cosa riservata fra noi due”. Spesso si esita nell’aiutare una donna in difficoltà perché si ha l’impressione che “non sono fatti miei”. Questa falsa idea ha contribuito notevolmente a costruire l’isolamento delle donne e ad accrescere le difficoltà di prestare aiuto e supporto.Se decidete di chiedere, preparatevi a rispondere in modo supportivo. Cosa prepararsi ad offrire supporto. Ci sono molte cose che puoi fare per prepararti ad offrire sostegno, incoraggiamento e aiuto ad una donna maltrattata.
  • Preparati sul tema della violenza domestica, leggi, parla con operatrici dei centri anti-violenza.
  • Comincia la conversazione in privato e quando hai abbastanza tempo per parlare a lungo.
  • Abbandona le aspettative di trovare una soluzione “pronta e veloce”.
  • Sforzati di capire che la passività della donna può essere la sua strategia di sicurezza.
  • Verifica la correttezza dei tuoi atteggiamenti e opinioni sul maltrattamento e se necessario modificale. Le donne maltrattate non subiscono maltrattamenti per una loro mancanza. Sono donne intrappolate in relazioni coercitive a causa dell’uso della violenza e del controllo da parte dei loro partner. Atteggiamenti positivi per fornire sostegno e incoraggiamento.
  • Credile. Diglielo apertamente. Se conosci il suo compagno considera che molti maltrattanti si comportano in pubblico in modo molto diverso da come sono in privato.
  • Ascoltala attivamente, falle domande ma evita di dare giudizi e consigli. Sarà lei stessa a dirti ciò di cui ha bisogno.
  • Alleati con i suoi aspetti forti. Sulla base delle informazioni che vi fornisce e delle vostre osservazioni, individuate attivamente le modalità con cui ha sviluppato strategie per gestire la difficoltà della situazione; come ha risolto problemi e mostrato coraggio e determinazione, anche se gli sforzi non sono riusciti completamente. Aiutatela a costruire su questa forza.
  • Sostieni i suoi sentimenti. E’ comune per le donne in situazioni di maltrattamento di avere sentimenti ambivalenti – amore, paura, colpa e rabbia, speranza e tristezza. Dille che quello che prova è normali e ragionevole.
  • Evita di colpevolizzarla. Ditele che il maltrattamento non è colpa sua. Rinforzate il fatto che il maltrattamento è responsabilità del maltrattante e che è contro la legge, evitate di parlare male del maltrattante.
  • Prendi sul serio le sue paure. Se sei preoccupata per la sua sicurezza, dillo senza giudizio, “La tua situazione sembra pericolosa e sono preoccupata per la tua sicurezza”.
  • Offriti di aiutarla. Se ti chiede di fare qualcosa che puoi e vuoi fare, fallo. Se non puoi o non vuoi diglielo e aiutala a trovare altri modi per affrontare il bisogno, magari mettendola in contatto con chi può effettivamente aiutarla in quello che chiede.
  • Non dire mai a una persona maltrattata che la aiuti o che fai una cosa e poi ritratti e non la fai, le stai dando il colpo di grazia.
  • Usa creatività nell’aiutare la donna ad elaborare strategie di sicurezza. La chiave alla pianificazione della sicurezza è analizzare il problema, considerare tutte le possibilità e le alternative a disposizione, valutare i rischi ed i benefici e le diverse opinioni e trovare dei modi per ridurre i rischi. Offri idee, informazioni e punti di riferimento.
  • Sostieni le sue decisioni. Ricordati sempre che ci sono sempre rischi legati ad ogni decisione presa da una donna maltrattata. Se vuoi davvero aiutarla devi essere paziente e avere rispetto per le sue decisioni, anche se non sei d’accordo.

Come aiutare una donna maltrattata Fighting Tips - Street Fight Mentality & Fight Sport

Ora fai la tua parte!!

Stay Tuned! E non essere indifferente alle ingiustizie!

Street Fight Mentality

Andrea

Andrea
Andreahttps://expertfightingtips.com
Con una passione per la difesa personale e gli sport da combattimento, mi distinguo come praticante e fervente cultore e ricercatore sulle metodologie di allenamento e strategie di combattimento. La mia esperienza abbraccia un vasto panorama di discipline: dal dinamismo del Boxing alla precisione del Muay Thai, dalla tecnica del Brazilian Jiu-Jitsu all'energia del Grappling, dal Combat Submission Wrestling (CSW) all'intensità del Mixed Martial Arts (MMA). Non solo insegno, ma vivo la filosofia di queste arti, affinando costantemente metodi e programmi di allenamento che trascendono il convenzionale. La mia essenza si riflette nell'autodifesa: Filipino Martial Arts (FMA), Dirty Boxing, Silat, l'efficacia del Jeet Kune Do & Kali, l'arte della scherma con coltelli e bastoni, e la tattica delle armi da fuoco. Incarno la filosofia "Street Fight Mentality", un approccio senza fronzoli, diretto e strategico, unito a un "State Of Love And Trust" che bilancia l'intensità con la serenità. Oltre al tatami, la mia curiosità e competenza si spingono verso orizzonti diversi: un blogger professionista con la penna sempre pronta, un bassista dal groove inconfondibile e un artigiano del coltello, dove ogni lama è un racconto di tradizione e innovazione. Questa sinfonia di abilità non solo definisce la mia identità professionale, ma dipinge il ritratto di un individuo che nella diversità trova la sua unica e inconfondibile voce e visione. Street Fight Mentality & Fight Sport! Andrea
RELATED ARTICLES

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments

Maurizio Vita on Keysi Fighting Method
Maurizio Vita on Keysi Fighting Method
Angus Balboa on CorBag
Tor Carbone CrossFit on Crossfit per le arti marziali?
Andrea Resta on La ruota per addominali
Felicia Slivka on Kino Mutai
Vilfredo on Chin Na
Lorenzo Zulian on Chin Na
Lorenzo Zulian on Chin Na
Maurizio Vorzitelli on La geografia delle arti marziali
Roberto on Plastic Knuckle
dolore al ginocchio on L’igiene personale nel BJJ
corrado cobianchi on NiteCore Titanium 120 dB
The Who on Karambit
Eliza on Karambit
Giovanni on Karambit
Graciela on Karambit
Thako Jiu Jiutsu on Famosi Kimono per il BJJ
dolore al ginocchio on Pugno al mento
Adrianna on Pugno al mento
Medical center on Pugno al mento
error: Content is protected !!