in ,

La scelta della vittima

Lo studio di Grayson & Stein

La scelta della vittimaLa scelta della vittima, lo studio di Grayson & Stein del 1981.

Non è la prima volta che sul blog tratto questo argomento ma a parte in rari casi la scelta della vittima non è mai un evento casuale ma ha una sua sequenza logica.

C’è un importante ricerca che è stata eseguita più di 40 anni fa da Grayson e Stein e che è diventata un punto di riferimento per chi è un formatore di difesa personale quando si tratta il tema della selezione delle vittime di reati.

Ci sono alcuni testi e studi che diventano fondamentali o se vuoi di partenza per chi è interessato alla difesa personale e vuole capire meglio come riuscire a difendersi andando oltre all’aspetto puramente tecnico di combattimento che in qualche modo è la parte finale della formazione cioè quando tutto quello che hai studiato come livelli di attenzione, analisi del contesto, prevenzione, ecc. è fallito

Questo della scelta della vittima ma potrebbe essere esteso anche ad altro come la scelta della casa da scassinare, la vittima di uno stupro, ecc. è un argomento fondamentale perchè se non vuoi diventare un target di un aggressore è necessario che tu conosca il modo in cui vieni valutato da un criminale che vuole eseguire un reato ed è alla ricerca di una vittima.

“Quando esco in mare e preparo l’esca scelgo il punto dove pescare penso come loro, penso a quello che penserebbe un pesce!”

Devi pensare come un pesce non come un pescatore se vuoi capire che cosa vuole mangiare un aggressore!

Si tratta di un argomento che spesso viene trattato in maniera superficiale ed è per questo che nonostante i diversi post che troverai sul blog su questo argomento voglio entrare ancora più nel dettaglio.

In questo articolo voglio dare un’occhiata più in dettaglio a questo importantissimo pezzo di ricerca sui segnali non verbali / fisici che indicano il livello e il grado di vulnerabilità percepita che i predatori cercano quando selezionano le vittime.

Lo studio originale del 1981 di Grayson e Stein si è basato su un concetto incredibilmente semplice ma alquanto efficace e che dal mio punto di vista andrebbe ripetuto periodicamente ogni decina di anni e anche in paesi differenti.

Basta solo pensare come nel 1981 le persone non camminavano per strada guardando il proprio smartphone mentre camminano per strada, o hanno le cuffie nelle orecchie ascoltando musica a tutto volume, ecc.

La scelta della vittima

L’esperimento di Grayson e Stein e la scelta della vittima

L’esperimento di Grayson e Stein è stato così strutturato, hanno installato una videocamera in una strada di New York City, hanno filmato persone, nello specifico 60 persone mentre passavano tra le 10:00 e le 12:00 per un periodo di tre giorni.

Poi hanno mostrato il filmato a 12 condannati e autori di reati che hanno comportato violenza, e chiedendo loro di selezionare le persone che avrebbero preso di mira/vittimizzato dando un valore su una scala da 1 a 10, al fine di scoprire se c’erano segnali non verbali identificabili che erano comunemente raccolto/identificato e che li portavano a scegliere la vittima.

Un secondo gruppo di detenuti (53 individui) è stato utilizzato per rivedere i nastri e “confermare” / “stabilire” la scala di valutazione.

Entrambi i gruppi hanno etichettato venti delle persone filmate come “vittime potenzialmente facili” (con un valore da uno a tre sulla scala di valutazione), con diciannove individui etichettati come “non vittime”.

Quando si considerano l’età e il sesso, le persone più anziane (come classificate dai ricercatori e da un gruppo di esperti) avevano maggiori probabilità di essere giudicate come “bersagli d’assalto” e gli uomini più anziani avevano maggiori probabilità di essere selezionati rispetto alle donne anziane, sebbene non specificato in questa ricerca, altri studi/ricerche hanno mostrato che i criminali che commettono rapine in strada spesso esprimono l’opinione che commettere questo tipo di reati contro le donne non sia “maschile”, e che per questo prendono di mira solo gli uomini (cosa che lo studio Grayson e Stein ha confermato per tutte le età).

La scelta della vittima Fighting Tips - Street Fight Mentality & Fight Sport

Su questo aspetto come detto precedentemente sono passati più di 40 anni e ritengo che questa distinzione tra uomo e donna sia ancora valida in alcune culture e aree geografiche ma non è più dal mio punto di vista personale percentualmente valido come dato.

I due gruppi “vittime” e “non vittime” sono stati quindi sottoposti a Labananalysis (uno studio del movimento per 21 diverse componenti) da due analisti separati, dove sono stati confrontati per distinguere quali tipi di movimento fossero diversi e in che modo le vittime si sono mosse diversamente dalle non vittime.

Si scoprì che tra i due gruppi c’erano tre cose distinte che li differenziavano.

Il primo era lungo un passo.

A seconda della tua altezza hai una lunghezza del passo “naturale”, ad es. se sei più basso la tua lunghezza del passo è più corta e se sei più alto, è più lungo ecc.

È stato riscontrato che nel gruppo delle vittime una grande percentuale (42%) aveva una lunghezza del passo maggiore rispetto al gruppo delle non vittime.

È importante notare che quando i detenuti valutavano e selezionavano quegli individui che avrebbero potenzialmente vittimizzato, nessuno di loro poteva spiegare o articolare il motivo per cui hanno scelto gli individui che hanno fatto.

Ciò significa che qualsiasi spiegazione sul motivo per cui la lunghezza del passo è importante nella selezione delle vittime è speculativa e teorica, tuttavia offrirò i miei pensieri sulla sua rilevanza.

La scelta della vittima Fighting Tips - Street Fight Mentality & Fight Sport

L’effetto stranezza e la scelta della vittima

Quando si effettua la sorveglianza su grandi folle, o nelle stazioni, negli aeroporti, ecc., non si cercano mai individui specifici, si guarda semplicemente un gran numero di persone e si lascia che gli occhi siano attratti da movimenti “innaturali”, ad es. se stai guardando una folla che si muove verso uno stadio di calcio, “guardi” la massa che avanza di tifosi e lasci che gli occhi siano attratti da quegli individui che si stavano muovendo nella direzione opposta ecc.

Chiaramente ci sono persone che hanno una capacità di osservazione/percezione superiore alla media per predisposizione naturale e formazione che permette di osservare dettagli che passerebbero inosservate alla maggior parte delle persone che osservano la stessa scena.

Oggi la tecnologia permette di fare delle osservazioni supportate dalla tecnologia come in molti aeroporti in aree soggette a problemi come il traffico di droga ci sono telecamere dove sono impostati dei parametri con algoritmi che rilevano elementi come la temperatura, gestualità, movimenti specifici, scanner facciali, ecc. che aiutano gli osservatori delle forze dell’ordine a identificare dei potenziali criminali/trafficanti.

In natura questo è noto come “effetto stranezza” in cui i predatori che cercano di selezionare un bersaglio da una mandria/gregge/branco prenderanno di mira un animale che sembra diverso, per nessun altro motivo per cui sembra diverso, ad esempio una gazzella o uno gnu con le corna dipinte di bianco, ecc.

Il metodo dell’effetto stranezza è stato uno dei modi utilizzati per identificare i Boston Marathon Bombers (i fratelli Tsarnaev) nel 2013; tutti gli altri ripresi dalle telecamere di sorveglianza al traguardo dove è avvenuto l’attentato stavano guardando i corridori completare la gara, due individui si sono stati allontanati guardando una borsa, ecc.

La scelta della vittima Fighting Tips - Street Fight Mentality & Fight Sport

Ora per tornare allo studio, un’altra differenza tra i gruppi era che tutte le non vittime facevano oscillare i piedi, mentre nessuno nel gruppo delle vittime lo faceva, con il 35% di loro che alzava i piedi su e giù mentre camminava.

Potrebbe essere che un lungo passo non indichi una vulnerabilità intrinseca, ma piuttosto che attiri semplicemente l’attenzione perché è qualcosa che è “fuori luogo” e diverso ma potrebbe anche essere visto, come qualcuno che cerca anche se non consapevolmente di sembrare più grande/più alto di quello che è;

Se chiedi a qualcuno di cercare di sembrare più alto quando si muove, di solito aumenterà la lunghezza del passo quando cammina.

Nel complesso, la vittima tipica camminerebbe unilateralmente piuttosto che controlateralmente.

Il modo migliore per pensarci è esaminare il modo in cui cammini, ad esempio, se quando fai un passo con la gamba destra, il tuo braccio opposto/sinistro oscilla, stai camminando contro lateralmente, tuttavia se il tuo stesso braccio laterale/braccio destro oscilla ti stai muovendo unilateralmente.

La scelta della vittima

Questa mancanza di fluidità può attirare l’attenzione dei predatori, semplicemente perché è diverso dal modo in cui si muove la stragrande maggioranza delle persone, oppure può dimostrare una mancanza di coordinazione e atletismo, che indica un maggiore livello di vulnerabilità ecc.

Un altro fattore ciò che contribuisce alla “fluidità” è se il movimento del corpo è posturale o gestuale.

In generale quegli individui che erano percepiti come vittime, si muovevano/camminavano in maniera gestuale, dove le braccia e le gambe oscillano dallo stesso lato.

Da un punto di vista pratico, lo studio di Grayson e Stein mostra che camminare in posizione eretta, in modo naturale/fluido, senza una lunghezza del passo esagerata è un modo per ridurre le possibilità di apparire sul radar di un predatore. 

Da allora questo metodo di ricerca è stato replicato in diversi modi, con diversi gruppi oggetto di indagine e diversi elementi concentrati su ecc. e per questo integrerò in questo post altri studi basati su dei test simili a quello di Grayson & Stein ma inserendo delle variabili e dei contesti.

Voglio condividere con te anche questi aspetti di ricerca più ampliati e contestualizzati e che mettono in evidenza come alcuni soggetti siano più vulnerabili e di come i segnali non verbali e altre componenti possono fare prendere direzioni diverse a dei potenziali aggressori.

Ci sono stati molti altri studi che hanno esaminato l’andatura, lo stile di camminata ecc. che sembrano confermare i risultati dello studio Grayson e Stein: alcuni hanno persino sostituito attori umani con immagini create che replicano lo stile di camminata della vittima e della non vittima per indurre questa selezione e confermare con ancora più oggettività questa scelta della vittima.

Questo approccio può anche aiutare a fare venire fuori potenziali criminali.

Poiché i risultati di questa ricerca sembrano essere abbastanza chiari e apparentemente conclusivi, a molti altri ricercatori/psicologi/sociologi/criminologi è stato chiesto di iniziare a indagare su come gli individui predatori percepiscono e giudicano la vulnerabilità dal movimento da poter capire meglio come il modo in cui camminiamo e ci muoviamo può metterci nel radar di alcuni predatori.

Alcune persone sono più in sintonia con l’interpretazione della vulnerabilità di una persona attraverso il modo in cui camminano, si muovono e si comportano (segnali non verbali), rispetto ad altre.

Alcuni serial killer famosi hanno affermato che “poteva dirlo a una vittima dal modo in cui camminava per strada, dall’inclinazione della testa, dal modo in cui si comportava.

Come hai letto, una delle domande a cui risponde lo studio di Grayson e Stein, riguarda il genere, ad esempio, se le donne fossero più facilmente prese di mira rispetto agli uomini, ecc. ma è l’età che diventa un fattore determinante nella scelta della vittima,

Sono le persone anziane hanno maggiori probabilità di essere selezionate come vittime/bersagli, indipendentemente dal sesso.

E’ chiaro che studi basati sulla ricerca di Grayson e Stein si sono concentrati su quanto sia rilevante il movimento di un bersaglio, ma cosa succede se invece che una aggressione a scopo di rapina per il processo di selezione delle vittime la selezione avviene in relazione a un reato di stupro e aggressione sessuale.

Anche in questa tipologia di aggressione in cui l’autore è un estraneo, il modo in cui il bersaglio o target cammina e i suoi movimenti influiscono sulla loro vulnerabilità percepita.

 

L’esperimento di Murzynski e Degelman

Nel 1996, Murzynski e Degelman, hanno tentato di testare lo stesso metodo ma sostituendo nel test i criminali condannati per selezionare/giudicare la vulnerabilità con studenti di un’università e un gruppo di agenti delle forze dell’ordine.

Questi gruppi sono stati scelti, sulla base del fatto che:

  • le donne che frequentano l’università hanno maggiori probabilità di essere aggredite sessualmente da coetanei maschi rispetto alle donne che non frequentano l’università,
  • e perché è stato ipotizzato che coloro che lavorano nelle forze dell’ordine, in modo simile ai predatori nello studio di Grayson e Stein , riconoscerebbe e comprenderebbe i segnali di “vulnerabilità” che vengono comunicati attraverso il movimento, sulla base del fatto che avrebbero spesso a che fare con le vittime di reati, ecc. fuori dai criteri dello studio Grayson e Stein.

Gli attori sono stati divisi in tre gruppi, due dei quali camminavano come “vittime” e uno che si muoveva come “non vittime”.

Tutti i soggetti coinvolti nello studio erano di altezza/corporatura simili, aveva i capelli castani e gli era stato chiesto di avere espressioni facciali “neutre”.

Gli attori sono stati filmati mentre camminavano nella stessa direzione, e per la stessa durata, e hanno dovuto girare un angolo, che li ha allontanati dalla telecamera; questo ha fornito un angolo aggiuntivo da cui visualizzare il movimento (qualcosa che non faceva parte dello studio originale di Grayson e Stein).

Agli studenti (di sesso misto) e alle forze dell’ordine che hanno visto il video di questi attori è stato chiesto di valutarli su una scala di sei punti, sia per la vulnerabilità che per la fiducia.

Come nello studio effettuato da Grayson e Stein non sorprende che gli attori nei due gruppi di vittime abbiano ottenuto punteggi significativamente più alti sia per la vulnerabilità per “aggressione sessuale” che per la bassa fiducia in se stessi, rispetto a quelli del gruppo non vittima.

Questi risultati suggeriscono che rilevare la vulnerabilità e la bassa autostima è qualcosa che tutti gli individui hanno.

Sebbene sembri che tutti noi abbiamo un certo grado di capacità nel riconoscere la vulnerabilità e la mancanza di fiducia nel modo in cui gli altri camminano e si muovono, è stato riscontrato che un gruppo di persone è particolarmente bravo a identificare gli individui vulnerabili. 

Gli psicopatici e quelli con tratti psicopatici sono più bravi dei non psicopatici nell’identificare la vulnerabilità sia attraverso il movimento che le conversazioni.

Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che coloro che ottengono un punteggio elevato nella PCL-R (Revised Psychopathy Checklist), spesso devono apprendere ed elaborare consapevolmente le emozioni, poiché loro stessi non le sentono.

Come ha detto Cleckley, “conoscono le parole ma non la musica” che significa che riconoscono le emozioni, le sanno recitare ma non le provano veramente.

Gli psicopatici di successo, quelli che imparano ad inserirsi nella società, non leggono intuitivamente lo stato emotivo di una persona come fa la maggior parte di noi, ma invece hanno imparato quali espressioni e linguaggio del corpo che accompagnano la rabbia, paura e altre emozioni.

In un certo senso possono essere più bravi nell’identificare come reagiscono le altre persone ecc., perché devono studiare, informarsi e leggere attivamente e consapevolmente le altre persone per rispondere in modo corretto e appropriato in base al contesto.

Di solito sono quegli psicopatici che non sono in grado o non riescono a imparare come interagire e rispondere alle persone che finiscono nel sistema carcerario: gli psicopatici “di successo” sanno come giocare.

Questo apprendimento consapevole delle emozioni può essere il modo in cui imparano la maggior parte delle cose, come essere in grado di identificare la vulnerabilità e la scarsa fiducia in se stessi e l’autostima.

Nel tentativo di comprendere il mondo che li circonda, stanno quasi confrontando azioni e comportamenti rispetto a un elenco di cose che devono essere presenti affinché possano riconoscere ciò che una persona sta provando o meno.

 

Psychopathy Checklist-Revised (acronimo: PCL-R)

La Psychopathy Checklist o Hare Psychopathy Checklist-Revised, adesso nominata Psychopathy Checklist-Revised (acronimo: PCL-R), è un test psicologico per la valutazione della psicopatia negli individui.

Si tratta di un inventario composto da 20 item riguardo a tratti di personalità percepiti e comportamenti registrati, destinato a essere completato sulla base di un’intervista semi-strutturata insieme a una revisione di “informazioni collaterali” come i registri ufficiali.

La PCL è stata originariamente sviluppata negli anni ’70 dallo psicologo canadese Robert D. Hare per l’uso in alcuni esperimenti psicologici.

Il test è basato in parte dal lavoro di Hare sui criminali e detenuti maschi di Vancouver, e in parte dall’influente lavoro clinico dello psichiatra americano Hervey M. Cleckley, pubblicato nel 1941.

Il punteggio ottenuto potrebbe avere conseguenze importanti per il futuro del soggetto esaminato, per cui il test deve essere utilizzato e somministrato in modo particolarmente accurato.

Hare sostiene che il test deve essere considerato valido solo se somministrato da un clinico adeguatamente qualificato ed esperto, sotto condizioni scientificamente standardizzate, controllate e autorizzate.

Hare ottenne le royalty sull’uso autorizzato del test.

In termini psicometrici, la versione attuale della checklist ha due fattori (insiemi di punteggi correlati) che correlano circa 0,5 l’uno con l’altro, con Fattore Uno più vicino al concetto di personalità originale di Cleckley, rispetto al Fattore Due.

La checklist di Hare non include le “caratteristiche di aggiustamento positivo” che Cleckley aveva invece considerato.

Descrizione del PCL-R item

La PCL è una scala composta da venti item ognuno dei quali indica tre valori (0, 1, 2) sotteso a due fattori.

Il Fattore 2 è associato a deficit comportamentali o ad uno stile di vita antisociale, più precisamente: la rabbia reattiva, l’ansia, un aumento dei tentativi di suicidio, criminalità e violenza impulsiva.

Il Fattore 1, al contrario, è associato al deficit di personalità o al narcisismo aggressivo, e più precisamente: estroversione ed effetto positivo.

Nel Fattore 1, i cosiddetti tratti principali della personalità di psicopatia, possono anche essere utili per lo psicopatico (in termini di non funzionamento dei devianti sociali).

Entrambe le analisi di caso e le interviste semi-strutturate sono usate per l’analisi.

PCL-R item

La PCL-R è composta da 20 item.

Essi indagano la sfera affettiva, interpersonale e le caratteristiche comportamentali dell’individuo.

Ogni item è valutato su un punteggio da zero a due. La somma totale determina l’ampiezza della psicopatia di una persona:

Fattore 1: narcisismo aggressivo.

  1. Fascino superficiale;
  2. Senso di sé grandioso;
  3. Menzogna patologica;
  4. Impostore / manipolativo;
  5. Assenza di rimorso o senso di colpa;
  6. Affettività superficiale;
  7. Mancanza di empatia;
  8. Mancanza di accettazione della responsabilità per le proprie azioni.

Fattore 2: stile di vita socialmente deviante.

  1. Bisogno di stimoli / propensione alla noia;
  2. Stile di vita parassitario;
  3. Scarso controllo comportamentale;
  4. Promiscuità nel comportamento sessuale;
  5. Mancanza di obiettivi realistici / a lungo termine;
  6. Impulsività;
  7. Irresponsabilità;
  8. Delinquenza minorile;
  9. Problemi comportamentali precoci;
  10. Revoca della libertà condizionale;
  11. Molte relazioni coniugali a breve termine;
  12. Versatilità criminale.

Un problema relativo alla valutazione di soggetti che possono presentare caratteristiche affettive, relazionali e comportamentali associati alla psicopatia, è la capacità di superare i pregiudizi di genere quando le caratteristiche psicopatiche sono presenti nelle femmine.

La Hare Psychopathy Checklist Revised ha sia percentili e tabelle T-score per i trasgressori di sesso maschile e femminile.

fast-facts-about-serial-killers-2

Conclusioni

La scelta della vittima è ormai chiaro che non è casuale e la ricerca comunque sembra dimostrare che:

  • camminare in posizione eretta,
  • in modo connesso,
  • evitando una lunghezza del passo esagerata,

è un buon modo per stare lontano dal “radar” di un predatore.

Da un punto di vista pratico, lo studio di Grayson e Stein e quelli successivi mostrano che camminare in posizione eretta, in modo naturale/fluido, senza una lunghezza del passo esagerata è un modo per ridurre le possibilità di apparire sul radar di un predatore. 

Continua a seguire il blog!

Stay Tuned!

Street Fight Mentality & Fight Sport

Andrea

La scelta della vittima Fighting Tips - Street Fight Mentality & Fight Sport

What do you think?

Written by Andrea

Instructor and enthusiast of Self Defence and Fight Sport.

# Boxing / Muay Thai / Brazilian Jiu Jitsu / Grappling / CSW / MMA / Method & Training.
# Self Defence / FMA / Dirty Boxing / Silat / Jeet Kune Do & Kali / Fencing Knife / Stick Fighting / Weapons / Firearms / Strategy.

Street Fight Mentality & Fight Sport!

State Of Love And Trust!

Other: Engineer / Professional Blogger / Bass Player / Knifemaker

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *